Terreni caotici.


#1

Spettacolari immagini da MRO!
In particolare questa immagine tridimensionale (anaglifo)!
Si sta valutando il perché di una tale conformazione. In altre regioni di Marte, zone simili, sono da imputare a fenomeni antichi di tipo idrogeologico. in questa zona, Ariadnes Colles, sembrerebbe che non siano avvenuti e si sta valutando se il terreno caotico possa essere stato causato dall’erosione eolica.
Fonte: ESA


#2

Davvero spettacolari… e strane!
Sembrerebbe quasi l’effetto fenomeno erosivo, o detriti di un qualche evento catastrofico tipo esplosione di un vulcano o altro;
qualsiasi cosa sia stata, sembrerebbe essersi svolta in tempi remoti, visto che ci sono crateri meteorici sovrapposti alle formazioni.
Ovviamente non mancheranno quelli che ci vedranno formazioni artificiali di una qualche civiltà… :rage:


#3

A vedere l’immagine, il grande ed antico cratere, sembra correlato alla frammentazione dei blocchi, quasi che il calore generato dall’impatto abbia sciolto una parte del terreno, più profondo e ricco d’acqua.
La crosta superficiale, cedendo si è frammentata, ed in parte erosa dal flusso. Anche le pendenze che si vedono nella orto immagine tornerebbero.
Sarei curioso di sapere perché non prendono in considerazione la causa idrogeologica… :thinking:

Ovviamente, se un sasso in verticale viene preso per un manufatto extraterrestre, questi sembreranno resti di palazzi insabbiati di un’antica città aliena… come minimo! :face_vomiting:


#4

Quello che hai definito il “grande ed antico cratere” a me sembrano più due formazioni distinte;
quello interno più piccolo sembra un cratere meteorico (più recente?), quello esterno più grande in cratere vulcanico (antecedente?).
Le strane formazioni potrebbero in effetti essere correlate a questi ultimi, ma anche essere un fenomeno a sè (erosivo… o altro?).
Vedremo (si spera)…

A mio modesto parere, uno dei motivi è da ricercarsi nello scetticismo ideologico (in buonafede e il più delle volte giustificato) che molte volte affligge l’ambiente scientifico.
Se da un lato infatti, c’è gente che, dalla foto di un sasso strano sulla Luna o su Marte ne ricava una enciclopedia di teorie e convinzioni riguardo civiltà aliene e chissà cos’altro, dall’altra parte si eccede in una sorta di “prudenza minimalista” che in mancanza di riscontri “a prova del nove” impedisce di formulare anche ipotesi che di antiscientifico non hanno nulla…


#5

Vero… anche se questo però è il metodo scientifico!


#6

Beh… sì e anche no…;
per esempio, all’inizio del secolo scorso, per studiare la propagazione delle onde elettromagnetiche nel vuoto si era ipotizzata l’esistenza dell’etere (antico concetto greco).
Che poi, alla prova dei fatti questo modello sia stato abbandonato, non vuole certo dire che i ricercatori che lo utilizzarono fossero dei ciarlatani!
Serviva un modello… venne fatta un ipotesi, una come un altra… poteva essere corretta come no…
La stessa teoria della relatività, venne osteggiata dal mondo accademico per la serie “non può essere, dunque non è” e “non ci sono prove aldilà delle equazioni matematiche”.

Tornando ai “terreni caotici”…;
rinunciamo a cercare prove di erosione idrogeologica perchè, siccome non siamo sicuri al 100% (ma solo al 90%) che su marte ci fosse acqua, non possiamo ipotizzare erosione (ma se cerchiamo l’erosione, magari troviamo la prova assoluta che c’era acqua… oppure che non c’era!)?
Oppure l’idea è troppo (…?) per poter essere vera?

Comunque aspettiamo eventuali e graditi sviluppi.


#7

Analizzando meglio l’immagine, ho notato tra l’altro che molte di queste formazioni sembrano essere “spugnose” (cavità, grotte? Non sembrano minicrateri da impatto?)


#8

a che distanza è stata ripresa questa immagine? di sicuro non a pochi metri dal suolo.