Sarah Brightman prossima turista spaziale

expedition-45-46

#1

#2

Ecco.
Adesso ditemi che la conoscevate tutti. Forza. Sto aspettando.


#3

Ne abbiamo parlato qui, è notissima…


#4

Non ho idea di chi sia… :angel:


#5

Io non mi intendo di musica e neanche la conoscevo. Potrebbe cogliere l’occasione per tenere un concerto direttamente dalla ISS. Come prossima turista spaziale, rispetto ai precedenti che hanno già volato sulla stazione, il suo volo potrebbe dare nuova vita all’astronautica e ai vari programmi spaziali. Infatti, non bisogna dimenticare, che i suoi fan la seguono durante i concerti, ma la seguiranno anche durante questa sua impresa; questo vuol dire maggiore pubblicità e maggior persone che si interesseranno alla missione. Chi può dire che tutto questo avrà, successivamente, un ritorno di interesse verso l’astronautica anche da parte di un “normale” pubblico?


#6

Neppure io conoscevo questa artista … e questo mi fa pensare. Si. Che tutto sommato il famoso “turismo spaziale” potrebbe effettivamente avere degli sviluppi che vanno oltre le singole escursioni di qualche eccentrico uomo d’affari (senza dimenticare la Ansari, che però infilerei in questa categoria).
Chi mai avrebbe pensato che una Signora non più giovane e dai modi eleganti, abituata alle comodità, ai camerini e alla sala di incisione avesse voglia di gettarsi in una simile impresa?
Qualcuno l’avrà pur informata dei corsi di preparazione, del “certificato di sana e robusta costituzione”, del mal di Spazio, del cibo da idratare, del rumore di fondo della Stazione Internazionale (24hours), della bellissima toilette ad aspirazione, della mancanza della doccia, della limitata privacy e dulcis in fundo: di quella sorta di crash test in cui senti i visceri andare nei posti più impensabili quando la Soyuz, tocca Terra.

Pertanto, se la voglia di bearsi gli occhi della magnificente visione del nostro pianeta non spaventa questa (a me) sconosciuta artista, abituata a gestire serate di canto lirico in cattedrali viennesi, be … per Bigelow e i suoi moduli, c’é ancora speranza. :stuck_out_tongue_winking_eye:


#7

Riporto anche qui Angel, il primo singolo del nuovo album della Brightman.
Il video, non a caso, ha immagini a tema spaziale.

http://www.youtube.com/watch?v=NtkUM1wVVi8#ws


#8

non vale: io vorrei sapere quanti (di noi) la conoscevano prima di questa iniziativa. :rage:


#9

Pur non essendo un suo fan, posso dire di conoscere diverse sue produzioni…


#10

Luca, lo so che tu e tuo fratello vi state spacciando per dei fan sfegatati, ma NO, la sua Sokol non ve la regalerá mai.


#11

Mi basterebbe anche un guanto… :wink:


#12

E` proprio questa la domanda a cui rispondiamo nell’episodio del podcast :slight_smile:


#13

Io mi aggiungo alla lista di quelli che non l’avevano mai sentita prima, e ascoltando il singolo capisco anche il perchè :zzz:


#14

Avete presente la voce femminile che duettava con Bocelli in Time To Say Goodbye?
Era lei.


#15

Ah, ecco. La canzone la ricordo.
Vorrei pero’ precisare che il senso del mio intervento non voleva essere di snobismo musicale, bensi’ intendeva rimarcare come, a dispetto della tanto vituperata omologazione culturale, possa esservi una cantante che vende 30 milioni di dischi e qualcuno di noi possa non averla mai sentita manco nominare.
Mi sembra una cosa bella, tutto sommato.


#16

C’era un musicista che portava in piazza milioni di persone, che aveva assegnato all’amico astronauta Ron McNair di registrare il primo brano musicale nello spazio a bordo della navetta Challenger nella missione STS 51L con il suo sax.
La signora ha il fisico per superare l’addestramento?


#17

mai sentita nominare prima di leggerne qui sul forum.
posso dire la mia? rimpiango già il flauto traverso di Catherine Coleman.


#18

Beh dai… non conosco la sua cartella clinica, ma se la signora è sana non vedo perchè non dovrebbe…


#19

Ho letto la biografia di Anousheh Ansari e non mi è mai sembrata Wonder Woman. Sicuramente l’addestramento dal punto di vista fisico è stato duro per lei, ma nulla di impossibile per una ragazza tenace, intelligente e che ha sempre sognato di volare nello spazio. Penso che Sarah (ed il suo team di produttori e promoter) prima di staccare l’assegno si sia informata per bene sulle varie sfaccettature relative all’addestramento.


#20

sì…ma nello spazio sopravviverà alla mancanza di smalto x unghie? :wink:
ok ok, la mia è tutta invidia