Expedition 60 Mission Log

2 Mi Piace

20 Luglio 2019

Al Cosmodromo di Bajkonur in Kazakhstan, le squadre stanno ultimando gli ultimi dettagli per il lancio verso la Stazione Spaziale Internazionale dell’astronauta NASA Nick Hague, di Luca Parmitano dell’Agenzia Spaziale Europea e di Alexander Skvortsov dell’Agenzia spaziale russa Roscosmos. Il loro viaggio verso la Stazione inizierà sabato con il decollo quando in Italia saranno le 18:28 (le 21:28 a Bajkonur), 50 anni dopo il giorno in cui gli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin camminarono sulla superfice lunare che rappresenta un grande balzo per l’umanità.

Sarà possibile seguire la diretta del lancio su NASA TV e sul sito ufficiale NASA a partire dalle ore 17:30 italiane. I tre partenti si uniranno agli astronauti della NASA Nick Hague e Christina Koch ed al Comandante dell’Expedition 60 Alexey Ovchinin della Roscosmos.

L’equipaggio dell’Expedition 60 trascorrerà più di 6 mesi sulla Stazione conducendo circa 250 ricerche scientifiche in campi come la biologia, la scienza della Terra, la ricerca umana, le scienze fisiche, e lo sviluppo tecnologico. Il lavoro all’interno di un unico laboratorio in microgravità porta avanti il sapere scientifico e valuta nuove tecnologie, facendo fare un passo avanti alla ricerca che consentirà un’esplorazione umana e robotica di lunga durata della Luna e di Marte.

Alcune delle ricerche che verranno condotte sulla Stazione sono finanziate dal U.S. National Laboratory , indicato dal Congresso per massimizzare il suo uso per il miglioramento della qualità della vita sulla Terra. La parte clou delle prossime ricerche che l’equipaggio promuoverà nel laboratorio orbitante che si trova in una particolare condizione di microgravità riguardano la crescita dei muschi sulla Stazione, una piattaforma per il successo di un tentativo di stampaggio dei tessuti biologici ed il bio-mining nello spazio.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/07/19/nasa-tv-covers-station-crew-launch-live-saturday-on-apollo-50th/

4 Mi Piace

Parmitano è sull’ISS!!!

Consueto riepilogo dei veicoli attraccati e della loro posizione sulla Stazione

3 Mi Piace

Il solito buon contributo de ilPost.it.

2 Mi Piace

Nuovo articolo di Marco Zambianchi pubblicato su AstronautiNEWS.it

3 Mi Piace
2 Mi Piace

Gli highlights di ESA
https://youtu.be/D3Pgg2sPVuk

2 Mi Piace

ISS Daily Summary Report – 7/19/2019

Sojuz MS-13 Launch/Dock: Il lancio della Sojuz che porterà Alexander Skvortsov, Luca Parmitano ed Andrew Morgan è in programma per domani, 20 luglio, dal Cosmodromo di Bajkonur alle ore 18:28 italiane. L’attracco al portello posteriore del modulo di sevizio Zvezda è previsto per 01:50 con l’apertura del portello alle ore 03:04 dopo il quale ci sarà un ISS Safery Briefing con tutti e 6 i membri dell’equipaggio.

Cell Biology Experiment Facility (CBEF): L’equipaggio ha configurato il collegamento video cablato con il Cell Biology Experiment Facility in vista delle operazioni per lo studio Space Moss dopo il suo arrivo con il cargo Dragon CRS-18. Il CBEF è un sub rack facility dell’agenzia spaziale giapponese (JAXA) composto da un incubatore ed un generatore di gravità artificiale.

LSG (Life Sciences Glovebox): L’equipaggio ha predisposto il sistema di decontaminazione del Life Sciences Glovebox in vista dell’arrivo a bordo del cargo Dragon CRS-18 dell’esperimento Cell Science-02 . E’ un’area di lavoro isolata in cui si svolgono le ricerche sulla scienza della vita e sulla tecnologia ed è grande quanto un piano da lavoro, per questo motivo ci possono lavorare due persone allo stesso momento.

Materials Science Research Rack (MSRR-1): L’equipaggio ha sostituito i vecchi computer portatili T61P con i più recenti Z-Book e caricato il software. Il Materials Science Research Rack viene utilizzato per la ricerca sui materiali di base in una condizione di microgravità della Stazione. Può ospitare e supportare diversi moduli sperimentali. Molti tipi di materiali, come metalli, leghe, polimeri, semiconduttori, ceramiche, cristalli e vetri, possono essere studiati per scoprire nuove applicazioni per materiali esistenti e materiali nuovi o migliorati.

