Per il CEV/Orion alla NASA ispezionano un CM/SM Apollo!!

Sembra impossibile ma per comprendere bene come era stata realizzata la connessione dei cavi e tubature fra il Modulo di Servizio ed il Modulo di Comando di una vecchia Apollo (la 119 che era stata costruita come back-up dell’Apollo-Soyuz) i tecnici della NASA che lavorano alla “nuovo” CEV/Orion sono andati a smontarla al Centro Visitatori del Kennedy Space Center… altro che cinesi che copiano le Soyuz con la Shenzhou!!! :scream:
In fondo, come dice uno degli ingegneri della NASA, perchè reinventare la ruota se qualcuno l’ha già costruita prima di te? :roll_eyes:

Fonte: http://www.nasa.gov/mission_pages/constellation/orion/umbilical_inspection.html

“Oh regà, ma questo filo qui a che serve?” - “Boh? Chi se lo ricorda?” - “Vabbè, ma chissene frega, dai!” :stuck_out_tongue:

E’ proprio vero, le cose vecchie sono sempre le migliori! :smiley:

"E' proprio vero, le cose vecchie sono sempre le migliori! :smiley:
:wink:"The goal for the new Crew Exploration Vehicle connection is reusability. The newer design for Orion will not have the same number of tubes and wires because of today's technology, but a lot of the information that comes from this inspection will be combined with the old design that worked for the Apollo days. However, the next-generation crew module will be larger and more technologically advanced".
"Oh regà, ma questo filo qui a che serve?" - "Boh? Chi se lo ricorda?" - "Vabbè, ma chissene frega, dai!" :P

Putroppo a volte, anche in campo spaziale, le cose vanno proprio così…

Umamma!

Queste sono le classiche cose a cui si attaccano “quelli la”…

I “Sostenitori della terra piatta”(una citazione Stephen Kingiana) aspettano solo ste notizie!

Quello che io non riesco a capire è : è possibile che alla NASA non abbiano più dei progetti o schemi riguardanti le capsule Apollo?
Hanno forse buttato via tutto , con la fine del programma?
Se non ci fossero stati ancora in giro dei vecchi pezzi del programma Apollo, cosa avrebbero fatto?

Ci sono ancora: Saturn V Bluenprints Safely in Storage.

Paolo Amoroso

…ho capito, ma se hanno inventato la ruota in pietra, perchè qualcuno ha pensato di migliorarla con il pneumatico? :wink:

Comunque notizia fantastica… W il progresso… ?!

Quello che ti posso dire personalmente, è che a volte toccare con mano e vedere con i propri occhi è mille volte più esplicativo, anche per il migliore ingegnere, perchè molte volte sono i piccoli dettaglio che non vengono messi a progetto (o meglio non venivano) come ad i fissaggi dei cavi o la loro disposizione a fare la differenza, e non si finisce mai di imparare…
E poi che male c’è nel andarlo a vedere, in fondo è il veicolo più recente delle sua stirpe l’Apollo e imparare dai vecchi progetti è sempre un bene, non dicevate (e lo dico anche io) che se si fosse sviluppato lo shuttle si sarebbe potuto evolverlo verso un nuovo mezzo al posto del CEV? E in quel caso non sarebbero andati ad analizzare le strutture e gli impianti di persona di uno shuttle vero? Oggi computer e grafica fanno miracoli ma andarli a toccare e vedere è ancora necessario… in ogni campo…

Ma infatti non penso siano andati per copiare pari-pari tutto, per fare quello bastavano i disegni… lo scopo era quello di toccare con mano le difficoltà e le carenze migliorabili con il nuovo progetto…

Ti ammiro davvero Albyz per il tuo incrollabile ottimismo che riesce a vedere cose positive praticamente in ogni angolo di questo “sciagurato” progetto… ;D
Vedi io non potevo seguire agli inizi degli anni '70 lo sviluppo dello Space Shuttle e capire gli errori che si stavano facendo mentre il progetto avanzava… ma ora… nel 21° secolo abbiamo molti più mezzi per capire che la strada intrapresa dalla NASA non è quella che ci si aspetterebbe dall’Agenzia Spaziale più potente della Terra…
Io spero TANTO di sbagliarmi nel mio pessimismo… e spero TANTO che tu e gli altri che “credono” nel progetto CEV/Orion e Ares abbiate ragione… lo spero davvero… per il bene dell’umanità…

