Soyuz TMA-18 / Expedition 23 Mission Log

ISS Daily Report Domenica 21 Marzo 2010

Nella data di oggi, esattamente 45 anni fa (21 Marzo 1965) NASA lanciava Ranger 9, l’ultimo della sua serie. La sonda avrebbe colpito la Luna il successivo 24 Marzo, nello specifico il cratere Alphonsus. La sonda ebbe il tempo di scattare 5814 fotografie nella fase finale, negli ultimi 19 min prima dell’impatto.

Durante la giornata Kotov si è dedicato lungamente a testare il sistema di navigazione satellitare ASN-M: per i prossimi due giorni infatti il controllo terrestre determinerà la configurazione dei vari sistemi esterni (SARJ, BGA, TRRJ - radiatori termici). Tutto ciò in vista dell’arrivo del prossimo ATV-2. Il sistema ASN-M è l’equivalente del sistema americano GPS, ed era servito anche per l’attracco ATV-1.
Come lavoro addizionale Oleg, in SM ha eseguito ispezioni di routine dei separatori di condensa e della relativa unità di processo. Oleg ha avuto modo anche di poter scegliere tra i vari task consigliati nella lista “tempo permettendo” tra cui spiccano:

  • attività fotografica per il programma di osservazione oceanica “Seiner”.
  • la sessione per il programma russo EKON per l’agenzia per il controllo ambientale.
  • ripresa video del lago Baikal. Il materiale verrà poi utilizzato per un programma televisivo di Roskosmos che dedicherà una produzione a questo lago che rappresenta il 20% della riserva mondiale di acqua dolce.

Anche Timothy e Soichi è giornata di tasks su scelta volontaria:

  • Inventario dei ricambi di CEVIS per chiarire alcune discrepanze riscontrate nell’ultimo controllo.
  • registrazione video dalla postazione di Cupola per vedere le varie possibilità di osservare l’interfaccia del boccaporto Nadir del modulo russo FGB. Si spera tra l’altro che l’attrezzatura RWS (Robotic Workstation) venga installata per tempo prima dell’arrivo di STS-132, dal momento che si dovrà utilizzare SSRMS per agganciare il nuovo modulo MRM1 che andrà a sostituire DC-1 Pirs.

il lancio della nuova Soyuz,la 104° con equipaggio, è previsto dunque per venerdì 2 aprile, ma verso che ora italiana? :roll_eyes:

Dovrebbe essere alle 06:04:34 CEST (ora italiana).

Foto di gruppo dei cosmonauti Soyuz TMA-18 e backup crew.
Roskosmos.


2010_03_29_tma18_01.jpg

2010_03_29_tma18_04.jpg

2010_03_29_tma18_05.jpg

Immagini dell’assemblaggio del razzo vettore.

Fotografie del rollout del razzo Soyuz.

http://www.youtube.com/watch?v=7yuSXUWUFIM

ISS Daily Report Lunedì 22 Marzo 2010

Oggi, Soichi e Creamer hanno completato un’altro Reaction Self Test. Il self test è ideale per sessioni ripetitive, perchè a differenza di altri test cognitivi è piuttosto breve ed è esente da effetti influenzabili dalle attitudini comportamentali dei singoli.

Il comandante Kotov ha provveduto al periodico aggiornamento antivirus dei quattro laptop. In questa occasione è stato utilizzato un nuovo programma di copiatura Norton. Una volta installato sul laptop file server è stato poi trasferito sugli altri laptop, uno ad uno. Nell’arco della giornata Oleg ha continuato il suo supporto agli specialisti, per la configurazione del sistema di navigazione satellitare ASN-M.

Soichi ha inoltre condotto la periodica campionatura di acqua prelevandola dal dispenser e utilizzando poi TOCA (ora riposizionato in Nodo3) per le analisi (circa due ore di attesa) inviando poi le registrazioni a Terra.

TJ Creamer ha preparato l’area di lavoro in Kibo per eseguire il service al payload scientifico APEX-Cambium (Advanced Plant Experiments on Orbit-Cambium). Esperimento che ha lo scopo di verificare come influisce la gravità nello sviluppo delle cellule di cambium del legno (la base da cui si parte per la produzione di carta, pasta di legno). Successivamente ha eseguito il “raccolto” delle pianticelle dell’esperimento TAGES (Transgenic Arabidopsis Gene Expression System).

Dopo una documentazione fotografica, la configurazione attuale di CUP RWS (Cupola Robotic Workstation) è stata modificata da Soichi rimuovendo un pezzo di struttura per prevenire interferenze durante le operazioni che verranno eseguite con la prossima missione Shuttle. Questa parte di struttura era stata installata in modo incorretto e creava problemi di interferenza con l’unità di controlo manuale del braccio, per il quale non era stato data l’autorizzazione all’uso. Da qui, l’intervento.

