"Who is Neil Armstrong?" Interessante articolo BBC

siti-web
ebook

#1

Segnalo un bell’articolo di BBC News a proposito di Neil Armstrong e della sua “riservatezza”

PS: sotto al video c’è il link all’articolo. Non so perchè mi carica anche il video…

Who is Neil Armstrong?


#2

Certo che non credo abbia bisogno di farsi pubblicità,
anche se avrebbe potuto sfruttare la situazione per fare qualche soldino… Ma evidentemente non si vuole abbassare al livello di chi, ad esempio, fa soldi pubblicando libri tipo “Non siamo mai andati sulla Luna!” :stuck_out_tongue_winking_eye:
Passerà alla storia e sarà ricordato anche per questa sua serietà!


#3

Non sono proprio d’accordo… si puo’ essere seri anche facendosi vedere, divulgando quello che si è fatto, instillando la propria passione nelle generazioni che ti seguono…


#4

Non sono proprio d’accordo… si puo’ essere seri anche facendosi vedere, divulgando quello che si è fatto, instillando la propria passione nelle generazioni che ti seguono…
[/quote]

Sono d’accordo anch’io. Da quanto ho letto mi sembra che la componente umana in Neil non sia sviluppata al massimo.
(ovviamente e’ un giudizio basato su opinioni di altri e non per esperienza personale - purtroppo)


#5

La penso esattamente come te, ma evidentemente lui la pensa diversamente e probabilmente preferisce una vita più riservata.


#6

Neil è, ed è sempre stato una persona riservata, ma non tanto per “posa” o per presa di posizione, ma proprio perchè questo è il suo modo di essere.

Molto spesso, essendo abituati alla situazione “televisiva” attuale ci dimentichiamo che quelli astronauti appartendono ad un’altra generazione e sono stati educati con un altra mentalità, e infatti a ben guardare sono veramente pochi gli astronauti che amano andare in TV (Aldrin e pochissimi altri).

Neil è ben consapevole che quando viene intervistato non lo si fa mai in qualità di Ex astronatuta,ex pilota in guerra,ex ingegnere aereonautico o ex pilota collaudatore, ma solo in qualità di “primo uomo sulla luna”.

Visto che non è un’ipocrita ed è un persona di spiccato buon senso sa benissimo che i suoi meriti sono molto più limitati di quanto venga propagandato e di quanto l’etichetta di “Primo uomo sulla luna” fa trasparire(lui stesso non ha mai smesso di sostenere e sottolineare che lui fu il primo principalmente per una coincidenza di fattori e che se non fosse stato lui sarebbe stato qualcun’altro) non gli va di ergersi a chi si prende tutti i meriti di un’impresa a cui lui ha dato solo il proprio contributo(pur eccezionale).
inoltre non nasconde, come anche aldrin per esempio, che essere ricordato solo come il primo uomo sulla luna o semplicemente come “un astronauta” quando nella sua vita professionale ha fatto tante altre cose professionalmente importantissime e degne di nota(e qui è innegabile) lo trova estremamente riduttivo.

Per quanto possa dispiacermi il non vederlo spesso e il non poter leggere o assistere a molte sue interviste credo che lui abbia gestito la sua notorietà e la storicità dell’impresa di cui è stato il protagonista più in vista in assoluto nel modo migliore.

Insomma:credo che a livello umano non potevamo avere un “Primo uomo sulla luna” migliore di Neil.


#7

Provo anch’io a dire la mia senza aver mai conosciuto personalmente Neil Armstrong…
Sono d’accordo con Iceman sul fatto che essere ricordati solo ed esclusivamente per quel “piccolo passo” possa risultare frustrante sapendo di aver fatto svariate altre cose importanti tanto quanto quella, ma ad un certo punto essere l’uomo che ha fatto appunto quel “piccolo passo” dovrebbe instillare una certa responsabilità. Mi spiego: se da un lato gli va il merito di non aver sminuito il programma spaziale con decine se non centinaia di comparsate in trasmissioni dozzinali e pseudo scientifiche solo per “tirar su soldi” da un altro punto di vista (secondo me ovviamente) avrebbe un po’ il dovere morale di divulgare la scienza usando la figura che rappresenta…cioè quella del primo uomo sulla Luna. Ok ha fatto altro, ma è indiscutibilmente il primo uomo sulla Luna!


#8

Un piccolo aneddoto: a metà degli anni settanta Renè Burri, grande fotografo della Magnum, si occupò di fotografare tutti gli astronauti del programma Apollo (e forse qualcosa di più, non ricordo).
L’unico che si rifiutò di posare fu proprio il nostro Armstrong. Burri trovò il modo di infilarlo nel reportage fotografando l’immagine di Neil che appare su di un televisore, posto in una sala riunioni deserta, alle prese con lo spot che girò nel 1975 per la Chrysler.