Planetes - Makoto Yukimura

Vorrei segnalare questo manga uscito qualche tempo fa che potrebbe interessarvi.
La trama:Planetes segue la storia di un gruppo di netturbini spaziali della Sezione Space Debris, una unità della Technora Corporation, il cui compito consiste nel prevenire danni o distruzioni di satelliti, stazioni orbitanti e navi spaziali da parte di rottami e detriti liberi di vagare lungo l’orbita terrestre (quello che spesso viene anche definito inquinamento spaziale o anche in inglese space debris).

Per farlo si servono di una nave spaziale vecchia di trent’anni, la DS-12, ribattezzata dal proprio equipaggio Toy box, e di Attività extraveicolari cui sono stati precedentemente addestrati.

Siamo nell’anno 2075 e la colonizzazione dello spazio sembra essere diventata realtà. Sulla Luna è stata costruita una stazione permanente come punto di partenza per la colonizzazione di Marte e degli altri pianeti del Sistema Solare. Non tutti però sono favoreli a questa scelta. Organi clandestini come il “Fronte per la Difesa Stellare”, attivo anche sul fronte terroristico, è deciso a contestare le nazioni più potenti del pianeta per impedire all’uomo di sprecare tutte le proprie risorse per la soddisfazione di un desiderio meramente egoistico.

I netturbini spaziali della Technora si ritroveranno dunque spesso coinvolti nei piani di sabotaggio e nelle azioni dimostrative del gruppo terroristico e saranno costretti a svolgere il proprio lavoro in condizioni altamente proibitive. Ma la storia più che parlare di faide tra organizzazioni o lotte intestine alla Terra, parla semplicemente di loro, dei loro problemi e della loro solitudine. La Sezione Debris è considerata la sezione meno importante dell’azienda (spesso viene chiamata in modo dispregiativo “sezione han” che in giapponese vuol dire superficiale, insignificante) e i suoi membri sono costretti a lavorare duramente per dimostrare il proprio valore e realizzare i propri sogni.

Gli episodi girano a volte attorno alla raccolta dei debris, ma più spesso questo pretesto viene utilizzato solo come metodo narrativo per poter sviluppare i personaggi e i loro rapporti emotivi. Lassù, nello spazio, ci si sente dannatamente piccoli e soli e ci si interroga spesso sul perché delle proprie esistenze, sul perché della vita umana, e persino sull’esistenza di Dio.

La storia è strutturata in modo da non lasciare nulla al caso: tutte le situazioni descritte si basano su presupposti scientifici veri e delineano un mondo coerente e realistico degno dei migliori romanzi di fantascienza.

Altri elementi di spicco nella trama includono un’imminente missione esplorativa su Giove a bordo della nave sperimentale Von Braun, alimentata da motori tandem-mirror a fusione nucleare 3HE, e i tentativi di Hachimaki di unirsi alla missione. Molti altri argomenti vengono sviluppati durante la serie contribuendo a svelare il carattere dei protagonisti e le motivazioni che li hanno spinti a raggiungere le stelle.

Diversamente da altri anime e manga ambientati nello spazio, o comunque basati su trame fantascientifiche, Planetes vanta di seguire una descrizione molto realistica dello spazio e del viaggio spaziale. La storia descrive navi che non emettono suoni nel vuoto e astronauti che soffrono continuamente di malattie dovute alla permanenza nello spazio, come ad esempio avvelenamento da radiazioni, cancro, osteoporosi e problemi psicologici dovuti alla lunga permanenza nel vuoto siderale oltre l’atmosfera terrestre.

Uno dei personaggi, nato sulla Luna, è diventato anormalmente alto a causa della bassa gravità del satellite. Concetti come il movimento in presenza di bassa gravità o l’assenza totale di peso sono illustrati in continuazione e molto naturalmente. Anche la necessità di recuperare i debris spaziali, centrale nella trama di Planetes, è basato su un problema reale e in continuo aumento per gli austronauti dei nostri tempi.

Quindi EVA e rendez-vous a tutto spiano!.E’ il prodotto più realistico che abbia visto nell’ambito dei Manga, certo bisogna ricordare che è un prodotto di fantasia quindi qualcosa di poco realistico c’è,per esempio nel Manga (il fumetto) dando un calcio ad un debris lo fanno ricadere nell’atmosfera cosa evitata nell’anime (cartone animato)dove piazzano dei razzi di manovra oppure nel fumetto la base lunare sembra un avamposto(cosa logica essendo nel 2075) mentre nell’anime sembra una città con grattacieli.
Di seguito alcune immagini dell’Anime:

Di Planetes, che se non ricordo male è uscito in Italia nel 2003, ho letto solo il primo numero che mi impressionò abbastanza favorevolmente.

