SpaceX: fallisce un test dei paracadute della Crew Dragon

Nuovo articolo di Roberto Mastri pubblicato su AstronautiNEWS.it

2 Mi Piace

video appena pubblicato da SpaceX sui test dei paracadute di Crew Dragon

1 Mi Piace

Molto bello, contiene tutti i test eseguiti nelle varie situazioni, con più o meno Paracadute principali aperti. Sembra che la Crew Dragon sia sempre più pronta per il suo IFA e poi Dm-2.

1 Mi Piace

Interessante…

Non ho ben capito cos’è che tiene “strozzati” i paracadute principali prima dell’apertura completa…
In quelli sportivi c’è uno slider che corre sui tiranti avvicinandosi al parà man mano che rallenta…

Molti dei test sono con solo tre paracadute.

Evidentemente la richiesta della Nasa di avere invece 4 paracadute (ricordo nontizie/discussioni a riguardo) e’ arrivata dopo o e’ rimasta in discussione a lungo.

Inizialmente era stata progettata per utilizzare 3 paracadute, ma poi Nasa per sicurezza ne aggiunse 1 per rendere il sistema di atterraggio più sicuro.

D’altra parte la Dragon CRS (da cui la V2 è derivata) utilizza da sempre tre paracadute.

Il quarto paracadute è stato aggiunto principalmente perché la Crew Dragon è decisamente più pesante della Dragon 1 e soprattutto per garantire maggiori margini di sicurezza non solo in caso di non dispiegamento di uno o due paracadute ma anche per garantire maggiore sicurezza in caso di Abort imprevisto con atterraggio richiesto sulla terraferma invece che in mare.

7 Mi Piace

La componente artistica è potentissima.
Un minidocumentario da paura.
Subito rimanda ai video delle meduse quando nuotano, ma ti fa anche vedere i paracadute direzionali come dei serpenti che saltano fuori.

Bellissimo il progetto comunicativo scelto dalla Space X per Crew Dragon.

I tasselli neri che si vedono sui paracadute servono per valutare orientamento e rotazione?