Novità CEV: data primi lanci e apertura alla Russia

Due notizie di oggi, la prima è una conferma sulla data dei primi lanci:

US Astronauts To Fly New Space Ship By 2014

by Staff Writers
Washington (AFP) Jun 07, 2006
The space ship that will return astronauts to the Moon should be ready for tests in 2012 and for a manned flight in 2014, NASA announced Monday.

NASA plans to retire its aging shuttle fleet, which has gone through two tragic disasters, by 2010 and replace it with a Crew Exploration Vehicle to take astronauts back to the Moon by 2020.

“Our plan calls for first human flight of CEV in 2014, preceding that, is a flight test program that commences in 2012,” said Jeff Hanley, director of Constellation, a program to prepare NASA for a return to the Moon as a stepping stone to Mars.

“We are studying right now a developmental flight test where we could fly as early as April 2009 … a first stage with a dummy upper stage, with a dummy CEV on top, to validate the concept,” he said.

A final decision will be made later this year, he said.

“We are confident we can meet the goal of the vision to get human boots back on the Moon by 2020.”

NASA administrator Michael Griffin said it is “way too early” to write a complete budget.

He stressed the need to find a way to return to the Moon that is “enormously cheaper than the shuttle.”

The current shuttle fleet has taken parts to the International Space Station but has never been used as transport to the Moon.

NASA has assigned program tasks to 10 of its centers, from Ames Research Center in California’s Silicon Valley to the Kennedy Space Center in Florida for launching.

The Glenn Research Center in Ohio, despite recent staffing cuts, will be in charge of developing the vehicle.

The United States first landed on the moon in 1969 and most recently landed in 1972.

http://www.spacedaily.com/reports/US_Astronauts_To_Fly_New_Space_Ship_By_2014.html

La seconda è invece una possibile “apertura” ad una collaborazione con la Russia sul progetto:

Griffin Welcomes Russian Help In Future Space Missions

by Phil Berardelli
SpaceDaily US Editor
Washington DC (SPX) Jun 07, 2006
NASA Administrator Michael Griffin said he would welcome Russian participation in future space exploration missions that go beyond the International Space Station.

At a news briefing Monday, in which Griffin and other NASA officials discussed several reorganizations under way to prepare for future human flights to the Moon and Mars under the Constellation Program, he responded to a question about the potential for more U.S.-Russian cooperation in space.

The reporter, from Aviation Week, said he had spent the previous week and Moscow and had heard “laments” from Russian space officials about NASA’s lack of coordination on exploration efforts.

Griffin replied that in his travels to Russia since becoming administrator, he also has spent a good deal of time with senior officials at both Roskosmos and the S.P.Korolev Rocket and Space Corporation Energia. With regard to robotic missions, he said, “frankly, we welcome coordination with any of the international partners who want to work with us.”

He said it is a “rare NASA science mission that doesn’t have a substantial international component to it,” but added that it has been a long time “since the Russians have expressed any interest in planetary explorations, so with the energy dollars that are flowing into Russia, if they are interested in revitalizing their very proud history of planetary exploration, I’d say I’m all for it and we would absolutely look forward to working with them.”

Griffin added that on several occasions he has said “the Russians have been great partners on (the International Space Station).” It was a tough learning experience, however, he noted.

“I was on board at the start of that learning experience and it was a tough 10 years,” he said, “but the two nations have learned to work together and have forged a very effective station partnership, and the Russians have really stepped up to the plate after our loss of Columbia.”

Griffin said he sees “no reason why, in the robotic, lunar and Mars programs, we cannot do the same - and I’m very willing to do that.”

At the same briefing, in answer to another reporter’s question about the date of the first flight of NASA’s Crew Exploration Vehicle, Griffin said the testing and launch targets are financially driven.

NASA has been discussing with Congress the levels of funding that are going to be required to finish construction of the space station, and to fly the space shuttle the remaining number of scheduled times, he said, “and that level is more than what had been planned in earlier budget years.”

He said after he joined NASA as administrator in April 2005 and had a chance to “review the books,” as he put it, “we realized we were about $4 billion short. So, though I hated to do it, I took about $2.2 billion out of (NASA’s science budget) and about $1.6 billion out of exploration in order to provide the necessary money to finish the assembly of the space station.”

That funding hit imposed delays on the CEV deployment dates, which “we don’t like, but we have to live with,” he said. “Until we have definitized contracts for all of the elements of the CEV and CLV system and know how that plays against the budget, we won’t know what the exact dates are going to be.”

