Il 'Codice da Vinci' incontra Google e diventa un gioco-reality on line

L’avete letto?

Il libro è diventato subito un caso e un super best seller, con oltre 40 milioni di copie vendute nel mondo. Del film, interpretato da Tom Hanks e Audrey Tatou, prossimamente in uscita nelle sale di tutto il mondo, si parla da tempo moltissimo, con corollario di polemiche. Per ingannare l’attesa - e per aumentare parallelamente il tam-tam in vista del 19 maggio, data della prima della pellicola - ora il “Codice da Vinci”, con la complicità di Google, sperimenta la forma del puzzle, naturalmente on line.

Era già approdato sulle console e sui telefonini come videogioco, ma per gli appassionati - e sono tanti - del thriller di Dan Brown non era abbastanza. Da qui è nata l’idea di una vera e propria gara da giocare giorno per giorno, “con abilità, intelligenza e perseveranza”, come si legge sul sito. Quasi come se fosse un reality.

E in effetti le regole si assomigliano: il gioco-racconto durerà 24 giorni, fino all’11 maggio, con tanto di premio finale in palio. Per partecipare bisogna conoscere la storia del “Codice” fin nei minimi particolari: i vari puzzle sono studiati per ingannare il concorrente, che deve sapersi destreggiare non solo sui temi-chiave della trama, ma anche sui simboli logici, sul linguaggio degli scacchi; deve essere capace di orientarsi sulle mappe della città e interpretare video-indovinelli. Chi uscirà indenne dalle 24 giornate di gioco - quasi un tour de force - si aggiudicherà un biglietto per Parigi in Eurostar.

Per il momento possono partecipare alla competizione solo i giocatori inglesi, americani e australiani, ma c’è da scommettere che il puzzle on line diventerà presto un successo planetario. E in attesa del verdetto del botteghino, Dan Brown si gode il successo della sua creatura e quello giudiziario, dopo essere stato scagionato, insieme alla casa editrice, dal tribunale inglese dall’accusa di plagio.

da repubblica.it