Il LSAM è stato ribattezzato ALTAIR.

Mah…sto coso più lo vedo evolversi (se di evoluzione si può parlare) più rimango perplesso…

Due osservazioni:

  1. Più passa il tempo e più si riduce il volume pressurizzato della sezione destinata ad ospitare gli astronauti (a tutto scapito dei tempi di permanenza sulla superficie lunare).
  2. Più passa il tempo e più aumenta l’altezza dal suolo della piattaforma dove si trovano gli astronauti.

Infine, per quanto riguarda il LEM, per favore, non confondiamo la lana (Altair) con la seta (LM). Quest’ultimo, a mio avviso, è stato uno dei migliori veicoli spaziali mai progettati e realizzati. E’ stato il primo vero e proprio veicolo interplanetario abitato e non ha mai sofferto di grossi inconvenienti durante la sua straordinaria, ancorché breve, vita operativa (anzi ha letteralmente salvato l’equipaggio di Apollo 13).

P.S. Questo accidente che ha postato il buon Albyz comincia a somigliare al modulo lunare di von Braun degli anni '50 (quello della rivista Collier’s) ma quelli erano altri tempi…

Occhio che come ho detto per l’LSAM sono tutti concept che non si basano su idee reali, la progettazione del LSAM deve ancora iniziare… a partire da chi lo costruirà…
Come viene anche specificato dalle didascalie originali:
“Please note that this artwork is not precise. NASA currently is seeking input from industry experts and is developing conceptual designs for Altair.”

Sicuramente.

Il fatto è che, a mio avviso, effettivamente i tecnici della NASA stanno operando (a livello di specifiche) delle riduzioni della sezione pressurizzata. Evidentemente temono (Orion docet) aggravi di peso che possano incidere sulle prestazione del vettore e/o del kicker.

Per quanto riguarda l’altezza quasi tutti i concept visti nell’ultima presentazione di Connolly erano di tipo “verticale”. Va da se che in una situazione del genere, all’aumentare della lughezza (e quindi del volume) dei serbatoi di propellente, aumenta inevitabilmente anche l’altezza da terra della sezione pressurizzata sovrastante.

Non mi stancherò mai di ripetere che questa soluzione è quanto di più scomodo, ed anche pericoloso, che ci sia per movimentare carichi e persone sulla superficie di un qualsivoglia pianeta (Terra inclusa).

I nostri antenati, quì sulla Terra, vivevano sugli alberi. Che ci sia la volontà di un ritorno alle origini, per quanto riguarda la Luna? O forse è solo nostalgia dei tempi che furono?

Cos’è, un modo sottile per dire che gli americani sono degli scimpanze??? :stuck_out_tongue_winking_eye:

Si,dobbiamo riconoscere che,a meno che la scala dei concept postati non sia del tutto sballata (cosa possibile) la cabina ha dimensioni piuttosto ridotte;se la paragoniamo all’astronauta in piedi sulla piattaforma sembra quasi grande quanto quella del LEM.Resto anch’io molto perplesso di fronte all’altezza della cabina da terra.Dovranno ideare un montacarichi o una sorta di issa-astronauti elettrico,perchè salire quelle scale dopo sette ore di EVA… non voglio neanche pensare poi alla possibilità che l’Astronauta metta un piede in fallo.Perchè poi dei serbatoi di propellente così imponenti se la sezione pressurizzata si riduce? Inoltre avete notato che gli Astronauti sulla superficie sono tre e non quattro? credo che questo indichi che la procedura richieda che un membro dell’equipaggio rimanga a turno nel LSAM.Comunque ricordiamoci dei primi concept del LEM,molto diversi dal “prodotto finito”.

Assolutamente d’accordo con quanto scrive il buon Carmelo.

Prima di criticare bisogna almeno aspettare il progetto definitivo. In ogni caso le due mie osservazioni avevano un carattere generale relativo all’impostazione del progetto ed entrambe sembrano valide da una versione all’altra.

Siamo sicuri che il 4° astronauta resti all’interno di Altair e non sull’Orion?
Piuttosto siamo sicuri che, alla fine, ci sarà un 4° astronauta???

Opinione sincera? :wink:
Da quei concept si potrebbe dire tutto al contrario di tutto fantasticando qualsiasi cosa o deducendo altrettanto qualsiasi cosa…
Prendiamoli per quello che sono… semplici disegni che non supportano nessuna notizia particolare e/o progetto particolare e che quindi lasciano molto il tempo che trovano… discutiamo sulle notizie vere… non su disegni poco più che random…

E quale sarebbe la colpa per condannare una pover’anima a rimanere 6 mesi da solo in orbita lunare?! :stuck_out_tongue_winking_eye:
A parte gli scherzi gli astronauti in LEVA sono e saranno 4 mai sentite voci di possibili riduzioni… anche perchè tutti gli equipaggiamenti si stanno sviluppando per essere utilizzati da 4 persone…

Eh,eh,Propio quì volevo arrivare.Come diceva Andreotti? a pensar male si fa peccato…

Credo anch’io che, che qualcuno rimanga sull’Orion sia fuori questione,anche se le missioni della durata di sei mesi (o anche solo di due o tre) appartengono alla Phase-II e richiedono la presenza di un “shelter” pressurizzato sulla superficie.Quanto alla riduzione da quattro a tre…siamo certi che alla fine la presenza del quarto componente non verrà rimandata ad una phase-II che comporti una più lunga permanenza? Non dimentichiamo che la prima (o le prime) missioni verso la ISS vedranno soltanto due membri di equipaggio.