At this point, Griffin continued, it still looks like 2013 or 2014 for the CEV’s first launch. “That complies with the law and we will do as best to improve that as we can.”

He said NASA, as announced, would select a CEV contractor by late summer. “We said that last year (and) we will select that contractor at the end of August or first week of September - we think we’re solidly on track and we’re pretty pleased with all that.”

http://www.spacedaily.com/reports/Griffin_Welcomes_Russian_Help_In_Future_Space_Missions.html

Conoscendo la NASA e avendo già conferme con gli Shuttle e il montaggio della ISS, sono super sicuro che le date non verranno rispettate e prima del 2016-17 , non vedremo volare proprio niente.

Beh vedremo chi saprà far meglio…

Conoscendo la NASA e avendo già conferme con gli Shuttle e il montaggio della ISS, sono super sicuro che le date non verranno rispettate e prima del 2016-17 , non vedremo volare proprio niente.

Mi permetto al proposito di citare il buon Luca: testicula tacta :stuck_out_tongue_winking_eye:
Sempre ottimista eh topopesto? Speriamo bene dai!!!

2014 per il primo volo! è un mucchio di tempo,ed il gap tra l’ultimo volo dello shuttle ed il primo del CEV è di ben quattro anni.Se le date non venissero rispettate (come è probabile) il gap potrebbe essere addirittura di cinque o sei ( come tra l’ASTP ed STS-1). E’ meglio che quella capsula sia dannatamente buona per giustificare una simile attesa.

2014 per il primo volo! è un mucchio di tempo,ed il gap tra l'ultimo volo dello shuttle ed il primo del CEV è di ben quattro anni.Se le date non venissero rispettate (come è probabile) il gap potrebbe essere addirittura di cinque o sei ( come tra l'ASTP ed STS-1). E' meglio che quella capsula sia dannatamente buona per giustificare una simile attesa.

Oppure potrebbe anche essere una mossa “tattica” ispirata dalla prudenza.
Diciamo magari qualcuno negli HQ NASA ha compreso che è meglio non ricadere più nella spirale di rinvii e incertezze che, in un contesto che non è più quello della corsa alla Luna, potrebbe eclissare il supporto (già non eccelso) del pubblico e, soprattutto, del Congresso con relativa chiusura del portafogli.
Salvo poi stupire tutti con un anticipo di un paio d’anni, se tutti i vari lanci di test ecc ecc dovessero andare a buon fine.
Io ci scommetto una pizza.
Speriamo di doverla pagare :smiley:

Salvo poi stupire tutti con un anticipo di un paio d'anni, se tutti i vari lanci di test ecc ecc dovessero andare a buon fine. Io ci scommetto una pizza. Speriamo di doverla pagare :smiley:
Ed io spero di mangiarla quella pizza,ma Marco...è mai successo un anticipo in quarantacinque anni di voli spaziali?
Salvo poi stupire tutti con un anticipo di un paio d'anni, se tutti i vari lanci di test ecc ecc dovessero andare a buon fine. Io ci scommetto una pizza. Speriamo di doverla pagare :smiley:
Ed io spero di mangiarla quella pizza,ma Marco...è mai successo un anticipo in quarantacinque anni di voli spaziali?

No, non è mai successo. Ma per una volta la storia (recente) potrebbe aiutare ad imparare dai propri errori?
E poi che ci posso fare se sono un inguaribile ottimista? :stuck_out_tongue_winking_eye:

Parafrasando Eugene Krantz, direttore di volo della missione Apollo 13, in campo spaziale “l’anticipo non è contemplato”…traetene le vostre conclusioni.

Oppure potrebbe anche essere una mossa "tattica" ispirata dalla prudenza.

Che stiano già prendendo “lezioni” di comportamento dai cinesi??? :roll_eyes:

