Orion volera 2 anni prima (2013)...!


#1

[glow=red,2,300]Leggendo su Space.com [/glow]

http://www.space.com/news/070607_constellation_update.html

[glow=red,2,300]Pare che il primo volo sia nel 2013 e non nel 2015 …[/glow]

CAPE CANAVERAL, Fla. - There are only about 16 flights left before NASA’s space shuttle fleet retires in 2010, but an ambitious plan is in place to have a replacement spacecraft ready by 2013.

This is two years earlier than NASA’s previously stated goal of getting the next generation Orion Crew Exploration Vehicle and the Ares I and Ares V rockets ready by 2015.

“There is a two-thirds statistical likelihood of being successful in meeting that [2015] date, but our plan is much more aggressive than that,” said Jeff Hanley, program manager for NASA’s Constellation program. “We’re trying to get the [initial operating capabilities] by as early as 2013.”

Hanley said the year-old Constellation program is currently in the formulation phase and trying to secure parts for the new spacecraft. A test flight of an Ares I rocket could begin as early as 2009, with a piloted test to follow as soon as 2013, Hanley said.

“At the end of this year, we will have all the major elements under contract to build the rocket and the spacecraft to take us back into low-Earth orbit and our first steps back toward the Moon,” said Scott Horowitz, NASA’s associate administrator for exploration systems.

The Ares rockets will contain features from both the current shuttle and the old Saturn rockets that carried the Apollo astronauts to the Moon. Ares I is a two-stage rocket designed to loft NASA’s new capsule-based vehicle, Orion, into orbit. Its larger, cargo-only counterpart is Ares V, which will be the most powerful rocket ever built and capable of carrying five to six times more payload than the shuttle.

Orion will replace the shuttle as NASA’s vehicle to ferry astronauts to the International Space Station, and it will also be the vehicle the agency plans to use to return to the Moon in 2020.

NASA plans to launch at least 13 shuttle flights dedicated to ISS construction through 2010, with the option of two additional logistics missions if feasible. A final mission to service the Hubble Space Telescope is also slated to launch in September 2008.


#2

che bello!
almeno saranno solo due gli anni di inattività!


#3

queste sì che sono notizie! speriamo bene!


#4

Vedremo come andrà, se così fosse sarebbe una bella notizia.
Metto già io i commenti per i sempre scettici così si risparmia tempo e si può già rispondere preventivamente :smiley:
“Hanno bisogno di voti e sono le solite sparate politiche”
“Non succederà mai, sarebbe già un successo rispettare i vecchi tempi!”
“Sono completamente matti, non hanno neanche una tabella di marcia”
“Il CEV fa schifo è un Apollo vitaminizzato”
“Era meglio lo Shuttle”
“Alla NASA hanno perso la testa”
“Non ci sono più le mezze stagioni”
“Piove governo ladro”

Spero di averle dette tutte, chiedo scusa per le dimenticanze… :smiley:


#5

Hai dimenticato la più bellina:" secchio di bulloni".Perchè si sa,sullo Shuttle i bulloni non ci sono.


#6

Fate i brai, che poi il Maxi mi si inalbera :smiley: :smiley: :smiley:

Tra i commenti, avete dimenticato quello ufficiale del forum: T.T.
:stuck_out_tongue_winking_eye:


#7

io aggiungerei all’elenco sopra:

  • non bisognava interrompere il programma x-33
  • ci vuole un SSTO con propulsione termo-idro-nuclear-magneto-quantistica
  • cosa aspettano a fare un motore a curvatura? sono 50 anni che i militari ce l’hanno all’area 51 dopo averlo smontato dall’astronave di rosswell!

seriamente… incrociamo le dita! [-o<
io personalmente sono abbastanza fiducioso; sicuramente ci saranno difficoltà di ogni tipo (soprattutto economiche), ritardi e ridimensionamenti (che ci sono quasi sempre), ma ciò che mi fa ben sperare è al convinzione che sembrano metterci nel programma constellation. non riesco a credere che siano solo sparate in stile hollywoodiano.

e per l’immediato… go atlantis!


#8

Io sono abbastanza pessimista!

Sinceramente non credo che ce la faranno per quell’anno…

Poi cavolo, 6 anni sembrano così lontani…

crdo comunque anche 2 anni di inattività siano troppi, è vero che in passato, tra apollo e Shuttle, ne passarono ben di più però…
gli slittamenti di quel programma oltretutto dovrebbero insegnare molto spero non ripetano gli stessi errori e che abbiano fatto i loro calcoli bene!


