Mars Exploration Rover Update - September 5, 2006

http://marsrovers.jpl.nasa.gov/mission/status.html

SPIRIT UPDATE: Spirit Recovers from Software Reset, Makes Finishing
Touches to Winter Panorama - sol 943-949, September 05, 2006:

Spirit experienced a software reset during the evening overpass of the
Odyssey orbiter on sol 944 (Aug. 29, 2006). The rover was in the
process
of receiving command sequences for the following two Martian days, sols
945 and 946 (Aug. 30-31, 2006). As a result of the reset, the rover
went
into automode, meaning the rover did not attempt to execute a master
sequence of activities for the day. The apparent cause was that the
rover’s central processing unit was overworked as several tasks were
running in parallel at the time. Engineers transmitted a new,
abbreviated plan of activities on sol 946 along with the plan of
activities for sol 947 (Sept. 1, 2006).

Spirit is healthy and continues to make progress on the rover’s winter
science campaign. The rover spent part of the week filling in sections
of the rover deck for the “McMurdo panorama.” Electrical power from the
rover’s solar array has been holding steady at about 280 watt-hours per
sol (a hundred watt-hours is the amount of electricity needed to light
one 100-watt bulb for one hour).

Sol-by-sol summaries:

Sol 943 (Aug. 28, 2006): Spirit acquired sky images with the navigation
camera. The rover scanned the atmosphere for opacity caused by dust and
scanned the sky and ground with the miniature thermal emission
spectrometer.

Sol 944: Spirit acquired microscopic images of the soil target known as
“Halley Brunt.” Spirit scanned the atmosphere for opacity caused by
dust
and scanned the sky and ground with the miniature thermal emission
spectrometer.

Sol 945: Spirit experienced a software reset and went into automode,
meaning the rover did not attempt to execute a master sequence of
activities for the day. The apparent cause was that the rover’s central
processing unit was overworked.

Sol 946: Spirit remained in automode. Engineers transmitted an
abbreviated plan of activities for the sol along with the plan of
activities for sol 947.

Sol 947: Plans called for Spirit to acquire fill-in images for the
McMurdo panorama and to continue to make daily observations of the sky
and ground with the panoramic camera and the miniature thermal emission
spectrometer.

Sol 948: Plans called for Spirit to acquire Moessbauer data on the soil
target called “Halley Brunt” and to continue to make daily observations
of the sky and ground with the panoramic camera and the miniature
thermal emission spectrometer.

Sol 949 (Sept. 3, 2006): Plans called for the rover to acquire fill-in
frames for the McMurdo panorama and to continue to make daily
observations of the sky and ground with the panoramic camera and the
miniature thermal emission spectrometer.

Odometry:

As of sol 945 (Aug. 30, 2006), Spirit’s total odometry remained at
6,876.18 meters (4.27 miles).

Cavolo!
Funzionano ancora! :smiley:

Spirit e Oppoertunity si sono rivelati due “ossi duri”.
Resistono incredibilmente ai mali della loro vecchiaia e stanno attraversando il loro secondo inverno marziano senza sostanzialmente aver perso le loro capacità di analisi scientifica.
Soldi ben spesi, team di progettazione davvero competente, grande apertura verso il pubblico per quanto riguarda immagini e dati.
Insomma, penso che questa sia la missione di maggior successo e tra quelle di maggior impatto sul grande pubblico.
Magari Paolo Ulivi potrebbe aggiungere qualcosa :smiley:

Ma qualcuno ha idea se alla NASA pensano di spegnere Spirit ed Opportunity oppure si va a vanti ad oltranza ( :smiley: ) ?
Sarebbe fantastico se funzionassero ancora per qualche altro anno!!!
Questa rimane senza dubbio ula missione automatica di maggiore successo che abbia mai raggiunto il Pianeta Rosso!!
Ed ora forza con MRO e compagnia bella!!! :wink:

Segnalerei inoltre che sono la prova vivente del fatto che le tanto temute tempeste di sabbia marziane non sono un elemento che rende impossibile l’esplorazione, automatica od umana… Visto che negli ultimi anni certi ricercatori hanno propugnato questa tesi…

Salute e Latinum per tutti !

Segnalerei inoltre che sono la prova vivente del fatto che le tanto temute [i]tempeste di sabbia marziane[/i] non sono un elemento che rende impossibile l'esplorazione, automatica od umana... Visto che negli ultimi anni certi ricercatori hanno propugnato questa tesi...

Salute e Latinum per tutti !

Anzi! è proprio grazie alle tempeste che periodicamente spolverano i pannelli e permetto una ricarica sempre ottimale che siamo arrivati fino a qui! Il tempo di vita era stato programmato in base all’accumulo di sabbia sui pannelli!

Ma dove l’avranno presa tutta quella sabbia rossa per inscenare questa missione?
Dai su, è troppo perfetta!

(e va bene, l’ammetto… non sapevo cosa scrivere… ufff)

Macchè perfetta! Se non compaiono in nessuna foto le stelle! E poi i fondali si vede benissimo che sono sempre gli stessi riciclati…

Ragazzi calma o qualcuno potrebbe prendervi sul serio… :grinning:

…oops! :grinning:

http://www.nasa.gov/images/content/54516main_MER_rover.jpg
Guardate qui! E’ la prova che e’ tutto un set fotografico!

…ho sentito dire che Steven Spielberg e’ coinvolto…

(scusate, per ovvi motivi nn posso tirare in ballo Kubrik :slight_smile: )

Ma qualcuno ha idea se alla NASA pensano di spegnere Spirit ed Opportunity oppure si va a vanti ad oltranza ( :smiley: ) ? Sarebbe fantastico se funzionassero ancora per qualche altro anno!!! Questa rimane senza dubbio ula missione automatica di maggiore successo che abbia mai raggiunto il Pianeta Rosso!! Ed ora forza con MRO e compagnia bella!!! :wink:

Penso che si andra’ avanti finche’ le sonde reggono ci sono i finanziamenti (e di questi tempi per i programmi scientifici non si puo’ mai sapere…)
Sara’ interessante vedere, nel caso, come si comporteranno a dover spartire le risorse (in termini di telecomunicazioni) con i prossimi lander (Phoenix in particolare)
La missione di marziana di maggior successo secondo me restano i Viking, che avevano una dotazione di strumenti scientifici ben piu’ consistente e che hanno fatto scoperte “piu’ fondamentali”. Ovviamente tutto ha un costo: i Viking ai tempi erano costati 2 miliardi di dollari (la missione planetaria piu’ costosa mai lanciata), mentre i 2 rover non superano i 700 milioni (come mezzo volo dello Shuttle o un bombardiere invisibile)
E anche i Viking come longevita’ non scherzavano. Il Viking 2 dovette essere abbandonato nel 1980 perche’ per una serie di guasti doveva affidarsi per le comunicazioni agli orbiter, ma il Viking 1 resistette fino alla fine del 1982 (sei anni!) e probabilmente sarebbe stato ancora in funzione agli inizi degli anni 90 se non fosse stato messo fuori uso da un comando sbagliato. Nel caricare una sequenza di comandi, infatti, i controllori sovrascrissero per errore il programma che controllava il puntamento dell’antenna a terra…

Quando parlavo di “missione di maggiore successo” mi riferivo ovviamente alla parte pubblica e non a quella scientifica visto che i Viking potrebbero anche aver scoperto la vita su Marte già nel 1976… :wink:

fonte: http://www.space.com/news/spacehistory/viking_life_010728-1.html