E’ solo la prima, e anche lo shuttle al primo volo aveva un equipaggio di due persone, ma non è che abbia fatto molta statistica… Certo non sarà probabilmente di 6 ma dovrebbe poi assestarsi per i cambi di equipaggio a 4-5 persone a volo.
Per la Luna che io sappia non esiste una fase I o fase II, già le prime missioni dovrebbero essere in funzione di una base lunare, sempre mantendendo l’idea di 2-3 missioni all’anno con circa 1/3 delle missioni che non servano alla base ma che siano d’esplorazione in zone differenti della Luna.

Albyz ha scritto:

Per la Luna che io sappia non esiste una fase I o fase II, già le prime missioni dovrebbero essere in funzione di una base lunare, sempre mantendendo l'idea di 2-3 missioni all'anno con circa 1/3 delle missioni che non servano alla base ma che siano d'esplorazione in zone differenti della Luna.

Bhè ma non penso che quando si inizierà il ritorno alla luna, ci sarà già una base bella pronta ad accogliere gli astronauti per il loro soggiorno semestrale…così come è stato fatto per la ISS, le prime missioni le vedo rivolte ad installare ed attivare le varie sezioni della base e dopo di che si potrà passare alla permanenza lunga.

Comunque penso che a questo punto della situazione, gli uffici tecnici della NASA e delle varie industrie coinvolte nel programma, stiano pensando a ruota libera. Ogni idea di possibile concept per uno modulo lunare, la buttano giù, fanno un bel disegno 3D con tanto di rendering, e poi vedono se la cosa sia fattibile o meno. Per quanto riguarda la parte pressurizzata, più c’è ne meglio è!! sia perchè ci possono stare più astronauti, sia perchè possono stare un po’ più comodi. Magari, hanno stanno pensando ad una sezione pressurizzata divisa in due parti: il piano “terra” (anzi lunare") più vicino alla superficie e ben protetto dai serbatoio che gli stanno accanto, che funge da quartiere per gli astronauti e poi un piano superiore dove gli astronauti trovano posto giusto durante le fasi di allunaggio e decollo dalla Luna.

Si ma sarà anche un tempo più proporzionato, comunque le missioni cargo saranno indipendenti da quelle con equipaggio per cui se si seguono i piani nel giro di un paio di missioni cargo (1 anno) si dovrebbe avere il primo avamposto abitabile.

Per il resto concordo :wink:

Albyz85 ha scritto:

Si ma sarà anche un tempo più proporzionato, comunque le missioni cargo saranno indipendenti da quelle con equipaggio per cui se si seguono i piani nel giro di un paio di missioni cargo (1 anno) si dovrebbe avere il primo avamposto abitabile.

Quindi dici che prima manderanno un po’ di moduli e attrezzature, e poi si arriva a montare tutto? tutto sommato non è neanche una cattiva idea, sempre sperando che sulla superficie non succeda nulla :stuck_out_tongue_winking_eye:

Phase-II è una semplificazione mia e mene scuso,diciamo meglio missioni più avanzate come le missioni J dei tempi dell’Apollo.Da quel che so la base lunare dovrebbe essere un passo successivo,circa due o tre anni dopo i primi voli.Il paragone con lo Shuttle è ottimo.I primi quattro voli (1981-1982) ebbero due membri di equipaggio,poi le prime missioni semi-operative (fino ad STS-6) quattro.In quest’ottica non è impossibile che infine si decida di inviare un equipaggio di tre nei primi voli lunari.Ovviamente la mia è solo una speculazione.

in effetti per quanto riguarda il concept la zona pressurizzata è piccola:
preferivo come disposizione, spazi e funzionalità la configurazione con l’abitacolo cilindrico montato orrizzontalmente dei primi rendering diffusi, ma come dice Alberto sono discorsi che ora hanno solo il valore di quattro chiacchiere. :wink:

dal link:
http://blogue.sciencepresse.info/astronomie/item/282

Questa è storia! I russi utilizzavano i cani e gli americani le scimmie. Per uno scimpanzè sarebbe facilissimo salire e scendere dai nuovi LSAM. Forse ci stanno facendo un pensierino.

Buona questa!!!

Non ci avevo pensato, dato che con il programma Constellation la NASA sta facendo un deciso “ritorno al passato” evidentemente hanno deciso di ritornare alle scimmie, come ai vecchi gloriosi tempi dei primi voli Mercury. :bi:

P.S. Non me ne voglia Albyz… :stuck_out_tongue_winking_eye:

Bah. :kissing_heart:

Anch’io sono molto perplesso.
Se stiamo ancora facendo dei concept da film di fantascienza, altro che vedere lo sbarco su Marte:
sarà difficile che io riesca a vedere un nuovo sbarco sulla Luna… :frowning:

L’inizio dei lavori nel 2012 per quanto riguarda LSAM e Ares V non è mai cambiato, come si dice… avere la botte piena e la moglie ubriaca non si può… si vuole mantenere lo shuttle… e i tempi sono questi… prima del 2018 sulla Luna non ci si va…