ESA valuta l'acquisto di ulteriori Soyuz dalla Russia

L’ESA ha avviato i contatti per le procedure di acquisto di capsule Soyuz precedentemente non previste per poter incremetare le proprie opportunità di volo a partire dal 2013.
In particolare ESA ha formalmente chiesto a Mosca se sia possibile aumentare l’attuale rateo di produzione, da 4 a 5 Soyuz all’anno, per poterne acquistare ulteriori, probabilmente insieme all’Agenzia Canadese, anch’essa interessata ad un aumento di opportunità di volo.
Simonetta di Pippo ha confermato l’intenzione di voler acquistare ulteriori possibilità di volo a partire dal 2013, quando entreranno in servizio anche i 6 nuovi membri del corpo astronauti europeo.
ESA, sempre dalle parole della responsabile voli umani dell’Agenzia Europea, vorrebbe avere almeno un volo all’anno per un astronauta europeo dal 2013, questo può essere fatto in diversi modi, e l’acquisto di Soyuz dedicate è una delle possibilità valutate.
Le discussioni sono iniziate al recente salone aerospaziale Russo MAKS 2009 ma dovranno essere valutati diversi aspetti tecnici prima di procedere con una decisione definitiva, fra questi la reale possibilità di sostenere un rateo di produzione e lancio così sostenuto e la possibilità di inserire i nuovi voli nella programmazione per la gestione dei portelli di aggancio sulla ISS.
L’impressione avuta da parte Europea è stata positiva sulle reali capacità Russe e nel giro di 2-3 mesi si dovrebbe avere una proposta di acquisto formale Russa.

Attualmente l’ESA sta trascorrendo un periodo decisamente roseo per il proprio corpo astronauti, frutto del lavoro svolto negli anni passati sull’assegnazione delle opportunità di volo, Leopold Eyharts e Hans Schlegel hanno concluso con pieno successo un anno fa un volo shuttle e una expedition sulla ISS per l’installazione di Columbus, Christer Fuglesang è attualmente in orbita con STS-128 insieme a Frank De Winne membro dell’equipaggio della ISS e prossimo Comandante della Stazione, Paolo Nespoli e Roberto Vittori voleranno il prossimo anno rispettivamente con una expedition di 6 mesi e su STS-134 come ultimo europeo che volerà sulla navetta americana e Andre Kuipers nel 2011 parteciperà ad una ulteriore expedition sulla ISS.
In totale 7 degli 8 attuali membri attivi del corpo astronauti ESA hanno avuto un’opportunità di volo fra il 2008 e il 2011, un risultato senza ombra di dubbio eccellente nella gestione dello stesso con i partner internazionali ed è attualmente il momento di confermare tali risultati cominciando a pensare alle opportunità di volo anche per i 6 nuovi futuri astronauti europei.

Si, è davvero ragguardevole il risultato degli astronauti ESA in termini di voli e voli pianificati, mi sembra superiore in maniera sostanziale rispetto agli anni passati…

Ovviamente la prospettiva dell’acquisto delle Soyuz o di options in tal senso si rende necessaria visto il clima di incertezza in seno all’amministrazione americana e, di riflesso, alla NASA…

Quali sono le altre possibilità? Orion? COTS-D?

Paolo Amoroso

Probabilmente si, ma non e’ stato dichiarato…

Ritengo questo un passo necessario per mantenere una programmazione decente senza avere grossi buchi anche a causa dei problemi NASA… Bisogna sempre valutare ogni possibilità!