Missione InSight


#301

Landing significa atterraggio ma non ha nulla a che fare con il pianeta Terra. Earthquakes significa terremoti ed ha a che fare con il pianeta Terra. Troppo difficile da afferrare? Mannaggia a chi ha chiamato Terra il nostro pianeta e terra il suolo su cui camminiamo!


#303

Scomodando la Treccani:

prima parla di “scuotimento della terra” e successivamente di “porzione più o meno ampia della superficie terrestre”. Quindi per quanto strano e inusuale dovrebbe essere corretto parlare di martemoto…


#304

C’è anche una gif, seppure scuretta.

Il sismometro è stato piazzato direttamente davanti al lander, alla massima distanza raggiungibile dal braccio robotico (1,6 metri). Si trova su un tratto di terreno inclinato di due o tre gradi e dovrà essere livellato (il sismometro non il terreno).

Ad inizio gennaio verrà posata anche la copertura del sismometro mentre la sonda termica verrà piazzata a fine gennaio sul lato est del lander, sempre alla massima distanza da esso.


#305

Se la NASA dice martemoto in documenti di Pubbliche Relazioni e’ complrensibile e libera di farlo, ma questo non rende il termine “geologicamente” corretto.
Se un giorno scoprissimo terremoti sul pianeta 24 Boötis b parleremmo di 24-Boötis-b-moti?
Come specificato in altre discussioni, sembra condivisibile ritenere il termine earthquake o terremoti come qualcosa riferito al concetto di suolo piuttosto che del pianeta Terra (innescando quindi l’istinto logico di rinominare il tutto a Martemoto, Plutomoto, Mercuriomoto, Lunamoto, Tri-solaris-moto :smiley: ecc).


#306

Dovremmo seguire la stessa logica per apogeo/perigeo?


#307

Credo di si. Credo (ma @amoroso puo’ venirci in aiuto) che il termine generico sia apoastro e periastro


#308

O anche apoapside e periapside


#309

Altra brevissima gif.


#310

Se usiamo sisma siamo tutti contenti? :rofl:


#311

Anch’io avrei una proposta risolutrice yes

Facciamo che la prossima volta che qualcuno dirà “ammartaggio”, “periplutonio”, “uranomoto” (o affini) si fa finta di niente (al limite, se si è sensibili, si sopporta in silenzio :hear_no_evil:) e non si dedicano altri post a questo argomento? :wink:


#312

Per me siamo partiti male nel 1969 con l’uso della parola “allunaggio” . E da qui… .


#313

… e da qui, pur essendo io un grammar nazi, appoggio la proposta di robmastri :face_with_raised_eyebrow: per cui, stop!


#314

Sottoscrivo, anche perché come abbiamo visto su generano risposte maleducate e si possono innescare inutili discussioni fuori tema.


#315

Ai tempi che furono: anni 60/70, nel pieno dell’entusiasmo per le missioni apollo, il termine allunaggio era visto anche alla luce della nuova era della presunta colonizzazione dello spazio. Oggi disillusi e più incattiviti si fanno polemiche sterili, su cose sterili.
Chiamiamo come si vuole chiamate la presa di contatto su una superficie aliena e finiamola li.+D’altronde (spero che gli over 50 del gruppo si ricordino) quando apollo 13 fece la sua manovra attorno la Luna per rientrare un “certo” Ruggero Orlando usò il termine di Pericinzio per indicare il punto più vicino al nostro satellite, e nessuno obbiettò.


#316

Ma ritorniamo in topic e diamo un altro sguardo sulla superficie di Marte. Sono immagini di Sol 24 (21 dicembre) e ci mostrano, tramite le ombre dei cavi e del braccio (che divergono progressivamente), il movimento del sole (aggiungo “apparente” così nessuno protesta :wink:). Non è che accadano tante altre cose da quelle parti :grinning:

Dopo circa 4 minuti e mezzo:

Dopo altri 10 minuti

https://mars.nasa.gov/insight/multimedia/raw-images/


#317

Intanto, oggi (22/12) la “manina” ha lasciato il sismometro

https://mars.nasa.gov/insight/multimedia/raw-images/


#318

Altre immagini da Marte.


#319

Al minuto 11 di questo video si vede il sistema di livellamento del sismometro.


#320

Pare che il sismometro si sia livellato.


#321

Confermo