Telescopio


#1

In un mercatino dell’usato ho visto un telescopio con treppiede opticon 50 f600 a 40 euro (20 fra qualche giorno). È un buon affare o risparmio denaro e lo lascio li? Si vedono i pianeti con una buona mappa stellare?


#2

QUi lo comperi nuovo a 24 euro (98 Zloty) però in Polonia:
http://www.hiperpromo.pl/promocja_selgros_cash_carry-opticon_teleskop_50f600-7420647.html


#3

Tutto dipende dalle aspettative che hai per un telescopio da 20 euro. Qualcosa su Luna, Giove e Saturno probabilmente si vede. Un solo oculare economico, appena degno di questo nome, costa sui 50 euro, per cui … al massimo sprechi 20 euro, ed hai un interessante treppiede :slight_smile:

Il rischio è di scoprire che non si vede un tubo, e poi disinteressarsi dell’astronomia. Secondo me lo strumento per cominciare è un buon binocolo, 10x50 o meglio ancora 8x50. Al LIDL si trovavano, due anni, fa, degli ottimi 10x50 a 20 euro. Meccanica un pò della mutua, ma ottica buona - il prezzo lo valevano tutto. Accessori al binocolo, una sedia sdraio ed un cielo buio. Istruzioni: puntare un posto qualunque nel Cigno, scendere verso sud e perdersi nel mare di stelle e nebulose.


#4

Grazie per la dritta, a volte si fanno degli affari nei negozi dell’usato… Magari lo prendo per mio figlio. Voglio vedere gli anelli di giove, che devo avere?


#5

Condivido questo link che ho trovato quando anche io ho pensato di acquistare un telescopio:

Quale telescopio acquistare per iniziare? Nessuno!


#6

Per gli anelli di Giove non ti basterebbe “Hubble”. :flushed:

Meglio rivolgere l’attenzione a quelli di Saturno.


#7

Concordo con IK1ODO.
Potresti orientarti verso un 114x900 in configurazione newton. E’ in vendita a prezzi attorno ai 200 euro. E’ versatile. Abbastanza luminoso per vedere alcuni oggetti deboli, ma anche dotato di ingrandimenti sufficienti per l’osservazione di pianeti/ luna. Certo che la lente di barlow per duplicare gli ingrandimenti e l’oculare da 4 mm sono fumo negli occhi. Quando lo comprai (anni ottanta) Acquistai poco dopo un buon oculare da 25 mm che mi costò metà del valore (di allora!) del telescopio.


#8
[quote="IK1ODO, post:3, topic:21589"] Tutto dipende dalle aspettative che hai per un telescopio da 20 euro. ... [/quote]

Concordo con IK1ODO.
Potresti orientarti verso un 114x900 in configurazione newton. E’ in vendita a prezzi attorno ai 200 euro. E’ versatile. Abbastanza luminoso per vedere alcuni oggetti deboli, ma anche dotato di ingrandimenti sufficienti per l’osservazione di pianeti/ luna. Certo che la lente di barlow per duplicare gli ingrandimenti e l’oculare da 4 mm sono fumo negli occhi. Quando lo comprai (anni ottanta) Acquistai poco dopo un buon oculare da 25 mm che mi costò metà del valore (di allora!) del telescopio.

D’accordo per il 114/900, è stato anche il mio primo telescopio. Un’amica lo vende usato, con tutti gli accessori compreso il filtro solare, per 100 euro (il filtro solare ne costa 50). Sarebbe una spesa molto migliore dell’opticon. Poi però, se non vuoi smettere subito, trova un circolo di astrofili vicino a te, e fatti dare una mano… ci vuole :slight_smile: e con quello gli anelli di Saturno, i satelliti e qualche banda su Giove li vedi, oltre a qualche ammasso interessante e tante stelle doppie.


#9

Uno strumento utile per individuare le costellazioni fino a che non ci si fa l’occhio, é l’astrolabio. Con questo puoi sapere in base all’ora di osservazione , quali costellazioni sono visibili e dove puntare il telescopio. A questo link di un astrofilo giapponese alla voce tools for observation trovi il kit da stampare per costruirti un semplice astrolabio e delle mappe stellari da stampare in formato A3 www.geocities.jp/toshimi_taki/index.htm


#10

Onestamente… nel 2015 forse un cellulare e’ uno strumento piu’ pratico di un astrolabio e mappe in formato A3 da consultare la notte no? Io quei telescopi da poco li sconsiglio caldamente, servono solo a farsi passare la voglia dell’astronomia. Non mi dispiacerebbe a questo punto avere un dobsoniano decente da portare nelle gite fuori porta.


#11

Lo schermo del cellulare pero’ e’ fonte di inquinamento luminoso e disturba l’adattamento dell’occhio, mentre la luce rossa per consultare le mappe e’ ammortizzata meglio.


#12

:ok_hand: :ok_hand: :ok_hand: oh, già… ! Una carta stellare è fondamentale, il cellulare è inusabile durante una serata osservativa in visuale (vietato accenderlo, anche solo per guardare l’ora)


#13

Ma no…
Stellarium sul cell è fatto apposta e la luminosità può essere abbassata… io lo uso sempre ( anche perchè ho installato sul cel il software per il puntamento del telescopio )
Funziona, provare per credere :slight_smile:


#14

Nein, nein, nein. Carta e luce rossa, se fai il visuale. Se giochi con il PC o il telefonino è un’altra cosa, ma poi per riadattare la vista ci va un quarto d’ora. O fai il visuale, o usi telefono e/o PC. Quando faccio foto uso tutti e due, ma non metto occhio all’oculare. E imparare a leggere una carta stellare è importante (ieri notte ho ripreso il Velo del Cigno con l’astroinseguitore, senza cannocchiale di puntamento. Devi saperti muovere a occhio, la carta è fondamentale, Stellarium non la sostituisce al 100%; ma la pianificazione del campo da riprendere l’ho fatta - prima - con Stellarium)


#15

Mai detto che la carta non ci vuole :stuck_out_tongue_winking_eye:
Ma se vuoi beccare saturno dal terrazzo di casa, il cell svolge egregiamente il compito ( tanto l’inquinamento luminoso che hai intorno batte la luminosità del cell 10 ad uno )
Ovviamente non mi sognerai mai di accenderlo in mezzo ad un prato di montagna, ma quello mica ce lo possono avere tutti a portata di mano :wink:


#16

Hm che strano, quando vado a riprendere la ISS e gli Iridium tengo di solito un occhio sul cellulare fino al minuto prima e non ho mai avuto problemi… :stuck_out_tongue_winking_eye:


#17

Persi. Siete persi… braccia rubate all’agricoltura (di montagna :grin:)


#18

Più che persi… pigri :wink:
Almeno per quello che mi riguarda. Comunque più che telescopio, cellulare o carta del cielo la cosa fondamentale è il supporto…
Io ho rinunciato per diversi anni a causa di un telescopio quasi decente su una montatura schifosa :angry: :angry:
Non ci potevi neanche respirare vicino che l’immagine si spostava :point_up:
Anche se si prende un binocolo secondo me investire in un treppiede decente è fondamentale
IMHO ovviamente, da ignorante, pigra e non dotata di prato di montagna astrofila


#19

Pensa a me che sono al mare, e non ho nessun prato di montagna, tantomeno gelato. :point_up:
Però ho un bel telescopietto


#20

Ci sono schermi aggiuntivi con filtri passa-basso per usare i cellulari e non disturbare l’occhio. Un cellulare con magnetometro ed altri sensori permette di identificare gli oggetti semplicemente puntandoli - il tutto con un investimento nullo. Mettersi a stampare carte e consultarle mi sembra una cosa da altri tempi, ovvero un modo per allontanare i giovani.