Un pomeriggio astronautico

Sono appena rientrato da un pomeriggio di immersione nella storia delle scienze spaziali: un colloquio di quasi due ore col prof. Bertotti dell’universita’ di Pavia per un articolo che sto realizzando.
Per chi non conoscesse il prof… e’ uno dei massimi esperti mondiali di relativita’ generale, ed ha partecipato a numerose missioni scientifiche tra cui Ulysses (per l’esperimento di ricerca delle onde gravitazionali) e soprattutto Cassini, con cui ha ottenuto la piu’ precisa conferma della deviazione delle onde elettromagnetiche in un campo gravitazionale, prevista da Einstein ( http://www.nature.com/nature/journal/v425/n6956/abs/nature01997.html )
Il colloquio in realta’ verteva piu’ che altro su due vecchi progetti europei di sonde per il test della relativita’ generale, a cui il prof. ha partecipato, insieme con Colombo. Molto interessanti i suoi commenti su Colombo: era una mente vulcanica, sempre pronta a sfornare nuove idee, ma estremamente dispersiva. Colombo partoriva idee e per la maggior parte poi se ne disinteressava. Nei pochi casi in cui se n’e’ fatto qualcosa e’ perche’ qualcun altro si e’ preso l’onere di portarle avanti. All’inizio degli anni 70 propose un geniale sistema per la misurazione di alcuni parametri gravitazionali ma poi se ne disinteresso’ e dopo le prime critiche l’idea fini’ nel cestino (col povero Bertotti che si ritrovo’ a pubblicare alcuni articoli in merito da solo…)
Bellissimo lo studio del prof. con un’intera parete tappezzata di raccoglitori di 50 anni di corrispondenza con i nomi piu’ importanti delle scienze spaziali: Sagan, Sagdeev, Colombo…

Stare a contatto con certi uomini, che in un certo senso, hanno vissuto il periodo più interessante, i primordi dell’era della ricerca spaziale e vi hanno partecipato attivamente, è senza dubbio un’esperienza estremamente costruttiva e stimolante…
Mi gli hai fatto una sorta di intervista? :roll_eyes:

Stare a contatto con certi uomini, che in un certo senso, hanno vissuto il periodo più interessante, i primordi dell'era della ricerca spaziale e vi hanno partecipato attivamente, è senza dubbio un'esperienza estremamente costruttiva e stimolante... Mi gli hai fatto una sorta di intervista? :roll_eyes:

E’ stata una lunga chiacchierata a partire da una serie di domande che mi ero preparato, ma abbiamo spaziato parecchio. Ad un certo punto siamo finiti a parlare della famosa “Pioneer anomaly”"
Purtroppo non ho registrato la chiacchierata come avrei voluto.
Per chi fosse interessato, l’articolo sull’idea di Colombo e’ questo http://cdsads.u-strasbg.fr/cgi-bin/nph-bib_query?bibcode=1972Ap%26SS..17..223B

Per chi non conoscesse il prof.. e' uno dei massimi esperti mondiali di relativita' generale, ed ha partecipato a numerose missioni scientifiche tra cui Ulysses (per l'esperimento di ricerca delle onde gravitazionali) e soprattutto Cassini, con cui ha ottenuto la piu' precisa conferma della deviazione delle onde elettromagnetiche in un campo gravitazionale, prevista da Einstein ( http://www.nature.com/nature/journal/v425/n6956/abs/nature01997.html )

Mi scuso se il mio commento è poco pertinente…
Vorrei far notare che un altro firmatario di questo articolo è il mio prof di Astronautica (e anche di Impianti Aerospaziali) Paolo Tortora! :smiley:

Per chi non conoscesse il prof.. e' uno dei massimi esperti mondiali di relativita' generale, ed ha partecipato a numerose missioni scientifiche tra cui Ulysses (per l'esperimento di ricerca delle onde gravitazionali) e soprattutto Cassini, con cui ha ottenuto la piu' precisa conferma della deviazione delle onde elettromagnetiche in un campo gravitazionale, prevista da Einstein ( http://www.nature.com/nature/journal/v425/n6956/abs/nature01997.html )

Mi scuso se il mio commento è poco pertinente…
Vorrei far notare che un altro firmatario di questo articolo è il mio prof di Astronautica (e anche di Impianti Aerospaziali) Paolo Tortora! :smiley:

Commento assolutamente pertinente! Si tratta di uno degli esperimenti di relativita’ generale piu’ importanti degli ultimi decenni. Che poi e’ una versione molto piu’ precisa del famoso esperimento di Eddington sullo spostamento apparente delle stelle vicine al Sole durante l’eclisse del 1919