Problemi al paracadute di ExoMars

Aggiornamento da ESA e Roscosmos. Mi sembra però che né il comunicato linkato nel tweet, né il video, dicano qualcosa di nuovo.

Penso che il cuore del comunicato stia qui:

A thorough inspection of all the recovered hardware has since been completed, allowing the team to define dedicated design adaptations to both primary and secondary main parachutes. Some promising design changes will also be applied to the parachute bags to ease the lines and canopy exit from the bags, avoiding frictional damage.
ESA has also requested support from NASA to benefit from their hands-on parachute experience. This cooperation gives access to special test equipment at NASA’s Jet Propulsion Laboratory that will enable ESA to conduct multiple dynamic extraction tests on the ground in order to validate any foreseen design adaptations prior to the upcoming high altitude drop tests.
The next opportunities for high altitude drop tests are at a range in Oregon, US, January–March. ESA is working to complete the tests of both the 15 m and 35 m parachute prior to the ExoMars project’s ‘qualification acceptance review’, which is planned for the end of April in order to meet the mission launch window (26 July–11 Aug 2020).

che sarebbe, per i non anglofoni:

Nel frattempo è stata completata un’accurata ispezione dell’hardware recuperato, che ha consentito al team di definire specifici cambiamenti al progetto dei paracadute primario e secondario. Aluni aggiornamenti promettenti sono stati applicati anche alle borse dei paracadute, per facilitare l’uscita delle funi e della cupola, evitando danni da frizione.
ESA ha anche richiesto il supporto della NASA, al fine di beneficiare della loro esperienza pratica con i paracadute. Questa collaborazione include l’accesso agli apparati speciali di test presso il JPL, che consentiranno ad ESA di condurre una serie di estrazioni dinamiche pur restando a terra, al fine di validare tutte le modifiche previste prima dei test in alta quota.
La prossima opportunità per un test in quota sarà tra gennaio e marzo [2020] presso un poligono in Oregon. ESA sta lavorando al completamento dei test dei paracadute da 15 e 35 metri di diametro prima della “Qualification Acceptance Review” pianificata per aprile, per non mancare la finestra di lancio tra 26 luglio e 11 agosto 2020.

4 Mi Piace

e non mi pare poco, la collaborazione con NASA e i test in Oregon mi sembrano novità

la collaborazione con NASA e i test in Oregon mi sembrano novità

Non proprio, si sapeva da un mesetto. :wink:

1 Mi Piace

Mi pare che la schedule sia abbastanza fitta di eventi, dato che la finestra di lancio e’ dietro l’angolo e ci sono ancora buone probabilita’ di trovare altri difetti … fingers crossed e speriamo che i test congiunti ESA-NASA possano ridurre al minimo ogni ritardo dovuto ad eventuali nuovi problemi.

4 paracadute in serie da far funzionare, bell’azzardo.
Ma il sistema degli airbag è brevettato? L’ESA non può usarlo?

Il carico è troppo grande. Gli airbag andavano bene con spirit e opportunity, sui 300 chili mi pare, ma qui bisogna fare atterrare una tonnellata.

A parte le considerazioni sulla massa del payload, corrette, cosi’ avanti nel progetto e’ del tutto impossibile sostituire un componente cosi’ essenziale del sistema di landing, o forse dovremmo dire che e’ impossibile sostituire il sistema di landing.

Per impossibile intendo che bisognerebbe buttar via tutto quanto fatto fin qui, e riprogettare tutta la missione (inclusi i paracadute, che non scomparirebbero), ricertificare la piattaforma di landing fornita dai russi, ricertificare il rover (sempre che sia sufficientemente robusto) per assicurarsi che regga i rimbalzi.

In poche parole, una missione quasi del tutto nuova, che richiederebbe oltretutto lo stanziamento di ingenti fondi per svariati anni.

4 Mi Piace

non dicevo di cambiare il sistema di atterraggio in corsa, chiedevo perchè hanno adottato questo. Credevo che Exomars fosse grande quanto Spirit, non quanto Curiosity.

1 Mi Piace

Qualche numero:

  • Spirit: 185 kg
  • Opportunity: 185 kg
  • Rosalind Franklin (ExoMars rover) : 310 kg
  • Curiosity: 899 kg
  • Mars 2020 rover: 1050 kg

Tendendo conto che la landing platform di Exomars (che si chiama Kazačok) oltre al rover trasporta tantissimi strumenti scientifici.

Fonte: Wikipedia

Ho avuto la fortuna di vederli tutti dal vivo: sia I qualification model di Spirit e Curiosity al JPL che vengono usati per testare le manovre nel mars jard prima di mandare i comandi operativi verso Marte, sia il qualification model di Rosalind Franklin qui a Torino prima dei test di accettazione.
Curiosity è impressionante ed è più grosso della mia attuale auto, ma anche Exomars non è certo piccolino…

Settembre 2012 : MER, MPR, MSL @ Mars Yard, JPL

2 Mi Piace

La notizia sembra recente, ma ho trovato solo testate di informazione secondaria:


sembra ci sia una conferma di Baglioni di questo mese che il test del paracadute al JPL sia andato bene e che si ripeterà quello in quota a febbraio 2020. Non riesco a trovare fonti primarie che confermino la dichiarazione.

1 Mi Piace

La conferma ufficiale in questo articolo.

5 Mi Piace

Il video di ESA

Non stanno arrivando news in merito qui, vero?

Notizia delle 17:00 di oggi:
“(il paracadute) Quest’ultimo verrà utilizzato durante la fase di atterraggio e dovrebbe ancora essere testato nelle prossime settimane, in una simulazione in alta quota negli Stati Uniti.”

4 Mi Piace

Test spostato a marzo.

3 Mi Piace
2 Mi Piace

Versione YT del video.

https://www.youtube.com/embed/NOXbrfxLHEM

1 Mi Piace

Nuovo articolo di Luca Frigerio pubblicato su AstronautiNEWS.it

1 Mi Piace