E' conveniente puntare sul futuro dell'ATV?

Vorrei tornare un momento all’argomento dell’accesso indipendente allo spazio per l’Europa. L’idea di poter trasformare l’ATV in un veicolo manned capace di rientro per poterlo utilizzare per accedere con i propri mezzi alla ISS è molto interessante ma arriva con almeno 10 anni di ritardo… mi spiego meglio: la vita operativa della ISS arriverà al 2015/2020… anche partendo domani con la progettazione di un ATV manned non saremo pronti prima del 2018/2020? A quel punto a cosa sarà servito? Il progetto ATV è partito nel 1993 e ci sono voluti 15 (dico 15!) per vederlo volare (senza considerare che non era destinato al volo umano…)
Non sarebbe quindi più efficace sfruttare (per l’accesso in LEO) la solida tecnologia russa acquistando direttamente Soyuz (vettore e capsula quanto possono costare… 60/80 milioni di Euro?), pitturarlo con il logo ESA e lanciarla da Kourou? Tanto il prossimo anno la rampa sarà già pronta… In fondo parliamo di circa 5/10 anni di utilizzo che, alla media di due lanci annui tutti europei portano la spesa totale a 600/1600 milioni di Euro, poco se confrontati con la spesa di trasformare ATV (ed Ariane) in manned…
So che la trasformazione di un ATV manned potrebbe dare incremento all’industria spaziale europea ma forse questi sforzi sarebbe meglio indirizzarli in un lanciatore e veicolo manned futuro.
I fondi destinati ad un accesso europeo potrebbero essere utilizzati per sviluppare il progetto Marte o un nuovo veicolo (con lo sviluppo ulteriore della tecnologia) per dopo il 2020 magari anche completamente riutilizzabile…
Ripeto, dispiace non aver avuto un mezzo europeo ORA (o al massimo fra due anni) e non fra dieci/dodici anni…
Che ne pensate?

Credo che se verrà approvata una evoluzione manned dell’ATV questa non avrà nulla a che fare con la ISS.
Oggi il quadro della ISS è completo e sarà difficile che qualsiasi Agenzia spenda ulteriore denaro rispetto a quello già programmato.
Lo sviluppo, come sottolineato da Bignami più volte è in relazione ai programmi ESA a medio termine quale mezzo indispensabile per pensare di attuare un programma di Esplorazione proprio, qualunque esso sia.
Comprare Soyuz può essere vantaggioso, e infatti è stata una scelta condivisibile quella attuata fino ad ora, e per la ISS probabilmente si continuerà a farlo, dopo probabilmente non ci sarà più una Soyuz… e gli scenari sono quelli che conosciamo…

E’ importante notare comunque che parlando di evoluzione manned di ATV, significa disegnare ex-novo tutto il modulo abitativo, “buttando” in pratica quello attuale, di esso non si potrà mantenere pressochè nulla. Discorso diverso è invece quello riguardo al Modulo di Servizio che potrebbe ottimamente funzionare anche su un mezzo manned, con relativamente poche modifiche.
Quindi pensare a un mezzo nuovo invece di sviluppare ATV è un po’ errato come concetto in quanto di ATV si terrebbe solo il modulo di servizio mentre tutto il resto sarebbe comunque nuovo, a partire dal lanciatore e le infrastrutture di terra.

Riguardo alla domanda del thread… molto personalmente… punterei tutto e subito su un’evoluzione manned di ATV, ha tutte le potenzialità per poter diventare un’ottimo mezzo per l’accesso in LEO e non solo, per l’Europa.

Quindi l’ATV manned non ha niente a che fare con la ISS… :kissing_heart: Allora siamo quasi daccordo. :wink:
Resta comunque il problema di un accesso alla ISS fino al termine della vita operativa.
L’unica strada percorribile è, pertanto, l’acquisto di Soyuz dalla Russia.

Direi che per il breve, medio periodo è l’unica soluzione percorribile, mentre per il medio e lungo periodo l’ATV manned potrebbe effettivamente diventare un ottimo mezzo per l’accesso LEO per l’Europa e probabilmente non solo per l?europa!

