Le ultime parole famose

“Sopra tutto, e’ imperativo che gli Stati Uniti conservino una continua capacita’ di mettere in orbita sia uomini che carichi; la nazione non dovrebbe mai piu’ sperimentare il vuoto sofferto dal 1975 al 1981, quando ci trovammo nell’incapacita’ di lanciare astronauti nello spazio”

(“Pioneering the Space Frontier”, documento della Commissione Nazionale sullo Spazio - USA, del 1986, cosi’ come riportato a pp. 604 del libro “The Dream Machines” di Ron Miller).

:ok_hand:

( :angry:)

Purtroppo non è la commissione che eroga i fondi al programma spaziale, ma il governo ed il congresso. La commissione nazionale sullo spazio può anche dire “a Marte nel 2018” ma occorre procurarsi i fondi per raggiungere quell’obiettivo. Stando cosi le cose, in parte anche per la sopravvalutazione della reliability dello shuttle, non si può fare altrimenti… Purtroppo…