Noguchi e Creamer hanno ripassato le procedure delle prossime EVA prevista con la missione 19A, riunione eseguita in teleconferenza con gli specialisti. E’ stato poi inviato un aggiornamento del software DOUG (per le teleoperazioni con il braccio SSRMS). Mission 19A prevede che tutte le passeggiate spaziali siano condotte da Rick Mastracchio e Clay Anderson e tutte le EVA utilizzaranno cartucce LiOH (idrossido di litio) per l’assorbimento della anidride carbonica. Con una stima di 6 ore e mezza, il grosso del lavoro si concentrerà sulla sostituzione del serbatoio di ammoniaca ATA (Ammonia Tank Assembly) dove il lavoro primario sarà svolto con l’aiuto di SSRMS.

Anomalia TVIS: durante l’odierna ispezione mensile Kotov si è accorto che 2 su 4 giroscopi sono fuori uso. Pertanto TVIS al momento non è operativo finchè non si provvederà alla riparazione sostituendo i pezzi danneggiati (i ricambi sono disponibili sulla ISS). Per gli esercizi verrà utilizzato COLBERT.

La cronaca purtroppo influenza anche lo spazio.

Il Ministero degli Interni russo ha disposto un particolare servizio di sicurezza lungo il percorso ferroviario del Cosmodromo di Baikonur durante le fasi di roll-out del razzo Soyuz .

I funzionari della base hanno riferito ai giornalisti presenti di aspettarsi controlli più severi del normale circa i loro movimenti; tutti i servizi di controllo saranno amplificati al punto di avere cani addestrati a controllare le tracce di ordigni esplosivi e controllo da parte di elicotteri a bassa quota intorno alla rampa e lungo la strada del Centro Spaziale.

Per un attimo mi sono immaginato una muta di cani che azzanna un booster del Soyuz… scherzi a parte speriamo che vada tutto bene!

Immagino Roskosmos della preparazione del vettore:


2010_03_31_tma18_01.jpg

2010_03_31_tma18_04_1.jpg

2010_03_31_tma18_06.jpg

2010_03_31_tma18_08.jpg

2010_03_31_tma18_10.jpg

ISS Daily Report Martedì 23 Marzo 2010

Prima di colazione e i primi esercizi, Kotov e Noguchi hanno condotto una full session del programma medico russo, nello specifico il monitoraggio biochimico delle urine.

In previsione della prossima missione 19A, i tre membri dell’equipaggio si sono riuniti per studiare la lista dei materiali che verranno portati su con MPLM e che da qualche parte devono essere immagazzinati, la discussione comprendeva in teleconferenza, anche gli specialisti di Terra. La parte finale della riunione ha riguardato i materiali che invece andranno preparati per il rientro con lo Shuttle.

All’interno di US Airlock Creamer ha allestito l’attrezzatura video per poter monitorare la rigenerazione dell’ultima cartuccia METOX la n°20. La ripresa si rende necessaria dopo i recenti problemi di rigenerazione e una delle più recenti teorie è che i malfunzionamenti siano stati causati da una guarnizione Oring (presente su ogni cartuccia). Si pensa che durante la fase di inserimento all’interno del forno, l’Oring abbia dei problemi a restare in sede alterando la tenuta e quindi, il flusso dell’aria calda che serve alla rigenerazione delle pareti interne della cartuccia. La rigenerazione di oggi intende verificare questa teoria.

In Columbus all’EDR (European Drawer Rack), Creamer ha lavorato al nuovo incubatore Kubik-6, allestendo la centrifuga e la sua unità controller.

Alle 2:50 pm, Creamer ha condotto il periodico check delle comunicazioni di emergenza in banda VHF, contattando i principali centri terrestri: Houston/Capcom, il centro operativo per i payload MSFC, Mosca TsUP, EuroCOMM e Tsukuba. Lo scopo è di verificare il segnale ed esercitare l’equipaggio.

WPA anomalia: l’unità di processo acqua, ha sofferto di un’anomalia per un problema di temperatura al catalizzatore. La discrepanza potrebbe essere il risultato, causato da un eccesso di acqua che ha attraversato il sistema. Ad ogni modo, con WPA fuori servizio le acque reflue vengono momentaneamente raccolte nel circuito, ma se domani WPA non venisse ripristinato si dovrà ricorrere alla raccolta dei fluidi con i classici contenitori.

Soichi ha chiuso tutte le protezioni degli oblò e di Cupola in vista del reboost della Stazione che avverrà domani con l’ausilio dei thrusters della Progress.

Meno di 2 ore al lancio…
Ecco un’immagine del vettore in rampa ed una dell’equipaggio già all’interno della capsula


STMA-18-1.png

STMA-18-2.png

NASA TV ripropone le fasi preparatorie della giornata…

  • le tradizionali firme sulla porta
  • la benedizione
  • la partenza in torpedone per la rampa

STS-13000001.png

STS-13000002.png

STS-13000003.png

La vestizione…


STS-13000004.png

STS-13000005.png

STS-13000006.png

Foto di gruppo…


STS-13000007.png

STS-13000008.png

Verifica di tenuta della tuta


STS-13000009.png

STS-13000010.png

Tracy canta per gli ospiti, famigliari e giornalisti


STS-13000012.png

STS-13000013.png

Lo TSAR PERMINOV…


STS-13000014.png

La camminata


STS-13000015.png

STS-13000016.png

STS-13000018.png

Saluti sulla scaletta, Tracy saluta alla Metal-Headbanger’s


STS-13000019.png

STS-13000020.png