Soyuz TMA-08M / Expedition 35 Mission Log

Docking tra 5 ore e 30 minuti. Queste dovrebbero essere le schermate del computer di bordo della Soyuz.


Dal Centro Controllo Missione.


Che cosa sono le sequenze numeriche che si sentono? Finora hanno detto “01-05-35… 00”.

Probabilmente pagine o passi delle checklist.

Questo lo schedule degli eventi. Se ho tempo traduco gli orari in ora italiana. :slight_smile:

Ok. :slight_smile:


Io volevo postare qualche screenshot ma mi sa che Nasa TV mostrava le stesse identiche cose :slight_smile:
Io avevo solo il “multiangle” (rampa + abitacolo :slight_smile: )

Non avevo mai visto il video dall’interno dell’abitacolo al cutoff del terzo stadio. Bump!

Hanno appena completato il test del sistema KURS per il docking. Ricordate che è tra sole 4 orbite!

Phoenix: credo che solo a MCC-M sappiano cosa sono quei numeri :slight_smile:
Apprezzo il fatto che mettano un povero interprete, ma quello che dice è abbastanza misterioso.

Prossimi eventi - ora italiana.
29/03/2013

  • 00:00: Video File post-lancio
  • 02:30: inizio copertura docking di NASA TV
  • 03:32: docking
  • 04:30: copertura apertura portelli di NASA TV
  • 05:10: apertura hatch
  • 05:45: replay della conferenza stampa post-docking
  • 07:00: Video File del docking e apertura portelli

La stazione è ben visibile nel downlink del sistema di approccio KURS. Hey, 4 orbite, no kidding.

Final approach.

Le immagini del docking sono molto migliorate da quando non viaggiano più tramite le groundstation VHF Russe.
Diciamo che con le Dashboard Cam i Russi ci sanno fare.

Docking completato con successo.

Qualche problema di equalizzazione di pressione, valvole capricciose e valori diversi da un lato all’altro dell’hatch. L’hatch opening ritarda un pochino.

Portello aperto :slight_smile:

Io sono rimasto impressionato dalla velocità finale durante il docking… è solo una mia impressione o questa volta l’avvicinamento è stato più veloce??

http://www.youtube.com/watch?v=0rO7EF5IOEY#ws

http://www.youtube.com/watch?v=9sGP2XS5r6k#ws

http://www.youtube.com/watch?v=kAPNk4DQ09o#ws

Qual’è la differenza massima di pressione considerata accettabile per aprire i portelli?

Segnalo questo articolo scritto da Paolo Attivissimo in cui spiega molto bene le procedure, i pro e i contro del docking rapido:
http://attivissimo.blogspot.it/2013/03/lattracco-spaziale-piu-veloce-della.html

Poi vi suggerisco di dare un’occhiata a questa spettacolare foto se non l’avete ancora vista: È una foto notturna di Phoenix (ARIZONA) ricchissima di dettagli:
http://www.flickr.com/photos/nasa2explore/8610677243/#in/photostream/lightbox/

Infine è stato divertente leggere su twitter il pesce di aprile di Chris Hadfield che ha avvistato un UFO:
https://twitter.com/Cmdr_Hadfield/status/318777250151559169

Credo sia molto molto piccola, ma non ho idea del numero.

Interessantissimo quanto scritto dal nostro Paolo.

Quello che mi lascia un poco perplesso e dubbioso è sulla notizia che gli astronauti possano rimanere svegli anche per venti ore di seguito; questa parte mi sembra alquanto esagerata poichè, in una fase così delicata, potrebbe risultare pericoloso avere un equipaggio non al pieno delle sue capacità causa stanchezza e sonnolenza, sarebbe la prima causa di un possibile incidente!

Da delle indagini svolte in merito ad incidenti aerei, si è appurato come la causa principale degli incidenti sia dovuta alla stanchezza dell’equipaggio e ,quindi, alla loro scarsa reazione ad eventuali imprevisti; si potrebbe rischiare qualcosa del genere in un volo spaziale?

