Lunar Starship

Avevo letto che anche la prossima versione di SS avra’ il serbatoio piu’ lungo.

Signore e signori, il rendering più ufficiale che abbiamo che mostri l’interno di SS

(È uno schermo nel laboratorio VR dove degli astronauti stanno probabilmente dando una mano col design)

Qui invece abbiamo un mockup dell’airlock
immagine

Fonte: il PDF linkato sopra da Marco

11 Mi Piace

Rispetto ai prototipi attuali sembra avere una sezione di raccordo tra l’ogiva e i serbatoi molto piu’ corta.

Puo’ essere sensato in quanto non dovrebbe trasportare molto payload, ma la grande ogiva non e’ uno spreco di spazio, visto che la forma aerodinamica serve solo per il lancio iniziale?

6di9 mi sembrerebbe rappresentare i moduli cabina che si erano visti tempo fa durante un’intervista a Musk e alla Starbase vicino al mockup della Lunar Starship.

Ehm, è il numero della pagina del PDF :upside_down_face:

1 Mi Piace

Si, certo, volevo specificare che mi riferivo a quella particolare foto facendo anche il verso ad un famoso personaggio di Star Trek (Seven of Nine)! :rofl:

2 Mi Piace

:rofl:

Non conoscevo il personaggio! Mi cogli impreparato!

Allora :vulcan_salute:

2 Mi Piace

Interessantissimo.
Non credevo fossero arrivati a questa fase,

Io ho un VR, se pubblicano quell’ambiente, posso testarlo! Pensate sia una possibilità?

1 Mi Piace

Sogno di constatare che programma Artemis abbia la copertura mediatica che ha avuto l’Apollo, ma con le nuove possibilità offerte dalla tecnologia.
Vedremo…

Quale Apollo? Apollo 13 non ne ebbe sino al momento dell’incidente. I media si raffreddarono quasi subito dopo Apollo 11.

che ci interessa dei media quando abbiamo questo magnifico forum, dove copriremo le missioni piu’ assiduamente del Grande Fratello? :star_struck: :rofl:

13 Mi Piace

NASA ha esercitato un’opzione previste nel contratto originario chiedendo a SpaceX di trasformare la proposta originaria da un sistema di atterraggio ad una se vera e propria navetta che rispetti i requisiti per una seconda missione dimostrativa.

Exercising an option under the original award, NASA now is asking SpaceX to transform the company’s proposed human landing system into a spacecraft that meets the agency’s requirements for recurring services for a second demonstration mission. Pursuing more development work under the original contract maximizes NASA’s investment and partnership with SpaceX.

Nel frattempo verrà ricercato un altro lander lunare, il cui sviluppo sarà parallelo a quello di SpaceX, sul mercato commerciale. Questo veicolo farà da spola tra l’orbita e la superficie della Luna e i requisiti con relativa comunicazione ufficiale saranno presentati nei prossimi mesi. Il programa farà parte del Sustaining Lunar Development Contract. L’RFP formale dovrebbe arrivare in estate.

To bring a second entrant to market for the development of a lunar lander in parallel with SpaceX, NASA will issue a draft solicitation in the coming weeks. This upcoming activity will lay out requirements for a future development and demonstration lunar landing capability to take astronauts between orbit and the surface of the Moon. This effort is meant to maximize NASA’s support for competition and provides redundancy in services to help ensure NASA’s ability to transport astronauts to the lunar surface.
This upcoming second contract award, known as the Sustaining Lunar Development contract, combined with the second option under SpaceX’s original landing award, will pave the way to future recurring lunar transportation services for astronauts at the Moon.

L’obiettivo è arrivare ad avere, intorno al 2026 o 2027, lander commerciali in grado di atterrare sulla Luna ancor prima che NASA richieda i loro servizi.

"This strategy expedites progress toward a long-term, sustaining lander capability as early as the 2026 or 2027 timeframe,” said Lisa Watson-Morgan, program manager for the Human Landing System Program at NASA’s Marshall Space Flight Center in Huntsville, Alabama. “We expect to have two companies safely carry astronauts in their landers to the surface of the Moon under NASA’s guidance before we ask for services, which could result in multiple experienced providers in the market.”

Fonte: https://www.nasa.gov/press-release/nasa-provides-update-to-astronaut-moon-lander-plans-under-artemis/

17 Mi Piace

Scusa per la domanda ma non ho capito realmente il passaggio🤔
Quali potrebbero essere le differenze sia in termini costruttivi che economici?

1 Mi Piace

Riporto il tweet di SpaceX sulla questione.

Sono sorpreso di non vedere ancora girare disegni (non solo SpaceX ma anche NASA) che rappresentino la sezione pressurizzata dello HLS, al netto delle foto sui simulacri parziali della parte con la (o le) camera di decompressione…

1 Mi Piace

siamo in due.

1 Mi Piace

Rispondo solo ora causa studio. Credo che non ci saranno sostanziali modifiche a Starship, quanto un adegumento formale ai criteri per una navetta non più dimostrativa ma che dovrebbe fare voli regolari da e verso la superficie lunare. Potrebbero essere modifiche minori quali un ECLSS migliorato e validato per una durata maggiore (un po’ come ddovrebbe essere successo con DM-2 e le missioni operative: DM-2 aveva pannelli solari sul trunk certificati per non più di 60 giorni nello spazio, mentre già da Crew-1 la loro durata è diventata quella nominale di 210 giorni).

In termini economici non dovrebbero esserci spese aggiuntive, dal momento che il contratto assegnato a SpaceX l’anno scorso era fixed-price, ovvero ad importo fisso: NASA finanzia, con quel contratto, un determinato quantitativo di denaro. Nel caso in cui a SpaceX servano altri soldi dovrà reperirli in modo autonomo.

1 Mi Piace

Grazie per le spiegazioni Matteo​:+1::+1:

1 Mi Piace

Nuovo articolo di Marco Carrara pubblicato su AstronautiNEWS.it.

6 Mi Piace