Riutilizzo sulla ISS dei water tanks degli Shuttle

Questo si che è riciclaggio! :nerd: : http://www.nasa.gov/feature/proposed-station-water-system-looks-to-retired-shuttles

Nice! ma il Lab è attualmente pieno, credo (Buzz?), tra system e payload rack. Cosa sacrificheranno?

HTV e Dragon possono trasportare interi ISPR?

Possono sempre sacrificare qualche rack di stowage, oppure togliere qualcosa da un express rack e fare spazio.
Ma poi è tutto nel Lab? C’é anche la parte di regen nel nodo 3…

HTV sì, hanno portato su almeno un rack con HTV-5. E tra un paio d’anniun HTV porterà su l’Advanced Closed Loop System, il rack di ECLSS rigenerativo prodotto da Airbus a Friedrichshafen.
Dragon mi sembra un po’ troppo piccola, ma non so di sicuro…

A parer mio, vista la situazione attuale della ISS al suo interno, la miglior ubicazione per questi contenitori potrebbe essere il nuovo modulo BEAM che presto verrà integrato alla ISS.

Beam avrà la possibilità di installare rack? e avrà delle connessioni per scambiare acqua con Node 3 e Lab? Probabilmente no.

E se questi ultimi venissero stoccati al suo interno per un possibile utilizzo? Chi può dire che verranno collegati fin da subito alla linea dell’acqua?

E’ giusta l’osservazione da te fatta, però da nessuna parte ho letto che verranno utilizzati fin da subito e collegati.

Elucubrando in merito a questo topic e al modulo BEAM, che prossimamente verrà agganciato alla ISS, mi viene spontaneo pensare a come sia il suo interno dato che, in un prossimo futuro, moduli simili verranno utilizzati come laboratori ed abitazione per gli astronauti; di conseguentemente dovranno essere allestiti con pareti divisorie e armadi per contenere sia esperimenti, sia contenitori per oggetti vari.

Conseguentemente a quanto scritto sopra mi viene naturale chiedermi se le pareti che costituiscono il corpo portante del BEAM saranno lisce o avranno delle predisposizioni, tipo fascette elastiche o asole di stoffa, per testare possibili tipi di aggancio per future pareti o altro (dopotutto se deve essere testato…).

E’ ben risaputo che questo modulo verrà agganciato alla ISS a scopo di sperimentazione e che, forse in modo sporadico, gli astronauti vi potranno accedere per dei controlli pur se, a parer mio, dopo i primi mesi di verifiche verrà dato il benestare per un suo utilizzo continuo.

Ritornando ora al soggetto originale di questo topic mi viene spontaneo pensare che, quando i serbatoi di acqua, appena rimossi dallo shuttle Endeavour ed Atlantis, verranno portati sulla Stazione Spaziale potrebbero essere posti all’interno del BEAM e fissati alle sue pareti in qualche modo, in attesa di essere successivamente spostati in altro luogo per il loro utilizzo continuo.

Prevedendo le possibili interizioni di altri amici del forum, premetto che quanto citato sopra è una mia semplice elucubrazione e che non ho letto niente in merito, quindi non esistono fonti “particolari” da cui ho attinto tali informazioni.

Topo hai visto i progetti per i moduli bigelow? Sono a forma di toroide, e la colonna rappresentante il “torsolo” é di natura rigida e contiene tutte le apparecchiature. Ma questo modulo qui che lanciano é sperimentale-basic, é solo una bolla d’aria e basta.

Scusa, permettimi di dissentire da quanto tu hai affermato!

Giusto quanto tu hai fatto notare però, allo stesso tempo proprio nell’immagine che tu hai postato, si vedono ben, bene, delle barre che vanno verso la parete esterna e alle cui estremità vi sono fissati degli armadi di colore marrone. Da quel che sembra, e mi potrei sbagliare, queste sbarre o aste servono come supporti/distanziatori per gli armadi/contenitori in questione.
Io qui chiedo:" Per il BEAM, giusto solo come sperimentazione, non potrebbero essere testati supporti simili che si andrebbero a collegare alla parte interna rigida dove vi è attaccato l’anello di docking?".

Passando oltre e guardando nella parte inferiore del disegno, sempre al centro, non vi sono dei contenitori attaccati alle pareti? (di colore verde, grigio e giallo). Questi ultimi non potrebbero essere fissati alle pareti con asole di stoffa o con altro, magari anche velcro?

Comunque sia, come già citato precedentemente, le mie sono solo idee e potrebbero pur essere infondate. Aspettiamo di vedere in orbita il BEAM e il suo interno, poi si potrà vedere se le mie supposizioni sono sbagliate oppure giuste. Il bello, fin d’ora, sarebbe il poter avere qualche foto che mostri il suo interno.