Nasce SpaceMag: una nuova rivista interamente dedicata allo spazio

Nasce SPACEMAG, una nuova rivista trimestrale di approfondimento e dibattito sul settore spaziale. SPACEMAG è una rivista completamente dedicata all’esplorazione spaziale in tutte le sue accezioni: dalla ricerca, all’industria, dalla programmazione politica alle scelte strategiche, dalle missioni umane all’esplorazione dello spazio profondo, dalle applicazioni alla vita quotidiana dei cittadini.

La rivista, in doppia lingua italiano e inglese, è per il momento distribuita solo per via postale, ma sarà in futuro affiancata da un sito, per poi essere distribuita nelle scuole e in libreria. SPACEMAG è realizzato in stretta collaborazione con ASI, con un comitato scientifico di alto profilo presieduto da Mariano Bizzarri.

Fonte: ASI

Il primo numero di SPACEMAG

Faccio il cattivo… non costa neanche tanto… 100 euro per 4 numeri all’anno… :fearful:

Una curiosità: Roberto Vittori è nel comitato scientifico della rivista.

Paolo Amoroso

Anch’io cattivizzo:
…bello è bello eh!
ma 100 euris per un magazine che se fosse monolingua sarebbe di 34 pagine…

Eppoi andrebbe ad aggiungersi alla “mia” collezione, insieme all’ESA Bulletin e AstronautiNews, sulla libreria del mio postino appassionato di astronautica!

:angel:

Beh, chi nn ha cento euro da regalare al postino a natale scusa… ( a me stranamente ESA bullettin arriva sempre… con calma… molta calma… ma sempre…)

A parte le battute, sara sempre scaricabile gratuitamente o no? (non ho ancora cercato sul sito asi…)

ciao

Raffaele

Più che altro per il titolo potevano prendere qualcosa che non somigliasse così tanto ad AirSpaceMag dello Smithsonian

Una nuova rivista è sempre una cosa bella ed interessante,ma è anche vero che adesso con internet puoi trovare tutte le notizie che vuoi a gratis.
Insomma non sono più i tempi eroici di quando da ragazzi tiravamo fuori 5000 sanguinose lire dalla nostra paghetta per comprarci “Omni” o “Aviazione e Marina”,solo perchè c’era un trafiletto con foto sullo Space Shuttle.

Concordo in pieno, eppoi c’è AstronautiNews che mi sembri costi qualcosina in meno… :wink:

La rivista di per sè è valida, ha molta carne al fuoco e spazia a 360 gradi sull’universo delle varie attività legate allo spazio. Vedremo se saprà mantenere questo trend.
Certo che 100 eurotti per un rivita trimestrale bilingue, a mio parere sono un’assurdità!! :point_up: