Lunar Starship

Contento di aver perso la scommessa :relaxed::relaxed:

Da quanto ho capito io, ma non so se mi confondo con speculazioni sul forum di Nasaspacefligth, una nave da rifornimento verra’ lasciata in orbita e riempita con lanci multipli.

Successivamente la Starship lunare o quella “ordinaria” verra’ lancia, rifornita in orbita in un colpo solo e inviata alla sua destinazione finale.

Pertanto il rischio dei lanci multipli verrebbe spalmato nel tempo, e con molto anticipo rispetto alla data prevista di inizio della missione vera e propria.

3 Mi Piace

E’ scritto espressamente nel PDF che SpaceX sta finanziando con soldi propri buona parte dello sviluppo di Starship. E’ anche scritto espressamente che è ciò che NASA stava cercando, ovvero una architettura sostenibile utilizzabile non solo dalla NASA ma anche in modo commerciale per abbattere i costi, con lo stesso principio del Commercial Crew Program, dove l’intento è abbattere i costi facendo si che i ricavi delle aziende non arrivino dal programma di sviluppo ma dalla fase operativa, dove i soldi devono arrivare non solo da NASA ma anche da altre entità. SpaceX pare esserci riuscita con Crew Dragon, e per quanto riguarda Starship la avrebbero sviluppata per conto loro ugualmente.

Ecco il trafiletto che parla di quanto detto sopra:

Within Management Area of Focus 4, Commercial Approach, I found SpaceX’s
significant strength for its comprehensive plan to leverage its HLS contract performance
to advance a multi-faceted approach to commercializing its underlying Starship
capability to be a highlight of its management proposal. SpaceX’s plans to self-fund and
assume financial risk for over half of the development and test activities as an
investment in its architecture, which it plans to utilize for numerous commercial
applications, presents outstanding benefits to NASA. This contribution not only
significantly reduces the cost to the Government (which is reflected in SpaceX’s lower
price), but it also demonstrates a substantial commitment to the success of HLS publicprivate partnership commercial model and SpaceX’s commitment to commercializing
technologies and abilities developed under the Option A contract.

19 Mi Piace

In questo modo molti sviluppi avanzati di SS vengono fatti con i soldi, e non meno importante il know how e alcune infrastrutture della Nasa.

Il supporto vitale, la produzione di energia e millemila cose per avere un veicolo abitato per lungo tempo dovranno essere sviluppate per la Lunar Starshipt ma poi costituiranno una bella base e faranno economie di scala con la Starship marziana e una potenziale Starship come modulo di stazione spaziale (altra cosa che vorrei vedere, date le dimensioni).

E’ un circolo virtuoso che pero’ dato come funziona l’oligopolio rendera’ sempre piu’ difficile per eventuali competitor superare le barriere all’ingresso che SpaceX potrebbe costruire.

Questo anche se lavorassero parecchio in perdita, spiegherebbe come mai degli investitori “aggressivi”, come EM e i suoi soci, sono ben contenti di farlo. Qualcuno potrebbe chiamarlo “dumping” ma qualcun’altro investimento con economie di scopo i cui costi non vengono addebitati all’unico cliente Nasa.

2 Mi Piace

Beh che dire ragazzi. Nasa ha scelto. Ora mi viene davvero da chiedermi, a cosa servirà il razzo SLS e la navetta Orion?Se uno starship che parte dalla terra,va verso il nostro satellite,e posandosi sulla superficie con un equipaggio a bordo, compirà questa missione…Starship è sia razzo che navetta al tempo stesso, può fare tutto da se. Mi aspettavo(speravo in cuor mio) di vedere un lander come il blue origin, o il dynetics venire inserito in delle grandi ogive di un razzo (New Glenn o SLS) e riconingiungersi al Gateway per consentire un passaggio di equipaggio dalla navetta Orion di turno per scendere sulla superificie…ma non capisco ora l’assegnazione definitiva della Starship al ruolo di lander per le missioni Artemis. Ditemi che ne pensate!

2 Mi Piace

Ne stiamo discutendo qui, Lunar Starship, dicendo che tra le cose Moonship sarà solamente utilizzata per l’ultimo tratto (quindi gli astronauti non partiranno a bordo di SS) e soprattutto il contratto è relativo a due soli atterraggi, il primo dei quali senza equipaggio e il secondo con. Poi si passerà ad un altro contratto.

Beh, quasi di sicuro non vedremo l’uomo sulla Luna entro il 2024 perché, anche se SLS/Orion saranno pronti, Moonship non penso proprio, dato che deve ancora compiere un volo orbitale e il contratto richiede che in tre anni ci sia anche un allunaggio dimostrativo. Va bene che i tempi di sviluppo sono rapidi ma stiamo parlando di un veicolo complesso e che deve trasportare degli esseri umani in sicurezza…

1 Mi Piace

Beh ma questo è chiaro ormai da tempo … direi che più realisticamente si parla di 2026-2027, se non anche 2028 …

Pazienza.
1 anno più, 1 anno meno cambia poco; l’importante è che il percorso sia avviato in modo concreto.

