Intrigante articolo sullo Space Shuttle e la ISS su The Space Review

Pubblicato nel numero odierno.

La ISS è stata terribilmente costosa. La NASA non ha un programma serio per utilizzare il frutto di questo investimento, o non lo ha mai divulgato. Se contate tutti i soldi spesi a partire dal progetto originale, spinto principalmente sotto l'amministrazione Reagan, ed relativi costi legati allo Shuttle, la ISS probabilmente è costata almeno 100 miliardi di dollari. La ISS sarà abbandonata una volta che i voli verlo la Luna cominceranno? La vogliamo completare per farci poca o nessuna attività di ricerca? La manterremo in funzione solo per i nostri partners stranieri? Dopo tutti i soldi che sono stati spesi su di essa, mi aspetto di vedere un piano per l'utilizzo dell'ISS, altrimenti non vorrei più vedervi indirizzata alcuna delle rischiose missioni dello Shuttle. Insomma, la NASA ha alcune risposte da dare...

Lettura davvero interessante… :wink:
http://www.thespacereview.com/article/625/1

Si sapeva di questo “problema” ormai da anni, ma non ci sono state ancora risposte concrete da parte della NASA.
Più che altro la ISS è stata costruita come simbolo della “supremazia” Americana e per confrontarsi con la vecchia e stupenda MIR.
Tutto questo è stato dimostrato dal fatto, da parte degli Americani, di impuntarsi nel voler costruire la ISS con il solo utilizzo dello Space Shuttle.
All’inizio, da parte Russa, era stato proposto anche di utilizzare il missile Energhia, ma ci fu un rifiuto da parte degli Americani.
Ora, avendo dei problemi non indifferenti, si cerca di mandare avanti il progetto sperando che da parte dello Shuttle tutto proceda bene e senza intoppi.
Già in questi ultimi anni si è visto ridurre il numero degli astronauti a bordo.
Questo comporta un grande dispendio di tempo per controllare tutti i sistemi di bordo, mandando avanti i vari esperimenti per pochissimo tempo ogni giorno.
Per il suo completamento? Aspettiamo prima di gioire!
Stesso argomento dicesi per il CEV.
A causa dei vari cambiamenti e problemi, si “rischia” di dover aumentare il diametro del vettore a 10 metri.
Questo comporterà forti spese e tootale modifica delle infrastrutture a terra, vedi VAB, ecc.
Come per la ISS, si stanno costruendo un nuovo problema e tutto solo per volersi riscattare aglio occhi del Mondo.
Dite che sbaglio?
Prima dell’incidente del Columbia tutto era vago e molto lontano, dopo quel disastro, subito è saltato fuori questo “nuovo” programma .

Più che altro la ISS è stata costruita come simbolo della "supremazia" Americana e per confrontarsi con la vecchia e stupenda MIR. Tutto questo è stato dimostrato dal fatto, da parte degli Americani, di impuntarsi nel voler costruire la ISS con il solo utilizzo dello Space Shuttle. All'inizio, da parte Russa, era stato proposto anche di utilizzare il missile Energhia, ma ci fu un rifiuto da parte degli Americani.

In questo non sono daccordo, ISS ovvero INTERNATIONAL Space Station e così è, io non vedo tutta questo potere di sopraffazione degli usa, dove dovrebbe essere tutta questa supremazia? e tutti i moduli costruiti in europa? e quelli russi autonomi anche per il trasporto? Ognuno ha messo sul banco quello che aveva, noi europei avevamo le capacità di inviare i “nostri” moduli autonomamente? La nasa aveva un sistema di trasporto che sembrava affidabile e la capacità di lanci con una buona frequenza, perchè avrebbe dovuto demandare tutti i lanci alla russia, e riprogettare i moduli sacrificando anche il payload per il sistema di autoguida?

Intendo dire che non vedo altre scelte possibili se non continuare con lo shuttle e terminarne il più possibile… siamo sicuri che una revisione completa di tutti i moduli e i pannelli per poterli inviare autonomamente fosse possibile e non troppo dispendioso?

Nulla toglie comunque alla mole di problemi che abbiamo già discusso da altre parti dello shuttle, però è inutile continuare a rimuginare su questo, bisogna cercare di risolvere più problemi possibili con i mezzi che si hanno senza continuare con i “se” e i “ma”…

Rileggendo mi sono accorto che il discorso che ho fatto è un po’ contorto perchè l’ho scritto di getto senza rileggerlo… :? il succo è comunque, che il problema non lo vedo nella ISS, ma nel mezzo che si è deciso di utilizzare per costruirne una parte e che poi è quella parte che blocca la continuazione dei lavori. Detto questo il problema è sullo Shuttle ma di questo ne abbiamo già discusso in abbondanza e ora non si può fare niente…
L’altro punto è l’affermazione che la ISS è fatta per i desideri di grandezza della nasa e su questo proprio non sono d’accordo, e a testimoniarlo è la continua collaborazione a terra e nello spazio…

Si sapeva di questo "problema" ormai da anni, ma non ci sono state ancora risposte concrete da parte della NASA. Più che altro la ISS è stata costruita come simbolo della "supremazia" Americana e per confrontarsi con la vecchia e stupenda MIR.

Diciamo che il progetto era inziato così, ma poi i tempi e le relazioni USA - Russia sono cambiati al punto che equipaggi, addestramento e collaborazione tecnica sono divenuti la regola.

Tutto questo è stato dimostrato dal fatto, da parte degli Americani, di impuntarsi nel voler costruire la ISS con il solo utilizzo dello Space Shuttle. All'inizio, da parte Russa, era stato proposto anche di utilizzare il missile Energhia, ma ci fu un rifiuto da parte degli Americani.

L’atteggiamento fortemente protezionistico è tipicamente USA, salvo quando sono loro ad affacciarsi sui mercati esteri. :smiley:

Ora, avendo dei problemi non indifferenti, si cerca di mandare avanti il progetto sperando che da parte dello Shuttle tutto proceda bene e senza intoppi. Già in questi ultimi anni si è visto ridurre il numero degli astronauti a bordo. Questo comporta un grande dispendio di tempo per controllare tutti i sistemi di bordo, mandando avanti i vari esperimenti per pochissimo tempo ogni giorno. Per il suo completamento? Aspettiamo prima di gioire!

Tristi verità.

Stesso argomento dicesi per il CEV. A causa dei vari cambiamenti e problemi, si "rischia" di dover aumentare il diametro del vettore a 10 metri.

Il rischio è già realtà…
Vedi http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=1602

Come per la ISS, si stanno costruendo un nuovo problema e tutto solo per volersi riscattare aglio occhi del Mondo. Dite che sbaglio?

Mah, direi che c’è un forte (e comprensibile) interesse a non perdere la propria “leadership” nel campo. Non mi pare da biasimare, ma è il mio parere personale.

Trovo peggio che ogni “potenza” tenda a “reinventare la ruota” con l’astronautica. Tanti programmi di sviluppo simili ma separati, in una gara di lobby economica più che di progresso delle conoscenza umane.
Per certi versi direi un enorme spreco di soldi.