La dura vita del SPACESUIT TEST SUBJECT

Tempo fa durante le mie ricerche mi imbattei in questo sito, gestito da James Skipper il quale fu uno dei tanti volontari nell’esecuzione dei test attitudinali e di implementazione eseguiti sulle tute pressurizzate, ed in particolare sulle tute Gemini.

http://www.jamesmskipper.us/PHOTOS1.html

In queste pagine, Skipper racconta la sua esperienza nel testare in camera ipobarica una delle tute pressurizzate che avrebbero poi permesso ad Ed Withe di eseguire la prima EVA americana.
Con questo topic, vorrei rendere onore a tutti quei “test subject” che in quegli anni si prestarono come volontari fungendo da “manichini umani” nel esecuzione di test, verifiche, analisi sulle tute pressurizzate che avrebbero poi vestito gli astronauti durante le varie missioni. Non vi nascondo che io personalmente lo avrei fatto più che volentieri.
Vi posto anche alcune foto catturate dai filmati della Spacecraft Film relativi al progetto Mercury, nelle quali si vedono alcune fasi dei test eseguiti sulle tute Mercury Navy Mark IV.
Termino ricordando che il nostro amico Fabio Sau, che attualmente sta testando un prototipo di tuta all’università del Nord Dakota, incarna a pieno titolo ed in maniera eccellente la figura del “Test Subjet” 8)

Fabio Sau, da quel che ricordo, non partecipa attivamente allo sviluppo della tuta? Oppure è solo un “manichino umano”?

Fabio Sau è molto di più! E’ uno dei “pilastri” portanti del progetto. Testa personalmente la tuta (che è costruita su misura) e da indicazioni e suggerimenti necessari per il miglioramento continuo dell’apparato.
Se non lo hai ancora visto dai in occhiata all’intervento diretto del Dr. Sau:

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=1616