Plasma Krystall-4 (PK-4): L’equipaggio ha rivisto le procedure per il PK-4 Experiment Campaign . Si tratta di una collaborazione scientifica tra ESA e Roscosmos che svolge delle ricerche in ambito di miscele gassose a bassa temperatura composte da gas ionizzati, gas inerte e particelle nell’ordine dei micron.

Lab Low Temperature (LT) Internal Thermal Control System (ITCS) Flow Increase: La velocità del Lab LT Pump Package Assembly è aumentata da 18900 a 19843 giri al minuto così da aumentare il flusso del refrigerante per le operazioni del carico utile adesso attraverso la missione Dragon CRS-18. Questa è la prima di diverse configurazioni per ottimizzare il flusso che devono essere approvate in seguito a prove in orbita eseguite a giugno.

On-Board Training (OBT) Emergency Procedure Review: L’equipaggio ha ripassato i ruoli e procedure d’emergenza in previsione dell’attracco della Sojuz MS-13. Questa Sojuz attraccherà al portello posteriore del Modulo di Servizio Zvezda, per consentire la dimostrazione tecnica di attracco della Sojuz MS-14 al modulo Poisk il mese prossimo.

https://blogs.nasa.gov/stationreport/2019/07/19/iss-daily-summary-report-7192019/
#iss-daily-status-report

3 Mi Piace

22 Luglio 2019

SpaceX spera di lanciare giovedì alle 00:24 (italiane) la sua 18esima missione Dragon commissionata per il rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale. Questa sarà il terzo volo di questo particolare veicolo cargo riutilizzabile collocato in cima ad un razzo Falcon 9 .

L’equipaggio dell’Expedition 60 è adesso al completo con l’arrivo di tre nuovi ingegneri di volo, che sono arrivati domenica con la Sojuz MS-13, portando gli abitanti della Stazione a 6. Andrew Morgan della NASA, Luca Parmitano dell’Agenzia Spaziale Europea ed Alexander Skvortsov di Roscosmos si stanno abituando alla loro nuova casa nello spazio e stanno lavorando per portare il laboratorio in orbita a pieno regime.

Andrew Morgan venerdì mattina sarà in servizio per il veicolo cargo Dragon, monitorando il suo avvicinamento alla Stazione. Gli astronauti della NASA Nick Hague e Christina Koch lo cattureranno intorno alle 13:00 con il braccio robotico Canadarm2. Il Dragon sta trasportando diversi apparecchi di ricerca a sostegno della salute umana oltre all’ International Docking Adapter-3 (IDA-3) per i veicoli commerciali di Boeing e SpaceX.

I responsabili della Stazione stanno pianificando una spacewalk per completare l’installazione dell’ International Docking Adapter-3 al portello rivolto verso lo spazio del modulo Harmony o Nodo 2. Lunedì Luca Parmitano, Nick Hague e Christina Koch hanno collaborato per svolgere la manutenzione delle tute per EVA statunitensi in vista della futura spacewalk .

I cosmonauti Alexey Ovchinin ed Alexander Skvortsov si sono dedicati alla scienza ed alla manutenzione nel segmento russo della Stazione. Alexey Ovchinin ha fotografato lo stato del portello di attracco del modulo di servizio Zvezda e controllato i valori delle radiazioni. Alexander Skvortsov, adesso alla sua terza missione sulla Stazione, ha fatto l’inventario degli apparecchi portati sulla Stazione con la sua Sojuz MS-13.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/07/22/fully-staffed-station-crew-kicks-off-busy-week-waiting-for-dragon/

3 Mi Piace

Luca ha ripreso a twittare :grinning:

3 Mi Piace

Si comincia presto, bene.

1 Mi Piace

Un bel timelapse di Christina con una Luna in eclissi parziale che non tramonta.
Ripreso il 20 luglio 2019.

3 Mi Piace

La ripresa è del 16 luglio. Sono arrivati i frames anche su EOL.

Ah.
Allora tutto il bla bla sul 50° perde un po’.
Grazie Riky.

1 Mi Piace

23 Luglio 2019

Oggi i 4 astronauti dell’Expedition 60 si stanno riposando a fronte delle operazioni in programma per accogliere un veicolo cargo nella giornata di venerdì. Nel frattempo i due cosmonauti hanno controllato i sistemi del veicolo Sojuz appena arrivato e preso dei campioni di aria sulla Stazione Spaziale Internazionale.

