Nuova partnership tra ESA e Repubblica Slovacca

Lo scorso 28 aprile a Bratislava Peter Hulsroj, Director of Legal Affairs and External Relations dell’ESA e Ján Mikolaj, Ministro dell’Educazione Slovacco hanno firmato un accordo di intesa che pone le basi per una futura cooperazione riguardante la scienza spaziale, osservazione della Terra e ricerca in micorgravità.

I primi contatti risalgono al 2004 e successivamente venne creata una commissione di esperti, facenti capo al Ministero dell’Educazione, per sviluppare la collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea.
Di questa commissione fanno parte membri del Ministero dell’Educazione, Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Agricoltura, Economia, Ambiente ed Affari Esteri oltre che scienziati dell’Accademia delle Scienze, e rappresentanti dell’industria aerospaziale.

La Repubblica Slovacca ha una lunga tradizione in ambito spaziale: Vladimír Remek (di padre Slovacco e madre Ceca) nel 1978 passo 7 giorni nello spazio a bordo della Soyuz-28 raggiungendo la stazione Saljut-6, mentre Ivan Bella nel 1999 fu il primo cittadino Slovacco a volare nello spazio a bordo della Soyuz-TM29 e soggiornando sulla MIR per una settimana.
L’instituto slovacco di Fisica Sperimentale può inoltre vantare collaborazioni nei progetti Rosetta, BepiColombo, Venus Express e Double Star, mentre l’Accademia delle Scienze stà già collaborando all’IMPRESS Project dell’ESA per la ricerca sulla solidificazione dei materiali nano-metallici.

Fonte: ESA


Agreement.jpg