Starlink - La costellazione di satelliti di SpaceX per i servizi Internet

starlink
#101

Questo articolo fornisce un’analisi approfondita e un confronto fra le costellazioni Starlink, OneWeb e Telesat e discute anche diversi aspetti delle operations che forse possono interessare a @Buzz:

2 Likes
#102

C’è anche questa analisi.

#103

Si potrebbe fondere questo thread con questo…

1 Like
#104

In effetti hai ragione. Fatto! :slight_smile:

2 Likes
#105

This is huge. Aggiornamento, Berger segnala l’investimento da parte del DOJ.

Space Exploration Technologies Corp., Hawthorne, California, has been awarded a $28,713,994 competitive, firm-fixed-price, other transaction agreement for experimentation per the advanced research announcement, FA8650-17-S-9300. This agreement allows for experimentation in the areas of establishing connectivity, operational experimentation, and special purpose experimentation. Experimentation will include connectivity demonstrations to Air Force ground sites and aircraft for experimental purposes. For the proposed Phase 2, the awardee proposes to perform experiments in two other key areas: early versions of a commercial space-to-space data relay service and mobile connectivity directly from space to aircraft. Work will be performed in Hawthorne, California, and is expected to be completed by June 18, 2021

#106

Ma 28M di dollari non sono un pochini per una cosa del genere? Oppure mi son perso qualcosa io?

#107

Si l’interessamento del dipartimento della difesa, cambia molto in ottica utilizzo, i soldi sono una question secondaria. Tra l’altro 3 giorni fa ha anche appena raccolto internamente 500 milioni.

1 Like
#108

Visto che Musk sta irrorando la rete con info, ce n’e’ una anche per questo 3d:

3 Likes
#109

Discord sembra particolarmente felice, quella è una big fucking emoticon eheh

#110

A quanto pare ci sarà concorrenza diretta tra SpaceX / Starlink e Blue Origin / Telesat.
Con la differenza principale che Starlink sarà di SpaceX…

Sarebbe interessante anche capire la possibile integrazione tra Telesat e i servizi AWS di Amazon…

#111

Ecco la risposta:

1 Like
#112

New Gleen ha a carico Telesat e adesso anche questa mostruosa costellazione. Sono una marea di lanci assicurati.

#113

Beh, la costellazione di Amazon è praticamente una spesa interna visto che il proprietario di Blue Origin e Amazon è sempre Jeff Bezos…

#114

E infatti Telesat sta cercando anche alternative:

Assumo per lo stesso motivo per cui OneWeb e Telesat non si sono rivolte a loro volta a SpaceX.

Ma stiamo andando OT…

1 Like
#115

Relativity Space sono quelli che stampano i razzi quasi completamente (95%) in 3D. Se hanno ottenuto un contratto vuol dire che il loro lanciatore Terran 1 (che potrà lanciare in LEO 1.250 kg) procede bene.

Qui si può ammirare qualche disegno del Terran 1 e i filmati dei test del motore Aeon:

https://www.relativityspace.com/terran

ah bene, sul sito affermano di essere la seconda compagnia impegnata a rendere l’umanità multiplanetaria…

1 Like
#116

Certo che i fan di Star Trek avranno un po’ di brividi per via del nome del lanciatore… stai a vedere che siamo nel mirror universe :wink: … speriamo arrivi prima Elon, allora :grin:

1 Like
#117

1250kg per un’orbita LEO ma a 185km di altezza… Non è leggermente bassa?

#118

Sicuramente deorbita molto velocemente, a quella quota.

Pero’ immagino sia un dato di riferimento, rinunciando a un po’ di payload suppongo possa piazzare il satellite piu’ in alto.

Non so se l’approccio lanciatori piccoli e’ competitivo. Sicuramente si riduce la complessita’ dei satelliti che non devono avere capacita’ di propulsione autonoma, ciascuno viene recapitato esattamente a destinazione, non serve il rack (che tra l’altro e’ massa sprecata).

Apparentemente nei confronti dei Falcon la vederei difficile come costi… a naso.

Pero’ magari trovano il modo di produrre i lanciatiori veramente in massa e lanciandoli in serie a ciclo continuo, senza la complessita’ del recupero… chissa’. Magari funziona. E’ una scommessa. In ogni caso non sono gli unici a seguire questo approccio, in primis Electron che e’ anche ben piu’ avanti e proven. Incomincia ad essere affollato.

1 Like
#119

Per comparazione: la costellazione iridium next è considerata sempre in LEO ma a 780km di altezza. Se non erro SpaceX ne ha lanciati in media 9 alla volta per 8 missioni. La commissione era di 492 milioni di dollari per 75 satelliti (6,56M per satellite). Il costo per lancio dell’Electron si aggira a 6M di dollari e sul sito di Relativity parlano di 10M per lancio del Terran 1…

#120

100 nmi (185 km) è di solito l orbita di riferimento di LEO per tutti i razzi. Quando leggi X tonnellate verso LEO di solito l’orbita è sempre 185 km circolare con un inclinazione di 28.5 gradi (salvo indicato diversamente).

1 Like