Soyuz 2.1a / Fregat M - Kanopus-V-IK 1 + altri 72

Grazie a Spaceflight101, che ha fatto la ricerca per noi, siamo in grado di documentare quasi tutti i payload secondari.

Il più grosso (120 kg) è Flying Laptop, sviluppato dall’Università di Stoccarda:

Questo, invece (40kg) è WNISAT-1R (Weather News Inc. Satellite 1R), prodotto dalla giapponese Axelspace per Weather News Inc.

Con Technosat, dimostratore dell’Università di Berlino, si scende a 18kg.

Da una collaborazione tra Norwegian Space Center e UTIAS (University of Toronto, Institute for Aerospace Studies) sono nati NORSAT-1 (30kg):

e NORSAT-2 (15kg):

Con questi si esauriscono i microsatelliti. Passando ai cubesat 6U (ossia in formato 30x20x10 cm) troviamo i CICERO (Community Initiative for Cellular Earth Remote Observation), che sono i primi tre componenti di una costellazione di 24 nanosatelliti della statunitense GeoOptics:

I due Corvus-BC, parte di una costellazione di 10 di Astro Digital.

E i due MKA-N di Roscosmos, costruiti Dauria Aerospace.

Ci sono poi i cubesat 3U (30x10x10 cm). Questo è il dimostratore NanoACE della Statunitense Tyvak Nano Satellite Systems:

Il Mayak di cui abbiamo parlato anche troppo:

Sono molto noti anche i 48 cubesat Dove della costellazione Flock-2k. Sono parte della flotta del più grande operatore di nanosatelliti del mondo, ossia la statunitense Planet:

Un’altra potente costellazione (100?) sarà quella dei Lemur-2 della statunitense Spire Global. In questo volo ne partiranno 8:

Non abbiamo al momento immagini degli altri due cubesat russi: il 3U Iskra-MAI-85 e l’unico 1U Ekvador UTE-YuZGU. Ricchi premi (virtuali), per chi ne trova qualche immagine.

A questo punto non ci resta che ricordare il link per la diretta:

http://online.roscosmos.ru/ (ovvero: https://www.roscosmos.ru/317/ )

Questi video richiedono Flash, perciò vengono forniti anche due link alternativi per iPhone/iPad:

http://tsenki-htlive.cdn.ngenix.net/live/definst/tsenkitv.sdp/playlist.m3u8

http://tsenki.cdnvideo.ru/tsenki/definst/tsenkitv2.sdp/playlist.m3u8

L’orario di inizio trasmissione è previsto per le 6.30 (! :open_mouth:). Con buona probabilità (ma contiamo sempre in qualche progresso) sarà una diretta “alla russa”, senza commentatore e senza conto alla rovescia. E’ quindi opportuno tenere d’occhio l’orologio e ricordare che il liftoff è previsto per le 8.36.49 ora italiana.


https://discourse-data.ams3.digitaloceanspaces.com/original/3X/2/f/2fd11a249a07009ad3085bd2b2440f8f51cd4dba.jpeg

[sup]Rappresentazione artistica del terzo stadio con 73 satelliti in procinto di raggiungere l’orbita. Credit: GlavKosmos (meglio apprezzabile nella versione HD linkata)[/sup]

Ad integrazione delle info di cui sopra, si viene a sapere che ISILaunch, in questa missione, gestisce 50 cubesat, ovvero i 48 Dove/Flock-2 di Planet più i due Corvus-BC di Astro Digital. In tutto a bordo ci saranno 13 QuadPack deployers di ISIS. Dodici (probabilmente quelli contenenti i 48 Dove) si vedono in questa foto (ormai sono rassegnato alla dominante verde :point_up:):

Logo della missione ISILaunch 11 / Flock-2

http://blog.isilaunch.com/isilaunch11-patch-payloads/

Corretta :wink:


Grazie! :beer: Bisognerebbe farti assumere dall’ISIS…

Meno di un’ora al lancio.

Live su YouTube.

41 minuti al lancio.

37 minuti.

9 minuti. Ma c’è una risoluzione da commodore 64 però.

il countdown continua, siamo a 3 minuti, con brevi blackout video

Due immagini del liftoff dalla diretta, in attesa delle foto vere:

Roscosmos [url=https://www.roscosmos.ru/23765/ha confermato[/url] il rilascio con successo di Kanopus-V-IK. A quest’ora dovrebbe essere stato completato anche il collocamento dei primi 24 micro e nonosatelliti. Per i 48 Dove/Flock-2k occorrerà aspettare le 16.40.

Roscosmos ha confermato la separazione anche dei 24 micro/nano.

Video del lancio:

E animazioni. Questa mostra le prime fasi del volo del Soyuz

E questa il rilascio di Kanopus

Belli questi nuovi rendering, ma si potrebbe commentare - parafrasando un illustre personaggio di questo ambiente -: Roscosmos non siate tirchi, Mette un paio di telecamere a bordo! :smiley:

Roscosmos ha pubblicato un paio di bei video (almeno come immagini, dato che sono in russo), su questa missione.

Il primo è dedicato a Kanopus:

Il secondo al resto della missione (microsatelliti e cubesat):

Foto satellitare del razzo sulla rampa.

Roscosmos conferma la collocazione in orbita di tutti i 73 satelliti. Compiuta la sua missione, il buon Fregat è rientrato nell’atmosfera sull’Oceano Indiano alle 17.18 ora italiana. RIP :smiley:

Roscosmos ha pubblicato un’ampia galleria di immagini del liftoff qui: https://www.roscosmos.ru/23764/

Eccone qualche campione.

Spegnimento e separazione dei booster. Li vedete?

Planet Labs ha trovato un modo curioso per segnalare l’entrata in orbita dei suoi 48 Flock-2k/Dove. Ciascun cubesat ha twittato la sua presenza in questo modo:

Potete controllare se ci sono tutti qui: https://twitter.com/dovesinspace/status/

Indovinate chi ha scritto l’articolo di ANEWS (e che articolo!) su questa missione: