Il futuro del KSC

Durante una conferenza pubblica Bob Cabana, ex comandante shuttle ed attuale Direttore del Kennedy Space Center, ha reso noti i cambiamenti che lo storico centro spaziale della Florida subirà per adeguarsi alla nuova politica della NASA.

In particolare il VAB, le due rampe di lancio del Complex-39, il Launch Control Center e tutte le strutture di supporto dovranno essere aggiornate e rese disponibili alle compagnie private che entreranno nel mercato con i loro programmi.

“Sia che si tratti di un lancio governativo o privato, le nostre strutture dovranno sempre essere disponibili, aggiornate e pronte, per dimostrare che siamo sempre il primo centro spaziale al mondo.”

Attualmente nessuna compagnia privata ha dichiarato di volersi stabilire al KSC quindi, nonostante le rassicurazioni dei dirigenti NASA, il futuro del centro rimane abbastanza incerto.

“Il Launch Complex 39 non deve andare sprecato, è una struttura unica nel suo genere che credo si adatterà benissimo al prossimo utilizzo commerciale.”

SpaceX ed ULA, due delle compagnie scelte dal nuovo programma commerciale, già operano nell’adiacente base dell’USAF di Cape Canaveral, ULA gestisce i lanci dei vettori Delta ed Atlas da vari Complex, mentre SpaceX ha una nuova rampa dedicata al Complex 40.
Secondo il proprio presidente ed amministratore delegato Michael Gass, ULA non avrebbe ancora deciso se rinnovare le proprie strutture o spostarsi al nuovo KSC.

Secondo la richiesta di budget per l’anno fiscale 2011, la base dovrebbe ricevere quasi 2 miliardi di dollari spalmati in 5 anni, proprio per adeguarsi al nuovo mercato.
Cabana ricorda che quasi tutte le strutture risalgono ai gloriosi anni '60 e che il possibile sarà fatto per la modernizzazione.

“Uno degli interventi più urgenti riguarderà l’Eastern Range che monitora il lancio di ogni razzo, attualmente la transizione da un lancio ad un’altro richiede 48 ore, ma con l’attuale tecnologia contiamo di ridurla a meno di un’ora.”

Altri interventi riguarderanno le infrastrutture, cablaggi, fibre ottiche, i sistemi riguardanti i propellenti e la rete delle consegne dei materiali.

“Ci sarà molto da lavorare per migliorare il centro, renderlo più flessibile ed efficiente, più automatizzato e che permetta di compiere un lavoro in maniera migliore, in definitiva dobbiamo rendere il KSC più commercial-friendly.”

Dopo l’ultimo lancio dello shuttle quest’autunno per qualche anno non si vedranno altri lanci partire dal KSC e circa 7000 dipendenti delle imprese appaltatrici esterne perderanno il posto di lavoro quindi, per garantire la sopravvivenza della base, la conversione commerciale diventerà assolutamente vitale.

Siamo, praticamente, alle rampe “in saldo”…
Svegliatemi, ditemi che è solo un brutto sogno :cry:

Beh io la vedo in modo positivo. Ci sono 2 miliardi di euro da spendere per rendere il centro più avanzato e logisticamente meglio organizzato. Già oggi al KSC lavorano contractors, e lo faranno in maniera maggiore, magari con qualche logo di SpaceX in più, anche in futuro. Con questo finanziamento si detta alle compagnie private che gestiranno i successivi lanci in LEO che si vuole ancora supportare il centro, creando le condizioni per un suo indefinito utilizzo… profittevole anche per loro.

Fino a poco tempo fa agli usa rompeva il solo pensiero che i russi utilizzassero i loro razzi vettori per portare navette in orbita alla ISS con un “turista” come payload supplementare tanto per arrontondare le missioncine… e ora…
venghino siori venghino!!! accomodatevi! la vostra piattaforma è li, qui c’è l’area di servizio, poco piu’ in la c’è l’officina in caso di piccole manutenzioni…e lieti di avervi come ospiti al KSC per i vostri lanci. ahahaha…scusate il sarcasmo…ma scherzosamente la vedo proprio cosi…

Non lo nego.
Sono molto preoccupato.

Anche io non riesco ad essere pessimista…
Sono curioso di vedere come Cabana e soci riusciranno a ristrutturare e rimodernare il KSC e soprattutto a venderne/affittarne strutture & servizi ai privati.

Quoto AJ punto per punto. :slight_smile:

in questa frase, scusami Luca se dissento, vedo pessimismo: le compagnie privare (ULA, SpaceX, …) hanno, allo stato attuale, delle rampe e dei sistemi di assemblaggio ben tarati alle esigenze sia di missione che d’investimento; spostarsi nel Mammoth, come definita la struttura VAB, potrebbe far innalzare indubbiamente i costi del lancio.
Lo spostamento sarebbe economicamente effettuabile nel momento in cui tali contrattori privati creino ex-novo un sistema di lancio che abbia nel complesso KSC l’intrinseca convenienza logistico-strutturale e di conseguenza economica.

Per fortuna prima che vada tutto in malora vado a vederlo a fine maggio…

Scusate la mia ignoranza, ma come è possibile che non vi saranno nel 2011 lanci NASA, dal KSC quando la NASA ha in calendario, proprio nel 2011, il lancio di tre sonde spaziali (Juno, GRAIL e MSL) senza contare i satelliti in orbita terrestre? Da dove lanceranno tutta questa roba?

Beh verranno lanciate dalla confinante Cape Canaveral Air Force Station, non dal KSC :wink:

Questa poi!

E perché la NASA lancerà queste 3 importanti missioni (+ i satelliti da immettere in orbita terrestre) dalla confinante base militare, invece che dal suo KSC, per poterlo ristrutturare più facilmente? Per risparmiare o che altro?

Perchè le rampe di lancio sono a Cape Canaveral e non al KSC e perchè gli EELV non sono lanciatori della NASA.

Scusate al KSC cosa c’è allora? Solo il complesso 39 con il VAB o che altro? Lo chiedo perché non essendoci mai stato (purtroppo), ho le idee un po’ confuse!

Forse questa immagine può essere di aiuto; in bianco il KSC, in verde la CCAFS. :wink:

Qui invece una visone d’insieme dei complessi di lancio:

Si sono molto di aiuto!

Grazie!

A questo punto, visto la piantina, dove si posiziona (più o meno) il pad di Apollo 1, dove c’è anche la targa ricordo?

Si tratta del LC34. Se guardi bene la piantina, si trova a dx del Verical Integration Building, fra il LC37A e LC20.

:ok: Grazie! Se sarà visitabile prometto che ci faccio un giro.

Lo è, lo è. E’ uno dei pad che si visitano con i tour guidati :wink: