Si coltiverà il peperoncino sulla ISS

Per chi segue la vita degli astronauti e dei cosmonauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, sa bene che il cibo gioca un ruolo centrale nel benessere psicofisico dell’equipaggio. Prima di ogni missione gli astronauti assaggiano e scelgono in base ai loro gusti le pietanze che poi mangeranno in orbita. È risaputo che nello spazio, a causa di una serie di fattori tra cui la redistribuzione dei fluidi corporei ed il preconfezionamento del cibo, cambia la percezione del gusto; per questo motivo che si chiede ai residenti in orbita di compilare un questionario con le loro impressioni.

Dai risultati è emerso che gli astronauti desiderano delle pietanze più speziate così la NASA ha pensato al peperoncino Española (Capsicum annuum) perché sulla Terra cresce facilmente ad alta quota, ha un ciclo di produzione breve, è facile da impollinare e soprattutto è ricco di Vitamina C come i peperoni. Tra qualche mese arriveranno sulla Stazione le prime piantine ed il peperoncino sarà il primo frutto ad essere coltivato lì. Negli ultimi anni gli astronauti hanno coltivato, raccolto e mangiato diversi tipi di lattughe tra cui il cavolo cinese e la mostarda giapponese (mizuna).

La produzione di cibo fresco è un aspetto fondamentale per il successo e fattibilità di missioni umane di lunga durata nello spazio perché si riesce a compensare la naturale perdita di nutrienti nei cibi preconfezionati e soprattutto non si deve dipendere dall’approvvigionamento fornito veicoli di rifornimento che nel caso di una missione su Marte impiegherebbero molto tempo prima di arrivare a destinazione.

8 Mi Piace

“Allora, vi mandiamo i semi e vi arrangiate” :smile:

9 Mi Piace

Chiunque ha un piccolo balcone sa che in poco spazio le coltivazioni alimentari che danno il miglior rapporto spazio/benefici sono le aromatiche.

Mi sembrerebbe ovvio anche provare con basilico e prezzemolo, il cui gusto a fresco e’ insostituibile al contrario dei peperoncini che sono buoni anche a secco, conservati e magari portati da terra.

Ma questi sono discorsi da forum gastronautico :smiley:

3 Mi Piace

il basilico ha dalla sua un fabbisogno di acqua notevolissimo per essere rigoglioso purtroppo. Oppure ho un basilico strano

Si, ma l’acqua viene riciclata, il basilico traspira e il supporto vitale della stazione la recupera, non si consuma niente salvo forse un po’ di energia aggiuntiva per deumidificare e ricondensare l’acqua utilizzata.

Se dovessi dire, da italiano abituato a cibo decente, cosa piu’ di tutto mi puo dare la sensazione di cibo fresco a parita’ di massa, sono il basilico e il prezzemolo. Altre aromatiche danno profumo ma meno la sensazioni di fresco.

2 Mi Piace