#9

Ho letto anche io questa notizia oggi. Devo ammettere che sarei contento se fosse rispettata questa data che poi era una delle prime idee di Griffin quando prese il comando della NASA… limitare al minimo la pausa dallo shuttle al CEV/Orion. Ma questa “novità” tirata fuori ora mi fa venire il dubbio che poi alla NASA non siano cos’ convinti del programma COTS per portare equipaggi e rifornimenti alla ISS… :kissing_heart:
Per quanto riguarda le battute dei ferventi sostenitori di questo “nuovo” veicolo spaziale USA… lascio perdere… :wink: e non raccolgo la “sfida” visto che ormai abbiamo già espresso ognuno le proprie convinzioni.
E poi ci vuole ban altro per farmi inalberare… :—)


#10

Sono sicuro che qualcuno stava aspettando con entusiasmo la mia linea di pensiero , eccomi qua!
Anch’io sarei molto entusiasta se il tutto servisse x non allungare troppo la mancanza di lanci dalla parte Americana, senza l’astronautica non riesco a vivere, ma sinceramente sono sempre stato dell’idea che le cose fatte in fretta sono quelle che non riescono mai bene.
Pur tenendo da conto il fatto che il vettore ARES I già esiste, dato che si utilizzerà un SRB, il progettare, calcolare, verificare e lanciare una capsula in così breve tempo, mi sembra alquanto azzardato.
Per le macchine ci vogliono anni di studio, per gli aerei civili e militari molti di più, per delle navette spaziali o capsule, che richiedono molti più sistemi ed altro, ci vorrebbero ancora più studi e anni di ricerca.
Comunque sia staremo a vedere!
Non vorrei però trovarmi al posto dei primi astronauti che faranno il primo volo sul CEV, lo troverei molto rischioso.


#11

Pur non esento un entusiasto sostenitore del Cev/Orion ,penso che la data 2013 sia possibile,
in quell anno (2013) sarano passati 10 anni dallo start del progetto Cev…quindi credo possibilissimo il primo volo…


#12

Premetto che questa notizia di anticipo di due anni, a mio parere, è solo una previsione…
come tutte le previsioni subirà dei cambiamenti…

…cmq…

…abbiamo detto più volte che il CEV è la vitaminizzazione (:P) dell’Apollo…
per quanto riguarda configurazione e avamprogetto è ovvio… per quanto riguarda l’hardware di volo immagino si “cannibalizzi” progettualmente lo shuttle (attuatori, elettronica, sistemi di controllo ambientale, componenti elettrici, … tutte parti già lungamente testate).

Più volte è stato detto che questo progetto è solamente l’implementazione di veicoli già realizzati: beh, un vantaggio ci sarà pure no?! Essendo cose già testate si poù procedere più velocemente!

Non la vedo una notizia negativa, anzi, a ben pensarci bisognerebbe rispondere: “ovvio!”.
Se pensiamo ai satelliti che oggi l’industria spaziale progetta e realizza in poco più di un anno… riproporre una capsula Apollo (ok, più grande, più moderna, più sicura, …) con tutta l’esperienza dell’hardware dello shuttle di certo facilita il lavoro… non si parte da zero!

In fondo poi, per realizzare la capsila Apollo (ok c’era una cosa chiamata Guerra Fredda e Corsa allo Spazio…) non sono passati molto più di sei anni se ci pensiamo bene…

Finisco con un … ovvio! :wink:

Diego


#13

A me, come ben sapete, l’Orion non piace molto ed in questo quoto sia Maxi che Topopesto.
D’altra parte, se si verifica, questa notizia è comunque buona da qualunque punto di vista lo si vede.
Non si può sperare che un programma spaziale vada male perché non ci piace o non siamo d’accordo con esso.

Premesso ciò ritengo che in 6 anni ce la possano fare.
In fin dei conti si tratta di una capsula spaziale, basata su forma e tecnologie stracollaudate dovrebbero, fondi permettendo, farcela anche in meno.

Gli unici due elementi davvero critici sono l’Ares V (ricordate tutti i problemi dell’Ariane 5??), e l’LSAM di cui (guarda caso) non se ne sente più parlare (a parte le solite anteprime grafiche) da un pezzo.

Magari ce la fanno a far volare nel 2013 l’Orion, ma come la metteranno se l’LSAM (o come sarà battezzato) avrà, come ritengo, dei tempi di sviluppo più lunghi??
La storia insegna qualcosa tra l’Apollo ed il LEM fu quest’ultimo ad accumulare ritardi su ritardi durante il suo sviluppo tanto che la missione Apollo 9 non potè avvenire prima del 1969.


#14

Si,questo è senz’altro vero.Mentre l’ORION prende sempre più corpo il LSAM rimane per adesso un astronave di carta.Ritengo inoltre che realizzarlo sarà molto,molto,molto costoso.Tuttavia,se veramente si vuol tornare sulla luna paradossalmente questa situazione potrebbe presentare dei vantaggi.Mi spiego:inanzitutto per il LSAM i giochi sono ancora aperti,la sua configurazione finale potrebbe essere molto più interessante e innovativa di quanto oggi non sembri (perchè no un “EAGLE”)? Inoltre i costi di sviluppo potrebbero convincere gli Americani a costruirlo insieme agli Europei ed ai Russi,allargando il progetto.Vedremo.


#15

Scusate la mia ignoranza (e pigrizia… :smiley:): ma in che fase siamo dei vari sistemi attualmente?!

Se non sbaglio Orion ha concluso ormai da un po’ la System Requirements Review (ma posso benissimo sbagliarmi…).

Per Orion confermate? LSAM? Ares V? Ares I?

Penso ben che alcuni requisiti dell’Orion siano stati postulati tenendo conto anche del progetto dell’LSAM… ma questo a che punto è!?? Avrei fatto una veranda o una lavanderia invece del tunnel di passaggio fra i due sistemi! :stuck_out_tongue:


#16

Per Orion quella appena passata era una delle più importanti ovvero la discussione di tutti quei “matching” che potevano creare problemi o conflitti fra i vari sistemi. Adesso con la loro risoluzione si può passare alla fase di produzione in quanto si sono discussi tutti i punti critici e si potrebbe dire che si sia passati dal progetto dei sistemi alla definizione DEL sistema.
Per la Luna il NASA’s Lunar Architecture Team sta finendo la definizione dei requisiti per gli avanposti lunari e per le future ricerche scientifiche, la “lunar architecture system requirements review” è prevista per la primavera del 2009.
Da Agosto inizieranno una serie di review minori per i vari sistemi per l’Orion per finire con una “Constellation Program baseline synchronization” nel Marzo 2008.
Le prossime tappe “miliari” saranno comunque la “preliminary design review” nell’estate 2008 e la “critical design review” a inizio 2010.
Per darti un’idea qui ci sono tutte le gare in corso e vinte del programma:
http://exploration.nasa.gov/acquisition/index.html


#17

Diamo pur per certo che nel 2013 sia pronto l’ARES I con il CEV, ma sicuramente per quel che riguarda l’ARES V mi sembra assolutamente impossibile averlo pronto per tal data.
Tutto questo andrebbe comnuque bene, dato che all’inizio si prevede di utilizzare il CEV solo come spola tra la Terra e la ISS.


#18

In pratica quello che già fa oggi la Soyuz, con la differenza che l’Orion costerà di più al contribuente americano.
D’altra parte l’Orion potrà portare alla ISS fino a 6 astronauti, quasi quanto lo Shuttle, per farlo con la Soyuz ne occorrono due.

Per il discorso lunare sono molto scettico, il fatto che stiano studiando le architetture degli avamposti senza avere chiaro quale veicolo, e con quali capacità, li assemblerà sulla Luna mi sembra velleitario. Chiaramente LSAM è ancora in uno stadio di progettazione arretrato rispetto all’Orion.


#19

Leggendo su vari forum americani e tedeschi,tanta gente pensa che si farà l’Orion solo per rimpiazzare lo shuttle… :kissing_heart: e poi eventualmente quanto ci saranno i soldi e la volontà si andrà su la luna… :-?
e altra gente crede che la storia della Luna sia solo una scusa per poter sostituire la navetta senza tanti problemi e avversità . ](*,)
Pensate che cosa succederebbe se avrebbero detto,si sostituisce la navetta con un simile Apollo e basta… :scream: senza la storia della luna ecc ecc…
Beh magari si sbaglieranno,ma un poco di verità nei loro discorsi ce…


#20

Bisogna fare un distinguo, quella di andare sulla Luna è una necessità (almeno così come è stata espressa da Bush Jr.) meramente politica.
Mentre quella di andare in LEO è una necessità “fisiologica” della NASA che, senza i voli abitati, certamente non perderebbe del tutto la sua ragion d’essere (ci sono sempre le missioni automatiche) ma quasi, perlomeno al livello di opinione pubblica.

A mio avviso alla NASA hanno colto due piccioni con una fava, da un lato soddisfano l’esigenza di un ritorno sulla Luna dall’altra hanno imposto un design molto più semplice e meno costoso.
La “decurtazione” in termini operativi e di immagine, nell’aver sostituito un aerospazioplano con una semplice capsula, trova una sua solida giustificazione solo se l’Orion serve davvero per andare sulla Luna.

In caso contrario si avvia ad essere un programma politicamente, e socialmente, fallimentare anche se tecnicamente coronato da successo (e non è la prima volta che succede, del resto è capitato proprio all’Apollo…).

D’altra parte che senso avrebbe lanciare un programma “concorrente” (perlomeno in LEO) quale il COTS??
Che mira a fare lo stesso lavoro dell’Orion ma ad un prezzo più basso…