Presentazione Shenzhou 2.0


#1

Per festeggiare degnamente gli ultimi, spettacolari, successi dell’astronautica cinese ho deciso di aggiornare la presentazione della Shenzhou che feci nel 2008 includendo tutte le viste delle capsule Shenzhou lanciate finora incluso l’ultima Sz 8.

La condivido con voi e spero sia cosa gradita… :wink:



#2

Graditissima!!!

Grazie


#3

Grazie mille Peppe!


#4

Grazie o sommo Peppe!! :nerd:


#5

Visto che avete gradito, posto le altre slides…



#6

Ancora altre slides…



#7

Infine, le ultime slides.



#8

I tuoi lavori sono sempre ben accetti e dei veri e propri capolavori!!! Grazie di esistere!!!


#9

Grazie mille! Complimentoni! Bellissime slides! :clap:


#10

Magnifiche,come sempre!!


#11

Grazie a tutti per le p<role di apprezzamento!!! :smile:


#12

Grazie Peppe! :clap: :beer:


#13

Shenzhou 1 era praticamente una Soyuz.


#14

Mitico Peppe !
Grandissimo lavoro. Congratulazioni.

Si tratta di una presentazione che hai fatto al pubblico o è solo un tuo “sfizio” ??
Il mio è un chiaro invito a non “lasciare queste cose nel cassetto”.

Paolo D’Angelo
www.paolodangelo.it


#15

Belle e chiare… anzi De Chiara.

Anche questa volta, grazie per averle condivise Peppe.


#16

Si e no, nel senso che è parte del materiale che ho sviluppato per il mio seminario annuale che tengo presso la Facoltà di Ingegneria Aerospaziale di Napoli sulla configurazione dei veicoli spaziali abitati.

Per il resto è stato uno “sfizio” personale, sono sempre però disponibile a presentarlo “live” se occorre…


#17

Mi autocito, riprendendo la risposta posta praticamente alla stessa domanda fatta in un altro thread dedicato all’argomento in oggetto:

"Questo è un luogo comune che sento in dovere di sfatare. La Shenzhou NON E’ una “replica” della Soyuz, ne condivide la configurazione originale ma il modulo orbitale e quello di servizio sono stati progettati completamente “ex-novo” con tecnologie cinesi.
Quanto al modulo di rientro, questo è effettivamente derivato da quello della Soyuz, ossia mantiene la stessa forma con gli stessi rapporti rispetto alle varie parti, ma è più grande del 25% (e già questo fatto, da solo, lo rende un veicolo completamente differente). Se appare diverso, sostanzialmente, perché è diverso.

Tra l’altro non è affatto detto che i cinesi utilizzino esattamente lo stesso tipo di TPS dei russi (anzi io, personalmente, sono convinto del contrario) e questo spiega le differenze “cromatiche” dei due veicoli una volta rientrati nell’atmosfera (rosso brunito la Soyuz, ed un grigio-giallognolo sporco la Shenzhou)."


#18

Se una volta vuoi venire a presentarlo in DeepCon a Fiuggi, me lo dici e ti metto in contatto con lo staff, che un pasto gratis come minimo ce lo recuperi.

Quest’anno dal 22 al 25 marzo.


#19

Ti ringrazio di cuore per l’invito magari ci faccio un pensierino (impegni di lavoro permettendo), così porto a fare una passeggiata anche alla mia famiglia (mia moglie ha apprezzato moltissimo l’AstronautiCon 2 a Montecatini)…


#20

Le immagini sono uno splendore, sia dal punto di vista grafico che di informazione che forniscono.

Sulla Shenzou figlia della Soyuz, una volta gli ingegneri di Tskb-progress a Samara mi dissero che vari ingegneri cinesi avevano frequentato l’università a Samara e da lì avevano fatto proprie molte delle tecniche utilizzate nella soyuz. Non so però quanto ci sia di esatto… non so se puoi commentare…