Motore Perwaves

Un motore nuovo ha effettuato un test nello scorso novembre, partendo da uno spazioporto in Svezia. Lo scopo? Dichiaratamente non finire nelle auto, ma essere un punto di inizio per la produzione di motori non basati su combustibili fossili.

Si chiama Perwaves, acronimo di Percolating Reaction-Diffusion Waves, e incendia la polvere di metallo per studiare come brucia in una camera. È stato sviluppato dalla McGill University a Montreal (Canada) e disegnato dal team dei razzi sonici della Airbus a Brema (Germania).

Il tutto avviene in condizioni di assenza di peso per evitare l’accumulo di polvere che avverrebbe in presenza di gravità; sfruttando lo 0g la polvere può essere separata e sospesa, rendendola più facile da studiare. La scelta del metallo è dovuta all’elevata densità di energia, mettendoli in competizione con il gasolio e il petrolio per l’efficienza. I prodotti di scarto, fondamentali da analizzare, sono dati solamente da ruggine, che può essere rigenerata in polvere di metallo, rendendola quindi carbon-free. Tuttavia, i metalli non si accendono facilmente se non sottoforma di polvere, bruciando in un processo chiamato combustione discreta: la particolarità di questo processo è dato dal fatto che il fuoco passi da una sorgente di combustibile ad un’altra. La combustione è completa a causa del calore creato dagli altri elementi di combustibile attorno. Allo stato attuale, comunque, Perwaves sta ancora cercando il mix perfetto tra ossigeno, polvere di metallo e relativa dimensione per massimizzare la combustione. I risultati dei vari esperimenti saranno utilizzati per creare modelli di discrete burning per identificare le condizioni migliori di operatività.

Perwaves è stato lanciato a bordo del sounding rocket Texus-56 da Esrange, Svezia. Il razzo ha viaggiato per 260 chilometri prima di ricadere a Terra, fornendo 6 minuti a gravità zero: durante questo lasso di tempo, i ricercatori hanno confermato la funzionalità dell’hardware e che la combustione a base di ferro è possibile. Prossimo step? La ISS, il laboratorio a zero g 7/7 H24: si avranno così molti più dati sulle prestazioni e sui mix da applicare.

Il team ha presentato i dettagli del lavoro in un articolo su Acta Astronautica.

Fonte: Perwaves - A new free carbon-fuel engine

4 Mi Piace