Il "personaggio" Elon Musk

L’ennesima dichiarazione con i fuochi d’artificio di Musk
“We will launch a person to Mars in 2024, arriving in 2025.” Elon Musk at #CodeCon
https://twitter.com/Bill_Gross/status/738225908369088512 :face_with_symbols_over_mouth:

Fortunatamente ci viene in soccorso Doug Messier che ha elaborato un algoritmo da applicare alle dichiarazioni di Musk per ottenere il vero anno di lancio di qualsiasi cosa:

  • Aggiungere 1 anno per una programmazione eccessivamente ottimistica che presuppone tutto vada esattamente secondo i piani
  • Aggiungere 18 mesi per le sfide tecnologiche sottovalutate
  • Aggiungere dai 6 ai 9 mesi per avere gli incrementi di performance ai booster e alle capsule solitamente sottodimensionati

A questa formula standard va aggiunto:

  • Da 4 a 6 mesi per inconvenienti che sorgeranno in altri programmi (es. lanci falliti)
  • La finestra di lancio per Marte che si apre ogni 2 anni.

La conclusione è che Musk non lancerà probabilmente nulla verso Marte nel 2024. :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Un ottimo compendio per effettuare questo calcolo ogni volta che ce ne sarà necessità: :star_struck: :ambulance:
http://www.parabolicarc.com/2016/06/01/musk-declares-humans-mars-2024/

Be ma non ha mica specificato che lo faranno anche tornare vivo :stuck_out_tongue_winking_eye:

E come nei commenti qualcuno (giustamente!) fa notare: ma quando lancerai astronauti verso la ISS?

Eppure lo statement sembra inequivoco; dalle odierne parole dello stesso Musk: “When I cite a schedule, it is actually the schedule I think is true,” said Musk. “It’s not some fake schedule that I don’t think is true. It may be delusional. That is entirely possible from time to time. But it’s never some knowingly fake deadline ever.”
Peraltro, fino ad ora “l’algoritmo” di Doug Messier ci ha spesso visto giusto… :stuck_out_tongue_winking_eye:
Vedremo in prosieguo che valore dare alle promesse di Musk

Ma è assolutamente e scientificamente provato!! :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Sinceramente questa vostra ironia inizia ad essere un pò fastidiosa.

Ammiro Elon Musk ma non ne sono un “ultras”, come ho già scritto tempo fà … ma mi sembra esagerato ora trattarlo come lo scemo del villaggio …

Avrà avuto qualche ritardo nei suoi progetti, ma li sta portando a compimento … la Tesla che sta prendendo piede alla grande … il rientro del primo stadio del Falcon … Gigafactory … tutte cose che fino a qualche anno fà molti probabilmente deridevano, spernacchiando il buon Elon …

Innegabilmente sarà un pochino avventato in alcune sue dichiarazioni in tema spaziale, sicuramente dettato dal suo entusiasmo … ma vedremo fra qualche anno se ci sarà ancora da ironizzare …

La stessa domanda è rivolta anche alla Boeing, giusto ? perchè non mi pare che anche loro siano in perfetto orario …

Assolutamente vero, ma la Boeing non ha appena dichiarato che invierà un uomo su Marte nel 2024…quindi cosa c’entra?

Beh, non che ultimamente lui faccia grandi sforzi per dimostrare il contrario eh…

Avrà avuto qualche ritardo nei suoi progetti, ma li sta portando a compimento ... la Tesla che sta prendendo piede alla grande ... il rientro del primo stadio del Falcon ... Gigafactory ... tutte cose che fino a qualche anno fà molti probabilmente deridevano, spernacchiando il buon Elon ...

Che li stia portando a termine sarà da vedere fra qualche anno, perché per ora sta solo iniettando montagne di soldi per sostenerle… e la differenza fra un costosissimo e spettacolarissimo gioco e un’azienda capace di autosostenersi è la stessa che divide oggi SpaceX o Tesla da quello che vorrebbe creare Musk, sempre che lo voglia fare davvero e non si accontenti del “gioco”.
Lo stato finanziario di Tesla, in ogni caso, è questo: http://www.automoto.it/news/tesla-grande-entusiasmo-ma-bilancio-in-profondo-rosso.html

Ribadisco, i successi tecnologici sono palesi e sicuramente interessanti per tutti noi appassionati soprattutto, ma come sempre detto, vediamo oggettivamente il quadro completo.

1 Mi Piace

Il problema è che per quanto la sua azienda stia facendo cose davvero eccezionali, il fatto che ogni volta la spara così grossa secondo me mette in cattiva luce quelle cose eccezionali che stanno facendo.
Se facesse delle dichiarazioni in linea con le grandi cose che stanno facendo invece di fare sempre lo “sborone”, imho farebbe più bella figura.

2 Mi Piace

non ti devi preoccupare , in fin dei conti è una ironia di matrice nerdesca
all’atto pratico non fa danni e rimane confinata

Qui non sono d’accordo. Tesla come spacex è ancora una startup e gli investimenti non mancano, ovvio che siano in passivo.
Gli investimenti che stanno facendo avranno come minimo un ROI di 7 o 10 anni.
Non voglio dire che saranno in attivo, ma per dire che aziende di quel tipo sono azzeccate o fallimentari ci vorranno ancora 5 o 10 anni.
Facebook è in attivo da poco e Twitter é ancora in passivo…
Vogliamo vedere FCA subito dopo la fusione se era in attivo?