Facciamo due conti. Poco meno di due anni di gap tra Mercury e Gemini,poco meno di due anni di gap tra Gemini ed Apollo (considerando anche l’incendio ed il relativo ridisegno della capsula),ben sei anni tra ASTP e STS-1.Stando alle ultime dichiarazioni tra STS e CEV dovrebbero intercorrere oltre tre anni di gap,ma se vogliamo essere realistici almeno cinque ( probabilmente nel frattempo gli Americani continueranno ad andare nello spazio a bordo delle Sojuz ).Tra l’inizio del programma Apollo (1961) ed il primo volo (Apollo-7,1968) sono passati solo poco più di sette anni,e nel mezzo abbiamo avuto il Mercury e lo sviluppo,la costruzione e dieci missioni di una navicella completamente nuova,il Gemini.Tra l’imizio del programma STS (1972) ed il primo volo dello Shuttle (1981) c’è un lasso di tempo esattamente di nove anni,ma dobbiamo rammentare però che:1- l’Orbiter era il mezzo spaziale più complesso mai costruito dall’uomo,2-nel periodo considerato i fondi a disposizione della NASA erano stati ridotti all’osso (con fondi adeguati probabilmente STS-1 avrebbe “liberato la rampa” nel 1978).Tra l’inizio del programma CEV (2005) ed il primo volo della capsula (2014,secondo la più ottimistica delle stime) intercorrono…NOVE ANNI (più probabilmente anche dieci o undici)!!! e non stiamo parlando del primo sbarco lunare (2020 ed oltre),ma solo della prima missione in LEO.Capirei se questi dovessero costruire l’X-33 o un altra avanzatissima versione “single stage to orbit” dello Shuttle,ma quì parliamo di una capsula e di un programma presentato come “semplice,sicuro,rapido”; Alla faccia del “rapido”!! tra undici anni si saranno susseguiti almeno altri due Presidenti come farà la versione lunare del progetto a resistere a cambiamenti di linea politica,nuove priorità di spesa e contingenze varie?

Pienamente daccordo con Carmelo , inoltre, bisogna tenere presente che in origine il CEV era stato pensato come sviluppo delle tecnologie Shuttle invece ora, piano ,piano, si stà modificando tutto in base ai vari problemi e necessità.
E’ come iniziare un nuovo programma da 0.
Con il passare degli anni aumenteranno i costi e diminuiranno le casse fino ad arrivare ai primi tagli.
Nel periodo che la ISS dovrebbe essere nel suo massimo sviluppo ed utilizzo, si troveranno ad andare in orbita con le capsule Russe e senza la possibilità di fare grandi trasporti .
Come si riporteranno a Terra tutti i risultati degli esperimenti e alte strmentazioni varie?
Sono anche molto dubbioso sulla possibilità di vedere, un giorno, 6 membri di equipaggio sulla ISS.
Il passato e l’esperienza insegna, ma non agli Americani.

Noto con disiacere che la visione di Griffin (“faremo il possibile per accorciare od annullare il gap fra la fine dei voli shuttle e l’inizio di quelli con il CEV”) si stà lentamente sciogliendo come ghiaccio al Sole… :cry:
Ma in fondo c’era da aspettarselo… l’annuncio del CEV è stato fatto da Giorgio Cespuglio a gennaio 2004 (ben due anni e mezzo fa!!!) e da allora non si è ancora visto un design finale del veicolo, sono stati cambiati i motori principali, è stato abbandonato l’approccio Metano/Ossigeno, non è stata scelta l’azienda che lo costruirà… insomma… a parte le belle immagini computerizzate e qualche mock-up di balsa dove stà il sosituto dello shuttle??
Credo che alla NASA comincino “seriamente” a pensare che la navetta (se davvero sono stati risolti od almeno ridotti i problemi di foam) resterà in "giro " ben oltre al 2010…
Sarei quasi pronto a scommetterci!

No,lo Shuttle è andato.Prima della tragedia del Columbia il programma era ternerlo in linea fino al 2020 (affiancato dal 2010 dall’Orbital Space Plane,che avrebbe potuto essere un piccolo spazioplano o una capsula),ma era anche previsto che le navette dovessero essere aggiornate con massicci lavori di sostituzione di molti sistemi di bordo e dei computer.Dopo il Columbia e l’arrivo del CEV questi lavori sono stati cancellati,quindi non è possibile impiegare la flotta ancora per molto.Inoltre la vera campana a morte per lo Shuttle è che un veicolo che avrebbe dovuto fare decine di voli l’anno,si e no riesce a compiere due missioni ogni 12 mesi .Consideriamo poi che c’è molta gente alla NASA che non vede l’ora di concludere il programma STS per trasferire fondi al CEV.Che poi invece di ritirarlo nel 10 prolungheranno la sua vita di un anno o (improbabile) due,questo è un altro discorso.

Si, lo so Carmelo… la mia era solo una pia speranza … :cry:
Ma di questo passo volerà prima il Kliper (2012) del CEV!! Vi immaginate che smacco per la Superpotenza?
Farsi sorpassare dagli “straccioni” dei Russi? :scream:
Se continua così potrebbe fare in tempo anche l’ESA con un suo mezzo abitato… magari un ARIES!! :wink: