Il sogno quantico di Kara

Un corto interessante:

http://www.youtube.com/watch?v:smiley:ou4Gy0p97Y#ws

Segnalato da Fantascienza.com:

…al di là degli aspetti tecnici, che sono certamente interessanti e “cutting edge”, all’avanguardia, c’è anche una storia, una sceneggiatura, una recitazione che fanno di questo corto un piccolo gioiellino.

Bello, anche se pensavo a Kara Thrace :wink:

Anchio… (si capisce che sono un fan sfegatato di Galactica???).

Qualche nota a margine.

Quantic Dream è l’azienda francese che ha prodotto il gioco Heavy Rain (il cui ideatore è proprio il David Cage che compare nei titoli di coda del video)
Con questo corto hanno voluto mostrare la potenza del motore grafico che verrà impiegato per i prossimi videogiochi.

Sì, l’articolo che ho linkato non mancava di spiegarlo. Da parte mia ho tralasciato di precisarlo perché credo che il corto sia godibile come opera a sé stante.

Giusto, l’importante nei videogiochi è il motore grafico, non la trama che mi pareva interessante almeno quanto il motore grafico :angel: :angel: :angel:

Ciau,
Raffaele

P.S.
era un commento ai videogiochi eh non un commento al commenti di Riky!
P.S.2
Anche io ho subito pensato a Kara Thrace
P.S.3
Discreta fanciulla comunque…

Mi sa che su questo ci hanno marciato… :roll_eyes:

Certo che volevano disassemblarla.
Non ha la funzione “Italian language”.
Poi quel fastidioso difetto di percepirsi come una persona!
Vabbè il politically correct,ma adesso dare i diritti civili pure a televisori,lavastoviglie e frigoriferi mi pare eccessivo.
Con quel che costano gli androidi,ci manca solo questo!

Devo chiamarvi tutti quanti Howard?

Howard?
Howard the Duck forse? :stuck_out_tongue_winking_eye:

No, visto l’interesse per Katee Sackhoff, Howard Joel Wolowitz, M.Eng…

da quel che leggo in giro , non è tanto il motore grafico la novità , quanto le tecniche di ripresa che trasferiscono nel video gioco gli attori, in tempo reale e con tutto il corpo ,non soltanto con le loro espressioni facciali .
In sostanza questi 7 min stanno ai videogiochi come avatar al cinema (non mi rifersco al 3d ,ma alla capacità di costruire attori e set virtuali )