Scusa ma non capisco su cosa basi questa valutazione… :kissing_heart:
Tralasciando la faccenda costi, e volontà,
non credi che che sia possibile o fattibile vedere attraccato un ATV manned alla ISS?
Io credo di si! Se solo lo volessero…

Mah… correggetemi se sbaglio.
Con l’ATV abbiamo finalmente un ottimo veicolo in grado di portare in orbita tanto materiale.
Dopo la ISS svoglio sperare ci sarà altro in orbita, non credo abbandoneremo un presidio in LEO, o no ?!
Modificare l’ATV per trasformarla in manned non ha senso. Come diceva Albyz ne rimarrebbe ben poco.
L’Europa ha comunque dimostrato di avere i mezzi per costruire una propria capsula manned, e soprattutto i vettori per lanciarla.
Certo, se potessimo partire adesso con progettazione, prove e costruzione… i tempi sarebbero di certo lunghissimi, ma non molto di più che per una improbabile modifica dell’ATV ! Ed avremmo una capsula moderna, interamente europea, in grado di restare in servizio anche per decenni,
slegandoci dagli americani e dai russi (ricordiamo che la situazione politica mondiale è in costante movimento, e che gli ‘amici’ di oggi
domani potrebberlo non esserlo più tanto).
C’é volonta politica ? Ci sono i soldi ? C’é la giusta motivazione ed un adeguato ritorno scientifico, tecnologico ed… economico ?
Secondo me ci sarebbero tutte le condizioni, temo manchi il ‘coraggio’.
Intanto può non essere sbagliato comprare voli dai russi, ma senza perdere di vista la possibilità di svincolarsi da tutti prima o poi.

 Salute e Latinum per tutti !

Dipende dalla vita utile che avrà ancora la ISS, se questa terminerà nel 2016 ho i miei dubbi che possa arrivare in tempo, se poi venisse allungata, beh magari c’è qualche possibilità ma sicuramente l’ATV non verrebbe sviluppato per la ISS, allo stesso modo del CEV che non viene sviluppato per la Stazione.
La volontà credo ormai sia abbastanza condivisa, è solo questione di tappe intermedie, la prima è stata la precedente ministeriale in cui si è commissionato uno studio di avan-progetto (non per l’ATV in specifico ma per un mezzo in generale) e per la prossima si dovrà prendere la decisione finale su cosa sviluppare, credo che il SE sviluppare qualche cosa sia abbastanza scontato dai commeti che si fanno in giro.

Questo è giusto, ma la vedo un po’ diversamente, se si decidesse di costruire qualche cosa di interamente Europeo questo nuovo mezzo certamente erediterà importanti soluzioni utilizzate su ATV, come ad esempio un’evoluzione del SM, l’integrazione con il lanciatore ecc. se questa vogliamo nominarla evoluzione dell’ATV, non so se sia corretto, però non credo ci siano altre possibilità, non essendo questa un’evoluzione di una cosa vecchia o antiquata, l’ATV è il massimo della tecnologia oggi, per cui un mezzo derivato da esso rimarrebbe comunque ai vertici delle potenzialità.
Insomma non concordo nel fare le distinzioni, nuovo mezzo ed evoluzione di ATV, quello che si realizzerà deriverà certamente in parte dalle conoscenze di ATV, ma sarà anche totalmente nuovo per la parte non trasferibile. Chiamatela evoluzione di ATV o mezzo nuovo, penso che la soluzione possibile sia solamente una.

L’ATV è per sua definizione man rated, e non manned, e fin qui siamo tutti d’accordo. Renderlo manned è possibile, ma ovviamente sarebbe tale come composizione di una eventuale stazione orbitante europea, che comunque potremmo costruire benissimo perchè in europa abbiamo notevole know how sui moduli pressurizzati, specialmente in italia ed a Thales Alenia Space. Tuttavia l’accesso allo spazio è un’altra cosa: serve un nuovo progetto. In questo gli europei partono in svantaggio, dopo aver sperperato purtroppo 1 miliardo di euro per la fase B di Hermes. Solo una tecnologia simil Soyuz oppure capsula sarebbe raggiungibile in pochi anni. Nel caso si punti ad altro, meglio la cooperazione internazionale con la Russia. In sostanza, ATV come SM può andare, ma solo con un design di CM tipo Apollo. Altrimenti, se non si vuole perdere il know how, potrà servire come modulo della futura euro ISS. E secondo me andiamo proprio verso questa strada :wink:

Chiaramente quando parlavo di acquistare Soyuz dalla Russia lo dicevo per il breve/medio termine ovvero fino al 2015… dopo di che è ovvio che SPERO l’Europa abbia un proprio accesso al LEO altrimenti conviene chiudere tutto…
Concordo con Albyz che l’ATV modificato per diventare manned è molto poco ATV e parecchio NUOVO… Ma se il SM è preticamente già pronto la capsula per il rientro e tutta da definire anche se l’ESA aveva fatto degli studi in proposito nel 1998 con l’ARD (Atmospheric Reentry Demonstrator):

http://cs.astrium.eads.net/sp/SpacecraftPropulsion/Showcase/ARD.htm

http://www.esa.int/esapub/bulletin/bullet82/cazau82.htm

http://en.wikipedia.org/wiki/Atmospheric_Reentry_Demonstrator