Ricco sito sulla navetta Buran

Consiglio a tutti la visione di questo sito,e delle immagini (finalmente!) ad ottima risoluzione che contiene.

http://www.buran-energia.com/

Sfogliando le varie pagine troverete anche interessatissime immagini di tutti gli orbiter realizzati, e dei flight test model.
Archipeppeeeeeee… :wink:

Mi ha colpito molto anche un’immagine di Google Maps dell’area 112, il sito nel quale era custodito il Buran che volò in orbita e il cui tetto è collassato nel maggio del 2002.
Impressionante!
http://maps.google.com/?q=Russia&ie=UTF8&om=0&z=17&ll=45.927722,63.298084&spn=0.005343,0.010064&t=k&hl=en

Sfogliando le varie pagine troverete anche interessatissime immagini di tutti gli orbiter realizzati, e dei flight test model. Archipeppeeeeeee...... ;)

Eccomi!!! :smiley:

Conoscevo già da tempo questo ottimo sito, anche se adesso lo ritrovo in una nuova (e più snella) veste grafica.
Le informazioni sono ottime, e per di più in inglese, mentre i disegni provengono da varie fonti, gli ottimi disegni 3D sono frutto dei grafici che operano nel sito www.buran.ru, il vero punto di partenza per chi desidera approfondire la storia e la tecnologia di questo affascinante (e sfortunato) veicolo spaziale.

Dal punto di vista iconografico le immagini più belle, e sopratutto inedite, sono quelle relative alla stazione spaziale da battaglia (si, avete letto proprio bene) “Poljus” che rappresentava il payload del primo lancio del razzo Energhia.

Vedendole, per la prima volta mi sono reso conto che il colore nero della Poljus non era dovuto a qualche vernice a bassa visibilità quanto alla solita “thermal blanket” (il famoso “tessuto” protettivo di quasi tutti i veicoli spaziali abitati russi) che aveva lo scopo di proteggere la stazione durante il lancio, essendo questa troppo grande per essere racchiusa in una carenatura.

Veramente un ottimo sito ! grazie della segnalazione!

:o veramente un ottimo sito!
bellissime le foto!
grazie per la segnalazione…

Dal punto di vista iconografico le immagini più belle, e sopratutto inedite, sono quelle relative alla stazione spaziale da battaglia (si, avete letto proprio bene) "Poljus" che rappresentava il payload del primo lancio del razzo Energhia.

a proposito di quella stazione, quando ho letto questo:

Experiment GF-1/1 was devoted to the generation of gravitational artificial waves in the upper layers of the atmosphere. The goal of experiment GF-1/2 was the creation of an artificial "dynamo-effect" in the ionosphere. Lastly, experiment GF-1/3 was to generate ionized signals with long waves.

son rimasto di sasso!!!
generare onde di gravità artificiale? :scream:
qualcuno ha qualche conferma a ciò?

ed io che credevo fosse fantascienza… :kissing_heart:

Beh, i centri di indagine fisica riguardo le onde artificiali sono stati appena costruiti (il più grande mi pare in USA, ma mi spaice non riesco a ricordare dove!) e l’indagine è appena avviata sotto l’aspetto di esperimenti…

Mi lascia un po’ basita l’espressione usata di “generatore di onde gravitazionali”… per generarle devo prima conoscerle!!! :stuck_out_tongue:

Concordo con Archipeppe! Ritrovo con piacere questo sito, molto migliorato in tutti i sensi. E’ veramante un piacere spulciarlo di nuovo!

Consiglio a tutti la visione di questo sito,e delle immagini (finalmente!) ad ottima risoluzione che contiene.

http://www.buran-energia.com/

Sfogliando le varie pagine troverete anche interessatissime immagini di tutti gli orbiter realizzati, e dei flight test model.
Archipeppeeeeeee… :wink:

Mi ha colpito molto anche un’immagine di Google Maps dell’area 112, il sito nel quale era custodito il Buran che volò in orbita e il cui tetto è collassato nel maggio del 2002.
Impressionante!
http://maps.google.com/?q=Russia&ie=UTF8&om=0&z=17&ll=45.927722,63.298084&spn=0.005343,0.010064&t=k&hl=en

Onore al merito, ce lo aveva già segnalato topopesto qui:

www.forumastronautico.it/viewtopic.php?t=2786

Stavo appunto per “uppare” la discussione, visto il notevole arricchimento del sito, ma ci avete già pensato voi.
Ehm… stanno anche cercando di organizzare un tour a Baikonur con annesso lancio di una Soyuz… ci uniamo ???

Fantastico sito! è davvero migliorato. Circa il Buran è davvero un peccato che non abbiano fatto in tempo a compiere un paio di missioni “manned” prima di chiudere bottega.Mi chiedo se i costi per missione (inclusa la manutenzione) sarebbero stati uguali o maggiori rispetto allo Shuttle.

http://newton.corriere.it/PrimoPiano/News/2003/11_Novembre/24/navetta.shtml

Igor Volk, candidato a comandare il primo (ipotetico) equipaggio del Buran…Quanto al fallimento del progetto, Volk appunta la sua diagnosi in particolare sulla scelta dell’automatizzazione: ‘‘Lo ripetei cento volte, perfino all’allora capo del Cremlino, Mikhail Gorbaciov, che l’automatizzazione costava troppo rispetto al volo umano pilotato’’, che invece rese vincente il progetto d’oltreoceano.

Una sola parola per il Buran… PECCATO!!!