Jeff Bezos reagisce serenamente al rigetto GAO su HLS

Ecco un’istantanea della scena insieme al suo eterno rivale Elon Musk il quale sorridendo gli dice di non angustiarsi troppo… (credit Walt Disney)

image

13 Mi Piace

Qui erano già previste le 5 fasi. Si era alla fase tre, quella della contrattazione.

Ora è da aggiornare, siamo alla fase 4.

rifiuto > rabbia > contrattazione > depressione > rassegnazione

8 Mi Piace

Certo che questa settimana il buon Jeff si è dovuto ingoiare due rosponi: prima la ridefinizione del termine astronauta e poi l’esclusione definitiva dal contratto HLS…

3 Mi Piace

topic non molto più fresco…si parla sovente di rosponi,di delusioni, lui che come rockerduck si mangia il cappello,ecc…ma -forse sono ingenuo- se questa cosa ,che è andata come è andata, non fosse in realtà un grosso problema per lui?HLS è andato a Musk (yuppiiii…)ma Bezos può concentrarsi sul lanciatore New Glenn che per altezza competerà col Saturn V,e finchè non vediamo Starship funzionante in tutti i sensi, New Glenn potrebbe diventare qualcosa davvero di fondamentale sul palcoscenico dei lanciatori pesanti (e non solo…)morale, credo che Bezos avrà comunque tante cose con cui “consolarsi”… a partire dai super lanciatori, ovviamente…

Il danno di immagine, senza contare quello economico, per la mancata acquisizione del contratto HLS è notevole. Le susseguenti fallimentari azioni legali (e le maldestre manovre di lobby) hanno recato un danno istituzionale incalcolabile.

Se Bezos fosse stato così “contento” di potersi concentrare sullo sviluppo del New Glenn a che pro fare tutto questo casino??

A proposito di New Glenn il problema non è tanto lo sviluppo del vettore in sé quanto quello dei motori BE-4 che ne rappresentano il “cuore”, senza contare il danno recato al Vulcan. Insomma se Bezos aveva bisogno di qualcosa, questo qualcosa era proprio una sua vittoria nel programma HLS…

7 Mi Piace

Ha le risorse, sia economiche che politiche, per rifarsi nei prossimi anni.
Meglio per noi appassionati :blush:

1 Mi Piace

IMHO Besoz ha tutte le carte in tavola per riscattarsi, con un patrimonio (e quindi fondi da investire) che non ha nulla da invidiare a quello di Musk, ricordiamoci che Amazon superò il più (allora) diffuso EBay così come potrebbe fare Blue Origin con SpaceX in un futuro - certo non prossimo.
Perché non si è ancora riscattato, invece di perdere tempo con inutili cause, non riesco a capirlo.

1 Mi Piace