Non sapevo (ma non mi soprende) che ne fosse stato ricavato un anime.
Da questo punto di vista, almeno per me, la serie migliore è quella di Gundam, che riesce ad essere abbastanza realistica senza togliere nulla all’avventura…

Ho tutti e 4 i volumi stampati in Italia.
Devo dire che è stato un vero piacere leggerli, ed ammirarne il profondo realismo e l’ottimo sviluppo dei characters.
I volumetti sono ordinabili come arretrati ad un prezzo ragionevole sul siro paninicomics, editore della collana.

Poco più di 15 euro, ma li stravalgono!!!

Ho avuto modo di vedere quella che penso essere la prima puntata dell’Anime. Io non sono un amante della moderna animazione giapponese ma devo dire che questo “assaggio” mi è piaciuto molto. Senza dimenticare mai che si tratta di pura “Fantasy”, ha degli spunti di realismo veramente notevoli e la trama attira molto. Chissà se riuscirò a vedere qualche altra puntata…

Ciao, Fabio

Da buon OTAKU di Anime ve lo consiglio caldamente, a parte il fatto che trasuda spazio da tutti i pori, è una storia meravigiosa con dei personaggi stupendi… sono un pò di parte vero? però a mio avviso è il miglior anime fatto negi ultimi 5-6 anni. Ok c’è qualche altro concorrente per il titolo ma vi assicuro che sono davvero pochi.
E’ disponibile in itlaiano da poco e se non si era capito merita il tempo che gli si dedica!
Che posso dire BUONA VISIONE per chi crede che l’animazione qualche rara volta possa andare oltre al semplice intrattenimento.

Ho letto anch’io tutti i numeri del manga, mentre ancora non ho visto l’anime, una lettura davvero piacevole.

x Entropy: sono anch’io un altro otaku (bè, magari ex), magari puoi dare un occhiata quà http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=4287.0

Ho scoperto ieri questo anime giapponese che parla di spazio, e lo fa in modo sì fantasioso ma comunque serio. Che ve ne pare?

Conosciamo questa serie, a cui abbiamo anche dedicato un thread.
Attenzione però, a non postare contenuti che violino palesemente le attuali norme sul diritto d’autore. Questo è proibito dal buon senso e dal regolamento :expressionless:

Giusto! :ok_hand:
Cmq ringrazio lo stesso Art: non conoscevo l’anime in oggetto e visto che oggi è domenica, ho messo a frutto la mattinata… Me li sono visti tutti!!! :stuck_out_tongue_winking_eye:

Ogni tanto fa bene rammentare opere come queste ai nuovi arrivati!

Scusate, non ho pensato alla questione diritti…

Riesumo il post per celebrare il fatto che la mia ragazza mi ha regalato i 6 DVD della serie completa per Natale.
Così me li posso godere tutti in audio originale sotto lo sguardo di compassione dei parenti!

Mike, adoro, ADORO quello sguardo di mesta compassione.
Prima si posa su di te, e poi, solidale con relativo sospiro, sui genitori e sui familiari più intimi.
E il piccolo nerd della fantascienza se la gode con gigno beffardo :slight_smile:

Serie molto bella visivamente. L’ho scaricata e mi è piaciuta: i risvolti di trama sn un po troppo enfatici ma la parte tecnica è davvero molto bella

Sapessi quante volte me lo sono beccato quello sguardo…

Ho avuto modo di vedere presso il nipote, le prime tre puntate di PLANETES, poi… mi farò prestare i DVD!! :grin: :blush:

Accidenti, non male l’ambientazione del 2075. A parte la caratterizzazione dei personaggi e le loro storie personali, le operazioni EVA e le varie idee sviluppate (nulla di nuovo, of course) in merito alle strutture spaziali sparse quà e là, sono “abbastanza” realistiche.
A mio avviso, questo sarebbe il genere di Anime che oltre l’intrattenimento puro, potrebbero riuscire a stimolare i ragazzi (e mica solo loro) senza perdersi dietro a storie eccessivamente fantastiche. Ovviamente è una personalissima opinione.

… credo comunque, che si sia capito che questo PLANETES mi piace :ok_hand:

Conosco sia il manga che l’anime e l’ho trovato un lavoro di ottima fattura. E’ interessante notare come siano umani i personaggi. A differenza di molti anime dove c’è il duro o supereroe di turno qui ognuno e fortemente legato ai propri sogni e i percorsi che affrontano per realizzarli mettono in luce le loro debolezze e difficoltà.

Episodio 1 (eng):

(Link rimossi)

http://www.youtube.com/profile?user=Arbalest91B&view=videos qui li trovate in ita

… ma se po posta un video cosi? (parlo a livello legale)

p.s. ho la serie completa!

Direi che è evitabile.

E in ogni caso se ne è già parlato ampialmente

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=1834.0
http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=8329.0