2013 - week 14 riepilogo attività

Lunedì 01/04
Fluids Control and Pump Assembly (FCPA) Remove and Replace (R&R):
Venerdì 29/03, il sistema di trattamento per le urine (UPA) ha subito un’avaria ed é stato fermato. Il messaggio di errore é stato causato da una mancata corrispondenza tra la velocità di rotazione della pompa e quella del suo motore. A seguito dell’analisi da parte del ground team si é deciso per la sostituzione dell’intero FCPA (l’intero grupppo di pompaggio). Il lavoro é stato subito messo in programmazione e l’astronauta Tom Marshburn ha completato la sostituzione, ma quando l’unità UPA é stata posta in standby, si é verificato un successivo guasto ad una delle valvole. Una volta che il team degli specialisti é andato a riguardare lo storico degli eventi dell’unità di ricambio FCPA si sono accorti che il ricambio da più di un anno non era stato sottoposto al saltuario test di ciclo, che serve per mantenere movimentate le parti interne. Inoltre hanno scoperto che le valvole erano state un po’ troppo serrate rispetto alle precedenti, per timori di perdite. Si attenderà domani 02/04 per un controllo sulle varie funzioni.

Passaggio di consegne: il comandante Chris Hadfield ha informato Chris Cassidy in merito alle raccomandazioni e allo stato degli esperimenti in corso, oltre ad alcune configurazioni per i payload a bordo della Stazione.

Revisione dei ruoli e responsabilità: tutto l’equipaggio ha partecipato a questo aggiornamento a beneficio dei tre nuovi arrivati, in cui sono stati spiegati e ridistribuiti ruoli e responsabilità per le emergenze, l’accesso rapido ai veicoli, le comunicazioni e il coordinamento.

Martedì 02/04
Sistema di comunicazione ad alta frequenza (HRCS) in banda Ku, installazione / Checkout:
la banda Ku è una frequenza usata principalmente per le comunicazioni via satellite, e in particolare per le comunicazioni della ISS. In genere, alcuni dei componenti dell’intero sistema per la banda Ku vengono man mano sostituiti con nuovi e moderni componenti dalle prestazioni maggiori, e quindi per aumentare il volume e la velocità di elaborazione dei dati. Nel corso delle prossime due settimane l’equipaggio andrà pertanto a sostituire alcune parti dell’avionica proprio per questo motivo. L’attività di sostituzione é stata comunque spalmata in più giorni e abbraccia quasi due settimane.

Il compito di oggi prevede la rimozione del VBSP (Video Baseband Signal Processor) che però ha comportato qualche difficoltà dal momento che Chris e Tom non sono stati in grado di applicare tutte le particolari viti che richiedevano una elevata coppia di serraggio, sono viti che garantiscono un perfetto contatto del VBSP alla sua piastra di raffreddamento sulla paratia. Comunque il collegamento al sistema ethernet funziona e le temperature verranno costantemente monitorate per un verificare l’andamento della temperatura.

Questo primo upgrade garantisce:

  • incremento del downlink di banda da 150 Mbps a 300 Mbps
  • incremento del uplink da 3 Mbpsa 25 Mbps
  • aggiunti due canali di comunicazione
  • rimpiazzo del videotape recorders con un sistema a stato solido, per la definizione standard.
  • aggiunta la possibilità di intervenire sul sistema centrale della Stazione via Ku-band nel caso ci sia un’avaria al sistema S-band.

Chris Cassidy ha installato un GLACIER all’interno di un rack express che funzionerà da back-up, in caso di avaria di uno dei qualsiasi GLACIER attualmente in uso. Cassidy ha inoltre lavorato all’aggiornamento software BIOS di un laptop e con esso ha riconfigurato le applicazioni dell’incubatore MERLIN e dei sottositemi annessi.

Fluids Control and Pump Assembly (FCPA) Remove and Replace (R&R):
si sta procedendo con le verifiche controllando le correnti circolanti nelle bobine delle elettrovalvole, e che hanno dato esito soddisfacente, peccato che altri componenti diano letture contrastanti. Se da una parte il gruppo per lo spurgo sembra funzionare bene, dall’altra il gruppo di depressione sembra isolato, oppure, c’é un tubo flessibile piegato da qualche parte. Si continua nelle indagini.