Mah, è vero tante volte eccedo in ottimismo (non tantissime però :wink: )… però questa volta non vedo nessun errore e nessuno sbaglio per questa azione che considero logica, prevedibile e auspicabile… comunque onestamente non li vedo io tutti questi errori… sinceramente, una volta scelta la configurazione di lancio (che io e altri consideriamo fosse obbligata) quali sono gli errori commessi? Non penso che analizzare la progenitrice di un nuovo mezzo sia un errore, anzi… come non vedo scelte così macroscopiche così errate e/o possibili alternative più redditizie da valutare… insomma tutto il processo mi sembra una successione logica standard e con scelte obbligate per arrivare a certi obiettivi… certo se si volesse rimanere in LEO per altri 30 anni tutto il discorso crollerebbe… ma fortunatamente così non è, per cui chi avesse alternative si faccia avanti…

Certo, ma per uno Shuttle i problemi sarebbero stati molto minori… passano regolarmente in manutenzione e quindi di tecnici pratici ne esistono molti!
Il mio discorso “evoluzionistico” riguarda un avanzamento costante che prevede di migliorare per gradi: ieri ho fatto 1, oggi 2 e per fare 3 domani non mi serve più l’1 perchè l’ho già migliorato nel 2… :wink:
Poi che lo Shuttle non possa andare oltre LEO è un dato di fatto, ma che faccia bene il suo sporco lavoro, mi pare che lo abbia dimostrato ampiamente! :wink:
Io dico solo che trovo poco dignitoso che lo Shuttle venga fermato e che si resti senza collegamenti costanti anche solo con LEO per, nella migliore delle ipotesi, 4-5 anni.
Ovviamente IMHO!

P.S.: ovviamente queste discussioni lasciano il tempo che trovano…
Quello abbiamo e quello ci deve piacere!!! ;D

Appunto… :’(

Questo rende ancor più valore al lavoro svolto da tecnici e ingegneri che dal '62 si impegnarono nella costruzione della capsula Apollo, senza aver nessun tipo di ausilio tecnico/visivo da cui prendere spunto per avviare una nuova progettazione, e senza avere la possibilità di correggere eventuali errori passati o apportare migliorie. Le nuove tecnologie daranno una grossa mano nella realizzazione dell’Orion ma sicuramente questa nuova capsula “trasuderà” Apollo da tutti bulloni … 8)

E comunque non stanno copiando dei vecchi sistemi.La sfida è creare un CM completamente riutilizzabile.Stanno studiando la “ruota” per creare il pneumatico della prossima generazione.

Magari “antiforatura” … :wink:

Ora si, ma fra 30 anni?
E comunque quelli che fanno manutenzione non fanno progettazione e viceversa, per cui queste “visite d’istruzione” ci sarebbero comunque… proprio per l’utilità sopra illustrata…

Questo è perfettamente logico se il CEV fosse realizzato per la LEO, ma il compito a cui è destinato il nuovo mezzo è completamente diverso e non può essere evoluzione di qualche cosa di diverso… Un mini-shuttle sulla Luna? e per Marte? Vorrebbe dire precludere tutte queste porte per i prossimi 20-30 anni solo per voler evolvere lo shuttle, in quanto sarebbero richieste enormi risorse in più…

Poi che lo Shuttle non possa andare [i]oltre[/i] LEO è un dato di fatto, ma che faccia bene il suo sporco lavoro, mi pare che lo abbia dimostrato ampiamente! ;)

Su questo non ci piove, anzi… ma adesso è ora di uscire dalle briglie della LEO e cosa c’è di più logico di ispirarsi all’unico mezzo che per ora lo ha fatto?

Io dico solo che trovo poco dignitoso che lo Shuttle venga fermato e che si resti senza collegamenti costanti anche solo con LEO per, nella migliore delle ipotesi, 4-5 anni.

Solo una parola, COTS… e non ricominciamo con la storia che non saranno in grado, oggi come oggi quella è la soluzione, e finchè non sorgeranno problemi il programma è quello e permetterà i rifornimenti e i cambi di equipaggio sulla ISS regolari.
Lo shuttle lo abbiamo già scritto tante volte ormai è un buco nero per le finanze, soprattutto per il compito che sarebbe portato a fare dopo il 2010, ovvero il taxi verso la ISS.

E’ evidente che hai ragione, Albyz, ma mi piace fare un po’ l’avvocato del diavolo… :wink:

Resta il fatto che un gruppo di tecnici che entra all’OPF fa meno notizia dello stesso gruppo che smonta un “monumento”… :smiley:

P.S.: mi piacerebbe tanto prendere un “Taxi” così per andare sulla ISS!!!