Beh sul lungo periodo per vedere risultati positivi concordo, ma che Tesla fondata 13 anni fa e con oltre 130.000 auto prodotte possa essere considerata una startup non sono d’accordo… In ogni caso, credo anche io non sia oggi il momento giusto per valutare il successo o il fallimento dell’azienda, soprattutto con l’annunciato arrivo della Model 3. Il mio commento era per rispondere al “Tesla che sta prendendo piede alla grande”, una valutazione decisamente ottimistica ad oggi…

Ha un suo piano preciso e a noi non è dato sapere. Quel che è certo, a parer mio, è che non è uno sprovveduto e sicuramente riuscirà a fare quanto fino ad ora affermato. Non dimentichiamo che da niente ha creato un impero impressionante; non è uno sprovveduto!

Io sono fiducioso in quel che dice!

Dopo innumerevoli schermaglie tra albyz85 e Matteo TN - che ringrazio in quanto spesso spunto per approfondite interessanti discussioni - aventi ad oggetto la verosimiglianza dei progetti di SpaceX e Tesla, apprezzo la prudente posizione di entrambi nel sospendere il giudizio, in attesa del responso del mercato.
Concordo con chi ritiene Musk un self-made man, imprenditore di indubbio successo, circostanza che induce a valutare con massimo rispetto le sue per quanto roboanti dichiarazioni… allo stesso tempo i reiterati ritardi di SpaceX nella realizzazione dei suoi progetti impongono una sana cautela, alla luce delle obiezioni di natura tecnica da più parte sollevate.
Mi permetto solo di aggiungere che senza sognatori-investitori del calibro di Musk, Bezos e colleghi, oggigiorno il nostro campo di interesse sarebbe senz’altro più sterile e meno appassionante… :smile:

Velocissimo (vabbè ci provo dai) OT.

Lungi da me fare l’avvocato di chiunque, ma come ho già scritto altrove le ironie di molti utenti su Elon Musk (me compreso) sono soprattutto un modo di fare da contrappeso a certe interviste e dichiarazioni nel nostro che che sono puro puro marketing e che vengono prese troppo sul serio.

Nessuno ritiene che Musk sia lo “scemo del villaggio”, tuttavia non possiamo ignorare la differenza tra i sogni di Elon e la realtà, e dovremmo tutti sforzandoci di ragionare davanti a dati e numeri per quello che sono. I sognatori ci vogliono, ma sul come si trasformano i sogni in realtà è bene, imhhhhhho, tenere uno sguardo disilluso che riconosca gli obiettivi centrati ma non finga di non vedere le cose che non vanno.

Detto questo, battibeccare in ogni thread di SpaceX sulle sparate di Elon non porta molto lontano e appesantisce un pò tutta la discussione. Vediamo i risultati, e godiamoci l’animarsi del mercato che tutte queste novità stanno portando.

E aggiungo io: pensare come sarebbe bello avere un Elon Musk italiano…ma questo è un altro discorso che non c’entra niente.

Fantascienza, ahimè.

E sai perchè ? perchè verrebbe preso per pazzo e per scemo del villaggio … cosa che invece, giustamente, in America non fanno e non hanno mai fatto con nessuno che avesse idee ardite e/o che sembrassero impossibili …

Uno dei miei mantra è “I sognatori non sapevano che la cosa fosse impossibile, per cui la fecero”; ovvio quindi che, seppur non arrivando a livelli da “ultras”, io nutra una certa ammirazione per lui.

A volte le spara grosse ? innegabilmente può essere, ma intanto seppur con qualche ritardo certe sue sparate le ha raggiunte o le sta raggiungendo … ed in ogni caso se vuoi raggiungere certi traguardi, sei quasi costretto a “puntare alto”.
Altrimenti fai il solito provincialotto all’italiana, che deve quasi vergognarsi di sognare in grande.

1 Mi Piace

Si,è esatto,rischia di passare per un “miles gloriosus” (un modo fine per dire cazzaro),quando invece SpaceX ha già compiuto tappe importanti,direi quasi storiche.
Tra l’altro io mi domando se questo atteggiamento, che probabilmente è caratteriale (è più forte di lui) non possa finire per danneggiare SpaceX sul mercato,allarmando o spaventando gli investitori nel momento in cui le promesse mirabolanti non vengono mantenute nei tempi previsti.
Intendiamoci,io penso che Musk non venda solo fumo,ma anche ciccia gustosissima; coprendola di fumo però non fa bene al prodotto (che è di qualità).
Attenzione,perchè i mercati sono facili a farsi prendere dal panico,e leggendo in giro su vari siti emerge che una delle preoccupazioni che attualmente li rende più nervosi è “l’esplodere di una possibile bolla,come fu già quella della “new economy”,legata a startup di tecnologia avanzata che promettono risultati mirabolanti”.

Non ho capito se “ce l’avete con Musk” per via dei tempi non rispettati, o per le sue dichiarazioni troppo avveniristiche.

Relativamente alla seconda, dissero più o meno le stesse cosa di Kennedy quando dichiarò che l’america sarebbe arrivata sulla luna entro gli anni '60. Ma eravamo quasi tutti troppo piccoli o non ancora nati o troppo poco americani per aver udito/ o per ricordare le polemiche.
Molti starnazzavano che era impossibile, altri che ci sarebbe voluto di più, altri ancora che erano soldi spesi male, etc etc
Forse nonno Apollo si ricorda qualcosa e o Lunakhod.

Non è questione di “avercela con Musk”,che (ripeto) sta ottenendo con SpaceX risultati importantissimi.
Qui si discute semmai la sua abitudine di annunciare obiettivi improbabili o difficilmente raggiungibili nei tempi prefessati,abitudine che alla fine rischia di rivelarsi controproducente a dispetto del molto e dell’ottimo già effettivamente realiizzato.