3 Mi Piace

Immagino che sia perche’ la LSS non dispone di scudo termico per il rientro atmosferico, anche per via delle presenza su tutta la circonferenza dei motori di atterraggio lunare, che potrebbero non essere compatibili con la presenza di uno scudo termico…

Volevo solo aggiungere, in risposta ad alcuni commenti, che al momento la lunar Starship non può fare da spola dalla Terra alla superficie lunare, se non allungando il percorso di parecchi giorni. Ss di suo è pesantissima, è ha un payload in TLI di zero. Senza rifornimento in orbita non ci arriva nemmeno sulla Luna.

Dovrà partire con molto anticipo per fare da lander per l’equipaggio che aspetta in NRHO. Quindi al momento Orion e SLS sono necessari.

5 Mi Piace

Si, ma il rifornimento in orbita fa ben parte del progetto (e in effetti, secondo il pdf di Lueders, é un aspetto critico poiché non testato), quindi, con un “pieno” dovrebbe agilmente raggiungere l’orbita lunare, allunare, ripartire e ritornare in orbita terrestre per un nuovo rifornimento. Nel mezzo i vari trasferimenti da e per Orion/Gateway. Sullo stesso pdf, peraltro, si cita l’aspetto positivo del refill in orbita terrestre (in caso di emergenza la vicinanza mitiga il rischio). Gli altri lander, invece, dovevano fare complesse operazioni in orbita lunare, con rischio maggiore, stante la distanza dalla terra.

Quanto meno Starship qualche voletto lo ha fatto senza grossi problemi, salvo l’atterraggio post “flip n’burn” che sulla Luna non si fa.

I prototipi 5 e 6 hanno dimostrato un atterraggio a bassa velocita’ “simile” a quello lunare.

Al momento degli altri concorrenti sembra ci siano solo disegni e modellini.

Non me ne intendo ma non penso che i tempi sarebbero stati diversi, anzi, secondo Nasa sembra che fossero anche meno sicuri di quelli di Spacex.

O sbaglio?

Su un video Nasa ho letto dello sbarco di DUE (2) astronauti. Rischiano di perdersi nella Starship! Spero almeno che si portino un po’ di cargo. Magari il necessario per allestire un pad di atterraggio​:grin::grin:

1 Mi Piace

Aver scelto Lunar Starship implica una riprogettazione di tutta la missione lunare. Naturalmente se le lobby, soprattutto Boeing, non riusciranno a bloccare/modificare quanto al momento deciso.

Si, questo è vero, però gli altri lander erano molto più semplici, mentre Starship è un sistema di lancio completo con una complessità maggiore.

1 Mi Piace

Comunque, c’è poco da ridere e scherzare sul fatto di quanto sia grande e capiente starship. Nel pdf NASA sottolinea più volte il vantaggio (ovvio!) di avere a disposizione molto spazio per esperimenti scientifici, trasporto di oggetti ingombranti e “scomodi” da trasportare, grandi riserve, molti sistemi vitali di sicurezza ridondanti, doppia eva, ecc.
In pratica non sarà solo un lander, ma un laboratorio mobile.

5 Mi Piace

A questo punto mi viene da pensare che artemis 3 verra’ utilizzata come test di aggancio a ss o al lunar gateway. Per vedere una SS atterrare con equipaggio come minimo bidognera’ aspettare artemis 4 o 5. Questo tutto a vantaggio di boeing & co. Credo che SLS e Orion continueranno ad essere utilizzati come scialuppa di andata e ritorno verso la Luna per tutti gli anni 30, almeno fino a quando il sistema SS non garantira’ un certo grado di affidabilita’ per il rientro con umani in atmosfera terrestre. A questo punto sara’ interessante vedere come proseguiranno i lavori a boca chica e come cambieranno le priorita’ di sviluppo del sistema. Suppongo si concentreranno su una SS tank per il rifornimento in orbita e sul lunar SS. Sono abbastanza convinto che vedremo la prima donna sulla Luna nel 2026 con artemis 4/5

Scusa il battibecco, ma gli altri non sembrano tanto meno complicati, e, se non utilizzavano SLS, se non erro, facevano affidamento anche loro a sistemi nuovi e mai lanciati come New Glenn e Vulcan.

Se ho ben capito il contratto attuale prevede un allunaggio senza equipaggio e uno con equipaggio. Il primo è comprensibilissimo, il secondo non lo capisco invece.
Fanno arrivare gli astronauti sulla superficie senza farli scendere?

Il contratto specifica anche se le due prove possono essere fatte con lo stesso veicolo?

No, sinceramente non credo proprio
Una volta atterrati vale la pena arrivare fino in fondo

1 Mi Piace