Perdita di liquido refrigerante dalla Sojuz MS-22 (68S)

(continuo ad aggiornare mentre parlano)

  • NASA è d’accordo con Roscosmos nel credere che la causa sia stato un detrito. Tutti sono d’accordo che non è stato un meteor shower, perché la direzione non combacia con dove l’impatto è avvenuto. Quindi si pensa sia stato un meteorite di 1 mm con velocità relativa di circa 7 km/s (che è arrivato da una direzione “casuale”)

  • Confermato nessun cambio all’equipaggio di Crew-6

  • È stato deciso che la via ottimale era di mandare la MS-23 senza equipaggio, e per questo si è deciso di estendere la Expedition 68 di vari mesi. La data del rientro di MS-23 non è ancora decisa (il piano originale era che la MS-23 rientrasse a fine Settembre 2023, per lasciare il posto alla Expedition 70).

  • L’equipaggio di Expedition 69 non verrà cancellato, ma verrà solo posticipato alla Soyuz successiva. Quindi ci sarà un effetto a catena su tutte le expeditions successive, ma Roscosmos cercherà di accorciare le missioni per ritornare alla schedule originale il prima possibile.
    Nota: c’é stata una domanda che chiedeva quando la MS-24 sarà pronta per lanciare il nuovo equipaggio, ma né Montalbano né Krikalev hanno risposto (non so se perché si sono dimenticati, era l’ultima di tante domande o se hanno glissato appositamente).

  • Sia NASA che Roscosmos sono d’accordo nel chiamare la MS-23 una “replacement Soyuz”, non “rescue Soyuz”, nel senso che ad oggi non c’è nessun bisogno per gli astronauti di rientrare, possono stare a bordo in maniera sicura e senza problemi.

  • Se dovesse esserci un’emergenza sulla ISS prima dell’arrivo della MS-23, che richieda l’evacuazione della ISS, la MS-22 può essere usata per rientrare a terra. In parallelo, si continua a lavorare all’opzione di farli rientrare con Crew-5, in caso di emergenza (i.e. possibilità ancora non confermata). Per ora Crew-6 non si tocca.
    Nota: significa che la MS-22 ad oggi è considerata sufficientemente sicura per il rientro con equipaggio di caso di emergenza, per chiudere definitivamente le discussioni dei giorni scorsi.

  • In caso di rientro della MS-22 con l’equipaggio, il problema principale sarebbero le condizioni termiche (visto che non c’è possibilità di raffreddamento).

  • Quello che preoccupa sono i computer che arriveranno tra i 30 e i 40 gradi, in condizioni di umidità elevata (se non si può raffreddare, non si può neanche rimuovere l’umiditá). Queste condizioni di alta temperatura e umidità sarebbero anche “non salutari” per l’equipaggio.

  • La Soyuz ha vari livelli di ridondanza. Se i computer si rompono, si può passare al modo analogico. Quindi la Soyuz MS-22 è in grado di rientrare a Terra senza problemi. Il vero problema è l’equipaggio, che si troverebbe in un ambiente di alta temperatura e umidità. È il motivo per cui si sta guardando all’opzione di spostare uno o più astronauti si Crew-5, per ridurre il carico termico (sia calore sensibile che latente) generato dagli astronauti stessi.
    Nota mia: questo è molto interessante, il problema non sono l’hardware e l’elettronica, ma l’equipaggio. E il problema principale è l’umidità associata con l’alta temperatura, non la temperatura “da sola”.

  • NASA e SpaceX stanno lavorando all’opzione di spostare un astronauta su Crew-5 in caso di emergenza. Questo implicherebbe spostare dell’hardware dalla Soyuz alla Dragon, per fissarlo dove normalmente si fisserebbe del cargo, e in quel modo essere in grado di portare giù un astronauta. Cosa spostare esattamente come fissarlo è ancora da definire, ma non sarebbero nè i seggiolini nè la Sokol. Ovviamente questo è solo uno scenario di emergenza, il piano nominale rimane di far tornare Crew-5 con 4 astronauti.

  • Con questo, significa che lancieranno la MS-23 prima del rientro della MS-22. Quando la nuova Soyuz arriverà, sposteranno i seggiolini e altro HW dalla 22 alla 23, dopodichè la MS-22 rienterà in maniera quasi nominale (nella solita zona in Kazakistan, portando giù anche dell’equipaggiamento e dei campioni scientifici, diversi da quelli che erano già pianificati, perché ovviamente non si può portare giù i campioni congelati). Nel momento in cui tornerà senza equipaggio, la MS-22 verrà usata per portare giù del cargo aggiuntivo.

  • Roscosmos userà questa situazione per testare il comportamento della Soyuz per un rientro in questa situazione anomala (ovvero si imparerà qualcosa di più delle capacità della Soyuz da questa anomalia).

  • NASA dal canto suo porta avanti del lavoro per capire le opportunità di “launch on need”, nel caso una cosa del genere succeda ad uno dei veicoli americani. Roscosmos invece ha già studiato la cosa in passato, e piuttosto che tenere una Soyuz di backup sempre pronta (da preparare e lanciare entro 45 giorni, se dovesse servire), pensano che sia più facile preparare quelle che servono secondo il piano nominale, e se serve accelerarne la preparazione e lanciarla un po’ prima

  • Stessa domanda di @wernherv , Krikalev ha risposto che non si può riparare la MS-22 (tra le altre cose non ci sono neanche gli appigli perché gli astronauti in EVA possano arrivare al punto dove c’è il buco). È molto piú semplice mandare su una Soyuz sostitutiva.

  • Per la data di lancio di Crew-6 (che doveva essere a metà Febbraio), NASA ha bisogno di ancora un paio di settimane per poter dire se rimarrà lì o se dovrà essere posticipata.

  • Perché non lanciare un’altra Dragon subito dopo il lancio di Crew-6, visto che dovrebbero essercene di disponibili? La cosa più facile e più veloce è di lanciare la MS-23 e di estendere la permanenza a bordo di Petelin, Prokop’ev e Rubio, senza bisogno di scomodare la sequenza delle Dragon che sono “in coda” per le missioni future.

  • Perché non si può mettere una protezione da MMOD? Risposta quasi ovvia: se devi emettere il calore, devi essere esposto allo spazio. Se ci metti una copertura, non funziona più come radiatore. Si potrebbe fare un radiatore più pesante, ma per farlo abbastanza spesso da resistere a un detrito che arriva a 7 km/s, dovrebbe essere così pesante che non riesci più a lanciarlo.

13 Mi Piace