Sarà la United Launch Services a lanciare la sonda Lucy

astronautinews

#1

Nuovo articolo di Luca Frigerio pubblicato su AstronautiNEWS.it


#2

Sarebbe interessante capire se ha partecipato anche SpaceX al bando e, se si, con quale veicolo.


#3

SpaceX non ha partecipato e si è pure arrabbiata.


#4

A me sembra di capire che invece ha partecipato, probabilmente con Falcon 9 non recuperabile.


#5

L’articolo non dice espressamente che ha partecipato anche se effettivamente non lo esclude.


#6

non c’è da soprendersi. L’Atlas 5 è una garanzia praticamente assoluta (specie se compariamo con i problemi di hold che hanno avuto i block 5 recentemente).
Un altro importante fattore è l’injection accuracy. Tra F9 Upper stage e Centaur non c’è storia. Il Centaur è molto più preciso. Quando si tratta di queste missioni il costo è una cosa quasi secondaria.


#7

In realtà il virgolettato del portavoce SpaceX conferma che hanno partecipato.

Bah il resto mi sembra tutto molto discutibile: sulla precisione dell’upper stage bisognerebbe avere dati precisi e ufficiali, sulla disponibilità dell’hardware penso non ci siano problemi da entrambe le parti.


#8

dai rispettivi user payload (P.S. Il dato space X proviene dal precedente User Payload. In quello nuovo è stato rimosso)

Vehicle Perigee Apogee Inclination RAAN Argument of Perigee
Falcon 9 +/- 10 km +/- 500 km +/- 0.1 degree +/- 0.1 degree +/- 0.3 degrees
Atlas V +/- 4.6 km +/- 168 km +/- 0.025 degrees +/- 0.22 degrees +/- 0.2 degrees

Il Centaur di solito sbaglia di 2 m/s. Il F9 upper stage sbaglia di 8 m/s. 8 m/s su un orbita estremamente eccentrica come quella di Lucy ti manda molto pià lontano rispetto al previsto.
Questi Apoegei sono riferiti a un lancio in GTO.
F9


Atlas V


#9

Certo, ma quel “Improved orbit insertion accuracy can be provided as a nonstandard service” vorrà dire qualcosa…
Tanto più che nel nuovo manuale non c’è più indicazione.

Il motore RL10C-1 del Centaur SEC ha una spinta di ~100kN fissi, mentre il Merlin 1DVac che ha una spinta massima quasi di un ordine di grandezza superiore, può scendere fino a ~590kN, quindi può essere che sia meno preciso!
Ma immagino che in oltre 60 voli effettuati SpaceX abbia migliorato il proprio software GNC.


#10

Anche il Centaur può migliorare… tante volte l errore è stato di solo 0.8 m/s. Il problema non è di software quanto di disparità di spinta in relazione alla massa dell upper stage che comporta maggiore imprecisione. È una questione di hardware.


#11

Tutti quei numeri sono ±3σ quindi vuole semplicemente dire che il 99,7% circa delle volte l’errore rientrerà in quei margini. E’ praticamente assicurato che i parametri orbitali che si otterranno saranno migliori in quanto un errore a ±3σ è veramente improbabile.

Senz’altro i servizi non standard consistono anche nell’utilizzi dei sistemi RCS per aggiustare di quanto bastai parametri orbitali una volta spento il motore principale. A quel punto quei pochi m/s di differenza li aggiusti abbastanza facilmente con un software adeguato ed un sistema di guida molto preciso.


#12

Hai una fonte da citare per questi snippet? :wink:
Non nel senso che ne dubito, ma nel senso che serve citarla :angel:


#13

Atlas V user payload guide


Falcon 9 user payload guide


#14

Scavando ulteriormente ho trovato altri fattori a favore del Atlas 401. A quanto pare Lucy verrà mandata in un orbita a 29.9 km2/s2. Lucy pesa 1435 kg. L’Atlas 401 su quell’orbita con il short fairing ci manda 1700 kg. Ma il F9 block 5 potrebbe essere al limite massimo con un payload di quella massa verso quell’orbita.
La cosa viene anche confermata dal fatto che il team di Lucy aveva indentificato come candidati Atlas V e Falcon Heavy.


E a gennaio 2018 quando il FH non aveva ancora volato.
Inizio a pensare che quindi che: o Space X ha proposto il FH, e quindi no go per i pochi voli e l’incapacità di mantenere le launch schedules per ora, oppure ha proposto un F9 B5 che spremesse fino all ultimo grammo di RP-1… Ma la cosa è stata giudicata troppo al limite.
Certamente ne sapremo di più molto soon.


#15

Si, da quanto emerge dall’articolo SpaceX ha partecipato con un Falcon 9 a perdere per massimizzare le prestazioni.

C’è da dire, e anche in questo caso Jeff Foust lo sottolinea, che in questi anni il manifesto lanci di SpaceX è stato sempre molto in divenire, con missioni che si aggiungono e altre che slittano. ULA invece è tendenzialmente più precisa e “attenta” al calendario. Questo può essere stato sicuramente un fattore nella scelta.

Insomma, come ormai si ripete da tempo non è detto che il prezzo sia sempre la componente determinate per un lancio spaziale.


#16

E’ apparso questo articolo su Space.com. A quanto mi sembra di capire, un fattore determinante è stata la breve durata della finestra di lancio. Solo 20 giorni non rinviabili per poter assicurare l’effettuazione di tutti i complessi flyby previsti dalla sonda. I continui rinvii, ritardi e modifiche nella schedule dei lanci SpaceX non hanno certamente aiutato.