Novità sui cosmonauti perduti?

lost-cosmonauts

#1

Ciao a tutti, sono stato per un bel po’ di tempo assente dal forum per ragioni di lavoro (sono stato veramente sotto pressione) e di salute (qualche acciacco che purtroppo comincia quando la gioventù è ormai alle spalle), ma sono di nuovo qui. Ho letto su uno degli ultimi numeri della rivista Coelum che è stato pubblicato un nuovo libro sui cosmonauti perduti, con la prefazione di Paolo Attivissimo. In questa sezione dedicata all’argomento non sono riuscito a trovare topic sul nuovo libro, a parte uno che era precedente alla sua pubblicazione. Sapete dirmi se il libro riporta qualche novità rispetto agli argomenti discussi in precedenza sul forum?
Grazie dell’attenzione e saluti a tutti.


#2

Il mistero è risolto, il caso è chiuso. Puoi ascoltare tutte le novità in questa puntata del nostro podcast AstronautiCAST in cui abbiamo intervistato Luca Boschini, l’autore del libro Cosmonauti Perduti che svela il mistero. Qui invece puoi leggere la trascrizione dell’intervista.


#3

Non li hanno ancora trovati! :stuck_out_tongue_winking_eye:

E’ una battutina, neh… non :facepunch:


#4

Ci avevo pensato anche io ma non me la sono sentita di scriverla!! :stuck_out_tongue_winking_eye:


#5

Ho letto la trascrizione dell’intervista e mi è sembrata molto esauriente (preferisco usare questo vecchio termine, dato che “esaustivo” è criticato da certi linguisti). D’altra parte, in certe registrazioni dei fratelli J.C. c’erano non poche incongruenze che mi hanno colpito, come nel caso della cosmonauta chiamata Ludmilla che vedeva la fiamma durante il rientro e parlava con la base, mentre oggi sappiamo che in quella fase le comunicazioni radio si interrompono; questo significava che le registrazioni non andavano prese tutte per oro colato come hanno fatto alcuni (a proposito di Ludmilla, aggiungo di avere letto da qualche parte che un russo madrelingua che ha ascoltato questa conversazione ha detto che la lingua è russa, ma pronunciata con un accento strano). Penso tuttavia che nonostante le obiezioni razionali, quello dei cosmonauti perduti è diventato un mito, e per il grosso pubblico i miti sono duri a morire.


#6

Compra il libro di Luca e fai anche un favore al Cicap… Oltretutto esiste anche la versione elettronica.

Parla anche dell evento di Ludmilla molo chiaramente…


#7

Anche solo la prima metà che racconta il programma spaziale sovietico, riassumendo montagne di altre fonti, vale da sola il libro.


#8

Il libro vale la pena e la prima parte è decisamente strepitosa in quanto a ricostruzione storica del programma sovietico. :clap:

Compralo e non te ne pentirai.


#9

:beer:

A parte le battute, sembra davvero interessante il libro “Cosmonauti Perduti”


#10

LOL, mi son messo a ridere come uno scemo davanti al PC :stuck_out_tongue_winking_eye:

A parte le battute, qui c’è il topic dedicato al libro, giustamente messo nella sezione “Indispensabili” del forum. Libro eccezionale, l’ho divorato in pochi giorni, una volta iniziato non riuscivo a smettere di leggerlo :ok_hand:


#11

Se mai ci fossero stati, sarebbero da cercare nei gulag in Siberia. Loro, i responsabili del progetto, i tecnici di rampa, gli operai delle fabbriche, l’intero sito di lancio. Troppi.


#12

Mi avete convinto, comprerò il libro.

Penso che tu abbia ragione. Oltretutto secondo i fautori della teoria si tratterebbe di 14 cosmonauti, un po’ troppi. Un mio amico colonnello dell’aeronautica, che crede a questa teoria, sostiene che i russi hanno motivo di nascondere le prove ancora oggi perchè se si ammettesse che ci sono stati cosmonauti prima di Gagarin bisognerebbe riscrivere la storia dell’astronautica. Anche prendendo per buona quest’ipotesi, si tratterebbe solo di due cosmonauti (quello dell’SOS a tutto il mondo e quello del rantolo); e gli altri? Non ci sarebbe più motivo di nascondere le loro storie (se fossero vere), dato che non toglierebbero il primato a Gagarin e che l’URSS non esiste più.


#13

A lantè e comprati sto gaz di libro va che di veri misteri e storie incredibili ma vere ne troverai e le potrai raccontare al tuo amico colonnello sciachimista… :stuck_out_tongue_winking_eye:


#14

Concordo, fai prima a leggerlo che a rimuginarci sopra. Poi passalo all’amico colonnello.


#15

:angry: Io lo ho comprato, o perlomeno ho pagato i 5 euri per il e-book, ma poi non è stato possibile né trovare un link per scaricarlo, né altro (es. arrivo in posta elettronica del e-book). Li ho contattati via e-mail ma mi sa che mi son preso una fregatura, non mi ha ancora risposto nessuno … :rage:


#16

Dove l’hai acquistato? Sul sito del CICAP? Se è così, da quanto ho letto dovresti tornare sulla pagina del libro dopo l’acquisto per scaricare il file (immagino che tu debba essere collegato con il tuo account del sito). Se visiti la pagina non appaiono link o bottoni?


#17

Si, acquistato sul sito CICAP dopo opportuno login e pagamento via PayPal. L’unico bottone che mi appare è per un nuovo pagamento (oltre al danno, la beffa … :disappointed: )

Edit: ti dirò di più, non mi è permesso nemmeno inserire un commento al libro perché (cito) “non lo hai acquistato”. Sia ben chiaro, ciò che mi da fastidio non sono i 5 euro che non mi fanno né più povero né più ricco, ma la pessima immagine che da di se il CICAP, che dice di combattere le truffe e le falsità ma in sostanza non mettendo pulsanti per lo scaricamento di fatto mi ha truffato.


#18

Vittorio, hai provato a fare il login sul sito dopo avere cancellato la cache e i cookies del browser?


#19

Vittorio, anche io l’ho acquistato lì e lo posso scaricare in ogni momento seguendo questa procedura:

  1. Vado su http://www.cicap.org/new/prometeo.php
  2. In alto a destra clicco su “LOGIN”
  3. Accedo con le mie credenziali
  4. Nel menu verticale di sinistra clicco su “I tuoi Ebooks”
  5. Scarico il file epub

#20

Ma nessuno gli puo’ mandare il file direttamente dato che lo ha comprato? Vittorio, blocca il pagamento di PayPal, basta che entri nel sito paypal.com e puoi richiedere l’accredito di tutti i tuoi acquisti.