tirocinio ESA


#1

Salve a tutti gli utenti del forum, mi chiamo Elia ed avrei bisogno di consigli riguardo un tirocinio in ESA.
Vorrei fare domanda per un tirocinio in ESA e mi chiedevo se qualcuno tra voi ha qualche consiglio (di ogni genere) a riguardo.
Per la precisione ero interessato ad uno dei seguenti: young graduate trainees e student internships.
Vi ringrazio per i consigli, saranno tutti ben accetti.

Elia


#2

Ciao Elia,
ti rispondo perché anche io sono uno studente (ingegneria elettronica) e mi sono un po’ informato a riguardo di queste opportunità, che vorrei sfruttarle anche io.
Non so adesso quale sia il tuo percorso di studi né a che anno tu stia, però, a meno che tu non stia per finire o non abbia appena finito la Magistrale (Master’s Degree) (ed in qual caso dovresti vedere direttamente dalla pagina ESA per gli apprendistati (https://career2.successfactors.eu/career?company=esa&career_ns=job_listing_summary&navBarLevel=JOB_SEARCH&_s.crb=OR6HgOjMX5HZkNtc6Y%2fvOEosAZI%3d)), direi di orientarti verso lo Student Internship.
Per lo Student Internship, ESA richiede che tu stia finendo la Triennale (ultimo anno) o facendo la Magistrale. Sul sito ci sono le varie istruzioni su come selezionare l’istituto a cui fare richiesta per il tirocinio. Per fare un tirocinio nel 2019 devi muoverti nella finestra Settembre-Ottobre 2018, a meno che non sia indicato diversamente.

Se sei ancora alla triennale o comunque sei interessato ad un progetto per guadagnare esperienza, e non pensi per forza ad un tirocinio, potresti valutare l’opzione, insieme ad un tuo professore di riferimento e dei compagni di università, di partecipare al programma REXUS/BEXUS (o magari prendere parte ad una candidatura che la tua università vuole fare), dove esperimenti scientifici ideati e realizzati dagli studenti sono lanciati su un razzo suborbitale (REXUS) o su un pallone aerostatico (BEXUS).
Io ho partecipato, almeno alle fasi iniziali, ad un progetto BEXUS, che purtroppo non ha passato la selezione finale. Però posso dirti che, avendo lavorato alla candidatura, essendo andato in Olanda all’ESTEC e avendo presentato il progetto ad una commissione, sono rimasto molto colpito ed emozionato da questa esperienza. Ci hanno inoltre fatto in quei giorni alcune lezioni su come in generale si svolge lo sviluppo di un esperimento in ambito aerospaziale.
Chi ha passato la selezione finale ha poi partecipato a dei corsi ulteriori; è in generale un progetto a cui devi dedicare del tempo (un anno per BEXUS, un anno e mezzo per REXUS), lo dovrai eventualmente fare in parallelo con gli esami, lo puoi però fare tranquillamente anche a cavallo di triennale e magistrale, facendo la tesi con il professore di riferimento sulla tua parte di progetto (alcuni miei compagni hanno fatto la tesi così, che anche se non è passato per il BEXUS il progetto è stato portato avanti).
ESA stessa, al primo giorno di benvenuto, ci detto come chi partecipa con successo ad un progetto BEXUS/REXUS guadagni delle skills e dell’esperienza utili per lavorare in ambito aerospaziale.

Ci sarebbe anche l’opportunità di fare direttamente una tesi con ESA (Fly your Thesis, Drop your thesis, Spin your Thesis), ma dipendono molto anche dal supporto che potresti ricevere dal tuo relatore di tesi. Inoltre la possibilità di lavorare alla tesi è prevista anche all’interno dello Student Internship.

Spero di esserti stato di qualche aiuto.


#3

Grazie mille per i consigli, sono in una fase di attesa tra la fine delle triennale e l’inizio di un master in UK quindi penso che l’unica opzione nel breve periodo sia lo student internship altrimenti dovrò attendere la fine del master per poter provare lo young graduate trainees. Visto che tu hai sperimentato cosa significhi lavorare nell’ambiente ESA, potrei chiederti come hai affrontato la fase di scrittura CV e cover letter? Ci sono particolari aspetti da prendere in considerazione?

PS. sono laureato in Ing. Aerospaziale e il master si chiama Aerospace Dynamics

Grazie

Elia


#4

A livello di BEXUS non è richiesto il CV né una cover letter personale, e per un’altra iniziativa ESA a cui ho provato a partecipare non sono stato preso (anche perché non era esattamente il mio campo, era un corso sugli Space Debris, da elettronico mi interessava andarci, oltre per un interesse per l’argomento, per accumulare un’esperienza formativa più che per un particolare allineamento con il mio percorso di studi), quindi non posso esserti troppo di aiuto a riguardo.
La cover letter è comunque qualcosa di personale, dove è importante mostrare il proprio entusiasmo e la voglia di imparare e di lavorare sodo per l’opportunità a cui si sta aspirando. Per il CV io personalmente l’ho fatto con Europass (https://europass.cedefop.europa.eu/it/documents/curriculum-vitae), con la formattazione e i campi già pronti per un curriculum standard europeo. Evidenzia le tue competenze linguistiche ed eventuali corsi extracurriculari ed esperienze in progetti, tirocini e lavori vari.