Mercoledì 03/04
Sistema di comunicazione ad alta frequenza (HRCS) in banda Ku, installazione / Checkout:
oggi si é provveduto ad ulteriori connessioni e una volta terminate le attività, si sono aggiunte le seguenti possibilità:

· attivazione della banda dei Ku 300 Mbps e di quella uplink da 25 Mbps
· attivazione del’unità Ku Comm di telemetria.
· attivazione dei canali voce (S / G) 3 e S/G4
· attivazione trasferimento LAN sui vari nodi della Stazione.
· attivazione di 6 canali video in downlink.

NanoRacks computer di bordo Based Training (OCBT):
Tom Marshburn ha riguardato il materiale (e procedure) per l’accesso alle piattaforme NanoRacks con lo scopo di configurare i moduli Microscopio-1 e Microscopio-2. Tom ha poi installato ulteriori moduli all’interno della piattaforme NanoRacks per l’alimentazione e il traferimento dei dati dei vari esperimenti (che si ricorda sono sviluppati da studenti, si tratta di un programma educational). Una volta completati gli esperimenti i moduli verranno fatti rientrare con la prossima Soyuz.

Robonaut: Cassidy ha recuperato e installato l’hardware Teleops Robonaut per la fase di preparazione alle operazioni pianificate per la prossima settimana.

Fluids Control and Pump Assembly (FCPA) Remove and Replace (R&R):
a seguito del sospetto di un tubo flessibile piegato in modo anomalo, oggi si é provveduto a eseguire verifiche in tal senso aiutandosi con uno specchio e una torcia elettrica per ispezionare i punti meno accessibili, ma senza trovare nulla di anomalo. Nel frattempo il ground team ha ripreso a studiare foto e video di questa ispezione

Giovedì 04/04
Sistema di comunicazione ad alta frequenza (HRCS) in banda Ku, installazione / Checkout:
in realtà dopo i vari test era stata riscontrata un’anomalia nella trasmissione dati al centro POIC (Payload Operations Integration Center (Payload Operations Integration Center di Huntsville), in seguito si é scoperto che si trattava di un errore di scrittura di un MAC address e ora funziona tutto nominalmente.

L’attività di oggi prevedeva ulteriori test degli apparati installati tra cui il checkout del codificatore formato audio / video (che comprendeva anche una comunicazione di verifica con l’equipaggio russo nel modulo SM). Oltre a ciò é stato eseguito un test sui sistemi di telemetria con l’invio di comandi anche dal Columbus Control Center (COLCC), oltre che dallo Space Station Integrated Promotion Center (SSIPC), e dallo stesso POIC.

Burning and Suppression of Solids (BASS) Hardware Setup:
Chris Cassidy ha partecipato ad una conferenza con il principal investigator del payload BASS con lo scopo di discutere le operazioni in programma per domani 05/04. Chris ha quindi configurato alcuni dispositivi dell’unità MSG (Microgravity Science Glovebox) a supporto dell’esperimento BASS che comprendono anche una videocamera e una fotocamera.

Nel segmento russo, si sono avviate le attività di preparazione per la prossima attività extraveicolare EVA- 32 prevista per il 19/04.

Venerdì 05/04
Sistema di comunicazione ad alta frequenza (HRCS) in banda Ku, installazione / Checkout:
le attività odierne prevedevano la trasmissione video dalle varie telecamere intallate esternamente (moduli, piattaforma sperimentale, etc) comprese quelle sul braccio robotico SSRMS e quello giapponese JEMRMS,

Fluids Control and Pump Assembly (FCPA) Remove and Replace (R&R):
oggi si é provato a scollegare la linea di spurgo tra due specifiche unità, sostituendola con una condotta temporanea, ma senza ottenere i risultsati sperati pertanto é stato rimesso il tubo orginale. Un ulteriore test non ha fatto altro che restituire nuovamente l’avaria. Gli specialisti stanno quindi preparando una guida di ricerca guasti più elaborata.

Burning and Suppression of Solids (BASS) Hardware Setup:
ai preparativi di ieri é seguito l’esperimento odierno da parte di Cassidy. BASS, esamina le caratteristiche di combustione ed estinzione di una vasta gamma di campionatura (di combustibile) in condizioni di microgravità. L’esperimento BASS serve per indagare le strategie per l’estinzione di incendi accidentali in condizioni di microgravità. I risultati di BASS contribuiranno alla realizzazione di modelli computazionali che verranno utilizzati nella progettazione di Sistemi di rivelazione e di soppressione sia microgravità che per un loro utilizzo anche sulla Terra.