Ma contro chi dobbiamo combattere... ?

il comportamento dei complottisti è più che altro una illogica e stupida dichiarazione di guerra alla scienza da parte di persone che dimostrano di non conoscere affatto il significato di scienza, visto che questa ai loro occhi appare prevalentemente quale mezzo di cui si servono dei non bene identificati poteri occulti per attuare complotti a danno della collettività e così dimostrando di conseguenza di non conoscere neanche il significato di “complotto”.

Probabilmente non si rendono conto che fin dai tempi antichi sono state sufficienti poche persone che riuscissero a comprendere a fondo le leggi della scienza affinchè il genere umano sviluppasse la civiltà tecnologica della quale fanno comodamente largo uso anche i signori complottisti.

Insomma 100 miliardi di complottisti non equivarrebbero neanche infinitesimalmente a pochi uomini che si chiamavano: Galileo, Leonardo, Einstein, Newton, Fermi e pochi altri ancora.

Non sono poi così pochi la lista si potrebbe allungare parecchio: Darwin, Copernico, Keplero ad esempio e per rimanere nel nostro amato campo della scienza astronautica Konstantin Tsiolkovsky, Robert Goddard, Hermann Oberth, Sergej Korolëv e Wernher von Braun