SpaceX ha intenzione di lanciare giovedì alle 00:24 CEST il suo veicolo cargo Dragon che rifornirà la Stazione. I meteorologi, tuttavia, predicono una probabilità del 30% di meteo favorevole per un lancio dal Cape Canaveral Air Force Station in Florida.

Se giovedì il lancio avverrà puntuale il cargo Dragon raggiungerà la Stazione il venerdì mattina, carico di nuovi esperimenti scientifici ed il nuovo International Docking Adapter-3 . Gli ingegneri di volo della NASA Nick Hague e Christina Koch saranno impegnati nella Cupola a manovrare il braccio robotico Canadarm2 per catturare il veicolo cargo intorno alle 13:00 CEST, mentre l’ingegnere di volo Andrew Morgan terrà sotto controllo la sua telemetria durante l’avvicinamento al laboratorio orbitante.

Quest’oggi i nuovi arrivati sulla Stazione tra cui Andrew Morgan, Luca Parmitano ed Alexander Skvortsov si stanno mettendo alla pari con i sistemi della Stazione. Si stanno orientando in microgravità mentre eseguono operazioni di ricerca e di manutenzione a bordo del laboratorio.

Il Comandante della Stazione Alexey Ovchinin ha verificato la qualità dell’aria in tutto il segmento russo della Stazione. Alexander Skvortsov ha controllato la guarnizione del portello e ricaricato le batterie nella nuova Sojuz MS-13 attraccata al modulo di servizio Zvezda.

Verso la fine della giornata, i tutti e 6 i membri dell’equipaggio si sono riuniti per circa un’ora per ripassare i loro ruoli e responsabilità nel caso in cui ci fosse un’emergenza. I 4 astronauti ed i 2 cosmonauti hanno rivisto le procedure, i dispositivi di sicurezza e la via di fuga nel remoto caso di un incendio e di una perdita di pressione sulla Stazione.

https://blogs.nasa.gov/spacestation/2019/07/23/astronauts-relaxing-ahead-of-u-s-cargo-mission/

4 Mi Piace

ISS Daily Summary Report – 22/07/2019

Sojuz MS-13 Launch/Dock: Il lancio della Sojuz MS-13 è avvenuto sabato 20 luglio alle 18:28 CEST dal Cosmodromo di Bajkonur trasportando sulla Stazione Alexander Skvortsov, Luca Parmitano ed Andrew Morgan. La capsula ha attraccato al portello posteriore del modulo di servizio Zvezda intorno alle 01:48 CEST ed i portelli si sono aperti verso le 03:04. Dopo l’apertura, tutti e 6 i membri dell’equipaggio hanno svolto un ISS Crew Safety Briefing durante il quale l’equipaggio della Sojuz MS-12 (Alexey Ovchinin, Christina Koch e Nick Hague) ha preso confidenza con l’equipaggio appena arrivato sui potenziali pericoli e le misure di sicurezza disponibili. I piani sono stati rivisti per le azioni d’emergenza, ruoli e responsabilità in risposta di una depressurizzazione, fuoco e rilascio di sostanze tossiche (es. ammoniaca).

The ISS Experience: Durante il fine settimana, l’equipaggio ha utilizzato il ISS Experience Z-Camera ed ha registrato un’ora dell’ingresso sulla Stazione dell’equipaggio della Sojuz MS-13. The ISS Experience crea un film-documentario in realtà virtuale sulla vita quotidiana a bordo della Stazione. I filmati di 8/10 minuti raccolti durante 6 mesi di ricerca scientifica coprono differenti aspetti della vita dell’equipaggio, svolgimento della scienza a bordo della Stazione, e le partnership internazionali coinvolte. ISS Experience usa delle telecamere Z-CAM V1 Pro Cinematic Virtual Reality (VR) a 360 gradi con 9 lenti fisheye da 190 gradi.

Actiwatch Spectrum: Dopo l’arrivo sulla Stazione, l’equipaggio della Sojuz MS-13 ha indossato dei Actiwatches . L’ Actiwatch Spectrum è un controllore del sonno-veglia, impermeabile e non invasivo che viene indossato al polso del membro dell’equipaggio. Il dispositivo contiene un accelerometro per controllare il movimento e la sensibilità al colore dei fotodiodi (un rilevatore fotoelettrico capace di convertire la luce in voltaggio) per tenere sotto controllo l’illuminazione ambientale. Nell’insieme, queste capacità consentono all’ Actiwatch Spectrum di analizzare i ritmi circadiani, l’andamento del sonno-veglia e dell’attività.

