Starship Orbiter - Boca Chica

Questo è il primo fotogramma dell’esplosione che si vede nel video di NSF, sembra originare dalla base di SN4:

1 Mi Piace

Servirebbe un’immagine con meno fumo / vapori ma l’esplosione sembra partire dall’esterno per poi avvicinarsi a SN4. Almeno questa è la mia impressione…

1 Mi Piace

Sembra che ci siano in arrivo immagini ancora migliori da NasaSpaceFlight…
Un poco di pazienza.

2 Mi Piace

E’ il nostro “bimbo” che e’ saltato in aria!

E’ difficile mantenere la calma in queste circostanze :sob:

3 Mi Piace

A me sembra che ci sia stato un cedimento o perdita alla base e che poi la nube generata si sia incendiata al contatto con la torcia.

Da notare che la fiammata (non è un esplosione, il termine corretto è bleve) ha sottratto l’ossigeno alla torcia che si è spenta

2 Mi Piace

Nuovo articolo di Marco Zambianchi pubblicato su AstronautiNEWS.it

5 Mi Piace

Non mi sorprenderebbe se l’incendio dello static fire precedente avesse danneggiato qualcosa, magari alle interfacce pad-veicolo, e che il problema sia partito da lì.

3 Mi Piace

mantengono fede al ratio di 1 sn al mese costruito e… distrutto :sweat_smile:

scherzi a parte, ricorda molto l’atmosfera gli anni '50 e i tentativi di costruire un vettore per mettere in orbita il primo satellite :heart_eyes:

pionieri :clap: :clap: :clap:

6 Mi Piace

Lo svampo visto da un radar metereologico (parola difficilissima da digitare a quest’ora :stuck_out_tongue_winking_eye:)

Figo anche perché in 3D

3 Mi Piace

La cosa che a me appare strana e’ che la grande perdita al fondo e’ iniziata un po’ dopo che il serbatoio dell’ossigeno aveva iniziato a scaricare pressione dalla valvola superiore.

In questo video di Everyday Astronaut si nota bene il volo del “tappo del thermos” :rofl:

Sara’ un record in altezza o in profondita’ (sono circa 20 tonnellate molto concentrate) ?

Mi sembra inoltre di notare che non sia volato via per l’esplosione del serbatoio del metano, ma per via del contraccolpo su questo serbatoio dell’esplosione di quello dell’ossigeno!

In queste foto di SPadre infatti il serbatoio del metano sembra intatto, prova del fatto che queste cupole sono decisamente robuste !!

1 Mi Piace

L’incendio di cui parli non è avvenuto nello Static Fire precedente, cioè il quarto, ma nel terzo Static Fire di SN4.

Si hai ragione. Intanto comunque la possibile causa dubito la sapremo prima del lancio di DM2, non penso che Elon Musk voglia spostarere l’attenzione del pubblico

1 Mi Piace

Da quello che si vede si deducono due cose (almeno in attesa di una dichiarazione ufficiale da parte di Musk/SpaceX):

  • l’esplosione è avvenuta nel serbatoio di ossigeno (c’è un’analogia con l’incidente del F9 nel 2016 che portò alla perdita del satellite AMOS-6?), dopo lo static fire. Dunque sembra dovuto al cedimento di una valvola/conduttura/paratia.
  • la struttura in acciaio di SN-4 ha pagato il suo debito, nonostante l’esplosione catastrofica del serbatoio di ossigeno, il resto della struttura sembra (e dico sembra) aver subito danni contenuti.
2 Mi Piace

Analisi di Scott Manley:

1 Mi Piace

Beh dai, SN4 è sopravvissuto ben più a lungo dei suoi predecessori…a guardare i video a me la perdita di gas sembrava esterna al birillone, ma mi chiedo se dalle tubazioni in quel momento stesse effettivamente passando ancora quell’ingente volume di gas.

Ad ogni modo…le speranze che SN5 tenti effettivamente il balzello si fanno più concrete

1 Mi Piace

Ora senza fuoco ho visto che sono i resti di SN4

Il fatto che quella parte non sia completamente afflosciata fa pensare anche a me che almeno parte delle due cupole (superiore e intermedia) sia rimasta integra, facendo mantenere al serbatoio una apparenza cilindrica.

Dopo diversi replay interessanti dice che il problema sembra originato in fase di svuotamento dei serbatoi, quindi o una rottura in quella fase delle tubature o una manovra errata sulle valvole che ha causato un effetto ariete nel fluido.

1 Mi Piace

Ed ecco un primo (simpatico) commento sull’accaduto:

Quindi pare non un problema con i serbatoi in se ma, come speculato da molti, con le connessioni tra veicolo e infrastruttura di terra.

5 Mi Piace