Starship Orbiter - Boca Chica

Condivido.
Il mio era un ragionamento più ‘aulico’ : certo che devi partire da dei numeri ricavati da calcoli, ma quei calcoli, quelle formule, sono a loro volta frutto di iterazioni lunghe secoli nella storia della scienza.
Cioè dire che il metodo iterativo non è ingegneristico è sbagliato.

Ogni modello, matematico o ingegneristico, è una simulazione della realtà ma, poiché usa delle approssimazioni, è intrinsecamente errato ad un certo livello di dettaglio.
I calcoli ti portano fino ad un certo punto, oltre il modello sarebbe ingestibile o la simulazione troppo complessa , ma il limite di progetto è un pò più in là… E per trovarlo ti servono i test, e ti servono le dovute iterazioni…

7 Mi Piace

Attività del 27 aprile.

Mi sa che per oggi, o al massimo domani, dovremmo aspettarci di vedere un raptor lì sotto :slight_smile:

@furdisufit io ho riassunto in modo estremo il concetto piu’ volte emerso dall’approccio di SpaceX, ovvero “tenta e ritenta perche’ possiamo permettercelo”.
Sappiamo che l’ingegneria e’ tradeoff e il senso del mio post era proprio domandarsi dove sara’, alla fine, il tradeoff che portera’ al successo di SS per SpaceX.
Non metto assolutamente in dubbio l’efficacia del try&error, cosi’ come l’importanza di una buona progettazione architetturale e di insieme, con un metodo di gestione del progetto adatto allo scopo. E’ l’insieme di approcci, mentalita’, metodi e tecnologie che porteranno il progetto verso successo o fallimento. Il tradeoff che ne risultera’ sara’ comunque interessante e, spero, portera’ almeno in parte una nuova visione nello sviluppo di progetti astronautici piu’ adatti allo spirito del tempo :wink:

3 Mi Piace

Dipende per “spirito del tempo” cosa si intende.

A partire dagli anni 80 del secolo scorso, forse figlia della cultura del progetto Apollo, si era diffuso un malinteso senso di superiorità per cui la fase pionieristica dell’Astronautica si era. di fatto, conclusa.
L’incidente del Challenger prima, il fallimento di ennemila programmi manned della NASA in mezzo e l’incidente del Columbia alla fine hanno cancellato questa sensazione.
I russi, più pragmatici, hanno continuato a considerarsi pionieri.

Non è vero, siamo ancora ben dentro la fase pionieristica (a mio avviso durerà ancora per molto tempo) e dunque questi metodi “primitivi” tipo “build & trial” è ancora pienamente giustificato dai tempi.
Per favore non illudiamoci…

7 Mi Piace

testare con un solo motore il decollo ma sopratutto la discesa che senso ha?
mi viene spontaneo pensare che il lancio dovrebbe servire per verificare se il sistema funziona, cioè se la guida e le geometrie sono corrette.

a questo punto l’unico motivo valido per installare un solo motore lo vedo nel rischio di distruzione: lanciamo ora con solo un pezzo, poi se va bene ripetiamo con la configurazione completa.

corretto?

Forse ha senso nel fatto che non stanno inviando in orbita una SS completa, ma devono solo testare la sezione serbatoi, per cui 3 Raptor sarebbero comunque troppi per poter gestire l’atterraggio, considerato che, se non erro, la minima potenza gestibile e’ del 50% (letto in un qualche tweet di Elon Musk).

Concordo.ma è anche vero che possono zavorrarla.

1 Mi Piace

Concordo sul fatto che siamo ancora nella fase pionieristica, penso sia sotto gli occhi di tutti (probabilmente dovuto al fatto che space is harder rispetto a tanti altri settori).
In ogni settore ingegneristico non e’ detto che ci sia sempre un approccio giusto e uno sbagliato. Credo sia vero anche nel settore astronautico e proprio per questo SpaceX puo’, con i risultati ottenuti e che otterra’, cambiare ed evolvere lo status quo.
In ogni caso: non vedo l’ora di vedere del fluido pressurizzato uscire da SN4 (in un modo o nell’altro!) :smile:

1 Mi Piace

Attività del 28 aprile.

2 Mi Piace

Attività del 29 aprile.

1 Mi Piace

Io la vedo piuttosto come:

  • abbiamo sviluppato un sistema di controllo che ci permette il recupero
  • per il motivo di cui sopra abbiamo potuto sviluppare un motore più complesso e costoso ma altresì efficiente e potente (tanto non lo buttiamo)
  • per il motivo di cui sopra lavoriamo con l’acciaio che costa meno (tanto abbiamo potenza)
  • per il motivo di cui sopra proviamo un sacco di volte (perché è una tecnologia che si presta a lavorare “a martellate”)

I russi lavorando in maniera tradizionale sono mooolto più lenti nell’evoluzione , e non avendo tecnologie informatiche come in occidente devono necessariamente provare “nel fisico”

3 Mi Piace

Interessante :slight_smile:

1 Mi Piace

Pero’ non dicevano di aver deciso di usare l’acciaio perche’ resistente a temperature piu’ alte?

Si ma molto più pesante per cui ti serve un signor motore

1 Mi Piace

4 messaggi sono stati uniti ad un Argomento esistente: Astronauti NASA sulla Luna nel 2024

Da Spaceflightnow.com un’apertura di credito verso il concetto Starship:
“SpaceX proposed the Starship,” Bridenstine said. “It’s obviously a very different solution set than any of the others. But it also could be absolutely game-changing. So we don’t want to discount it. We want to move forward. If they can have success, we want to enjoy that success with them.”

…meno credito di Blue Origin, comunque, a cui hanno assegnato 579 milioni, contro i 135 a spacex…

Attività del 30 aprile.


raptor in posizione

7 Mi Piace

Forse è l’effetto dell’inquadratura, ma pare che il Raptor non sia centrato, rispetto al diametro del cilindro dello scafo.

1 Mi Piace