Dose Distribution Inside the ISS – 3D (DOSIS 3D): L’equipaggio ha sparso gli undici dosimetri DOSIS-3D nel modulo Columbus. Questo esperimento si avvale di rilevatori passivi e attivi per quantificare le dosi di radiazioni all’interno della Stazione e fornisce documenti riguardo l’attuale natura e distribuzione dei campi radioattivi. Basandosi su questi dati, verrà sviluppata una mappa sintetica tridimensionale sulla distribuzione della dose in tutti le parti della Stazione basandosi su questi dati e quelli provenienti dai dispositivi analoghi della JAXA e della NASA.

Combustion Integration Rack (CIR)/Advanced Combustion via Microgravity Experiments (ACME)/Flame Design : L’equipaggio ha sostituito le bombolette di azoto e ossigeno molecolare all’interno della struttura ACME. La ricerca Flame Design studia la produzione e il controllo di fuliggine per ottimizzare una combustione ricca di ossigeno e la forma di fiamme robuste prive di fuliggine. La fuliggine può influire negativamente sull’efficienza, sulle emissioni e sulla durata di vita delle apparecchiature, per cui ciò può portare a progetti di bruciatori più efficienti e puliti. Come parte del progetto ACME , l’esperimento è condotto nel CIR con fiamme sferiche di combustibili gassosi.

Cell Biology Experiment Facility (CBEF): L’equipaggio ha installato e predisposto gli umidificatori in entrambe le strutture Micro-G e 1-G del Cell Biology Experiment Facility . Il CBEF è un sub rack facility dell’agenzia spaziale giapponese (JAXA) composto da un incubatore ed un generatore di gravità artificiale. E’ collocato nel Saibo Experiment Rack insieme ad una Clean Bench .

Genes in Space-6: L’equipaggio ha acquisito dei tamponi dal Permanent Multipurpose Module e dal laboratorio giapponese Kibo. Il danneggiamento nel DNA, o acido desossiribonucleico, causato da una maggiore esposizione alle radiazioni può incidere nel tempo sulla salute degli astronauti. Genes in Space-6 determina i migliori meccanismi di riparazione del DNA che le cellule usano nell’ambito del volo spaziale. Lo studio esamina per la prima volta l’intero processo nello spazio inducendo il deterioramento del DNA nelle cellule e valutando la mutazione e la riparazione a livello molecolare utilizzando il miniPCR e gli strumenti del Biomolecule Sequencer a bordo della Stazione.

Thermal Amine Scrubber (TAS) Operations: Sabato dopo l’arrivo della Sojuz MS-13 è stato attivato il Thermal Amine Scrubber ma si è spento improvvisamente domenica a causa una sovracorrente al ventilatore. Inizialmente è stato attivato il Node 3 Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA però per migliorare il bilanciamento energetico le squadre di supporto a terra hanno proceduto all’accensione del US LAB CDRA che rimane in funzione. Le squadre a terre stanno valutando lo spegnimento del TAS.

International Docking Adapter (IDA)3 Extravehicular Activity (EVA) Preparations: In preparazione dell’imminente Attività Extra-Veicolare per l’assemblaggio dell’ International Docking Adapter-3 , l’equipaggio ha fatto quanto segue:

  • Ispezione del Retractable Equipment Tether per controllare eventuali danni alle corde;

  • Revisione del Photo TV Camera accessories bag verificando il contenuto del sacchetto e scattato alcune fotografie degli oggetti per un controllo da terra;

  • NASA Zero-Gravity Lever (NZGL) Familiarization : si tratta di un connettore elettrico standard e di dati per le EVA utilizzato nella parte statunitense della Stazione. L’equipaggio ha ripassato le operazioni e aggirato un evento in cui avessero difficoltà durante una EVA.

Dragon On-Board Training (OBT) : In vista dell’arrivo del veicolo cargo Dragon CRS-18 l’equipaggio ha ripassato il materiale per la formazione, concluso un riepilogo della configurazione della fase di attracco del Dragon e ripassato le operazioni da fare. Il lancio del cargo è previsto per il 25 luglio con la cattura e l’aggancio alla Stazione il 26 luglio.

https://blogs.nasa.gov/stationreport/2019/07/22/iss-daily-summary-report-7222019/
#iss-daily-status-report

3 Mi Piace

Da chi sarà fatta questa EVA?

I vari responasabili e dirigenti la stanno pianificando e per questo non c’è nulla di ufficiale a riguardo ma di certo avverrà dopo il 15 agosto. Detto tra noi, non mi stupirei che i due spacewalker siano scelti proprio da chi ha lavorato recentemente sulle tute ovvero Christina Koch, Nick Hague e Luca Parmitano senza togliere ovviamente nulla ad Andrew Morgan.

1 Mi Piace