MAVEN raggiunge l’orbita di Marte

http://www.youtube.com/watch?v=c_ez2G5Efus#ws

Due fenomeni inaspettati, uno troppo in basso e uno troppo in alto! :slight_smile:

(Il discorso delle polveri in alta quota sembra ricollegarsi alle foto del 2012 che hanno fatto discutere:
http://aliveuniverseimages.com/flash-news/spazio-astronomia/1168-marte-con-il-cappello)

Immagini da MAVEN

Link ASI: http://www.asi.it/it/news/marte-allultravioletto

..Le fotografie, scattate dallo spettrografo IUVIS nell’ambito della missione Mars Atmosphere and Volatile Evolution (MAVEN), mostrano il bagliore ultravioletto dell’atmosfera marziana con un dettaglio senza precedenti.

Rivelando allo stesso tempo un comportamento per così dire ‘dinamico’ prima sconosciuto: il bagliore rosso che avvolge il quarto pianeta del Sistema solare è infatti attraversato dal venti che circolano ad altezze elevate.

La sonda ha effettuato un’accensione da 40 cm/s che lunedì prossimo le consentirà di non scontrarsi con Phobos. I due corpi passeranno nello stesso punto a due minuti e mezzo di distanza mentre senza la manovra propulsiva questa separazione temporale sarebbe stata di soli 7 secondi!

Il nostro articolo: https://www.astronautinews.it/2017/03/05/effettuata-una-manovra-per-evitare-la-collisione-tra-maven-e-phobos/

a close call!

Sulla terra la ionosfera è troppo alta per i palloni aerostatici e troppo bassa per i satelliti? La studiamo su Marte!

3 Mi Piace

Ecco uno studio molto importante ricavato dai dati di MAVEN, finalmente si è riusciti a dare una spiegazione su come il vento solare produca una magnetosfera indotta su Marte:
http://spaceref.com/mars/maven-maps-electric-currents-around-mars-that-are-fundamental-to-atmospheric-loss.html
Praticamente il vento solare ionizza l’atmosfera alta, che circolando genera corrente e quindi un campo magnetico. Il video embeddato nell’articolo è molto bello, vi ruba solo 4 minuti della vostra vita.

4 Mi Piace

Grazie per la segnalazione, un video davvero fatto bene ed interessante, peccato duri solo 4 minuti! Le animazioni mi hanno subito ricordato quelle che si possono fare con Open Space (un notevole software open source), per esempio questa, sull’interazione del vento solare e il campo magnetico terrestre:

Una domanda che mi è sono subito posto leggendo l’articolo: questo effetto studiato su Marte, è stato già rilevato sulla Terra? Oppure non è stato possibile perché troppo piccolo rispetto al campo magnetico indotto dalla rotazione del nucleo?

Per quanto riguarda Open Space, nel caso potesse interessare a qualcuno del forum, lascio questo link al canale YouTube che lo illustra per bene:

Se qualcuno vuole parlarne, apriamo una nuova discussione su Open Space!

2 Mi Piace