[2021-10-05] Sojuz 2.1a | Sojuz MS-19

Video del rollout.

4 Mi Piace

Forse era già noto (non ricordo) il fatto che anche Anton avrà un ruolo nel film. E si sta lamentando che il regista continua a cambiare idea sulle scene che dovrà interpretare, mettendolo in difficoltà (non essendo Anton un attore professionista).

7 Mi Piace

Chissà quante volte il povero Anton in orbita si sentirà ripetere… “Ciak, si gira!”. P.S.: esperienza di un piccolo attore teatrale. :grinning:

Uh ma che belle immagini in HD su Roscosmos TV.

3 Mi Piace

Liftoff

Korolev cross

Staging 3° stadio e apertura pannelli

6 Mi Piace

Non manca uno scatto del lancio visto dallo spazio.

8 Mi Piace

In approccio manuale per problemi al KURS

5 Mi Piace

Vi serve un poster?

9 Mi Piace

Si stanno per aprire i portelli tra Rassvet e Soyuz.

Per amore del neorealismo spaziale, sarà girata già adesso una scena del film.
Non ci sarà nessuno ad accogliere il trio, perché la sceneggiatura prevede che tutti gli altri stiano fuori dall’inquadratura.

5 Mi Piace

Niente, sembrava che dovessero fare chissà cosa, ma è stato tutto sommato un ingresso standard.

1 Mi Piace

Il momento dell’apertura dei portelli e dell’ingresso alla ISS

4 Mi Piace

10 a bordo della Iss. Dove dormiranno i nuovi arrivati?Sarei curioso di vedere anche la strumentazione cinematografica che utilizzeranno a bordo della Iss…

Uno di loro sicuramente avrà l’alloggio di Nauka, un altro occuperà una delle due cabine di Zvezda, verosimilmente prendendo il posto letto di Novickij o Dubrov. Il terzo o avrà una camera da letto di fortuna (sacco a pelo da qualche parte) oppure farà scambio con uno dei cosmonauti precedentemente citati.

Per questioni legali e di responsabilità, essendo due partecipanti al volo spaziale e non disponendo di un addestramento a 360°, Julija Peresil’d e Klim Sipenko devono sostare nel segmento russo. Tuttavia NASA e Roskosmos hanno stretto un accordo nel quale autorizza loro di accedere al segmento statunitense se e solo se accompagnati da un cosmonauta professionista.

4 Mi Piace

Nel segmento USOS hanno sicuramente una RED DSMC2 con sensore Helium 8K F-Mount (Nikon). Nelle immagini dell’ingresso di questo equipaggio si vede una RED, ad occhio sembra anche questa una DSMC2 (potrebbe anche essere la stessa), con però una ottica Zeiss (che potrebbe essere sia F che PL).
In qualsiasi caso hanno sicuramente corpi e lenti più che adatti al mestiere.

Ci sono altri aspetti altrettanto importanti di cui sappiamo poco e che sarà interessante scoprire, il primo che mi viene in mente è la gestione della luce: gireranno con luce “naturale” (quella standard della ISS), o utilizzeranno faretti, come si sono già visti in vari collegamenti video.
Un altro aspetto rilevante è la registrazione dell’audio in presa diretta: la ISS è estremamente rumorosa e l’utilizzo di microfoni direzionali aiuterà sicuramente (sulla stazione ho sempre solo notato l’E835), il problema, però, è che essendo una ambiente stretto e chiuso sarà comunque impossibile isolare tutti i rumori di fondo.

Immagino, invece, che tutte le questioni di trucco, parrucco e costumi saranno gestite senza grandissimi problemi in autonomia.

L’unica altra questione che immagino sarà complessa da gestire è l’edizione: registrare i ciak, controllare la continuità tra le inquadrature (scenografie, costumi, …). Probabilmente sarà fatto tutto a distanza con dei collegamenti audio e video in diretta.

Proprio sull’aspetto della continuità tra le scene sarà interessante capire quali sono gli accordi per l’utilizzo degli spazi: essendo un ambiente lavorativo gli oggetti di scena vengono continuamente utilizzati e spostati, questo potrebbe creare grandi difficoltà in fase di montaggio.

5 Mi Piace

Secondo voi ci sarà veramente una netta sensazione di realismo o effetto wow rispetto a quanto possibile in cgi qui sulla terra?

Shkaplerov diventa il primo del suo gruppo a volare quattro volte.

L’ultimo lancio di una Sojuz con tutti i tre occupanti di nazionalità russa risale all’epoca della Mir (Sojuz TM-28 nell’agosto 1998) quando a prendere la via dello spazio furono Padalka, Avdeyev e Baturin.

Con questo, sono tre lanci orbitali consecutivi in cui tutti i membri di ogni equipaggio sono di un’unica nazione (in questo caso Cina, USA e Russia). L’ultima volta che accadde fu tra il 1996 e il 1997 (STS 79, STS 80 e STS 81) quando in tutti e tre i lanci vi furono solo cittadini USA.

Cinque russi contemporaneamente in orbita non si vedevano dal marzo 1995 (Polyakov, Viktorenko, Kondakova, Dezhurov e Strekalov), mentre cinque russi contemporaneamente a bordo della ISS non si erano mai visti prima d’ora.

14 Mi Piace

Sarà Novitsky ad interpretare l’astronauta il cui problema medico ha richiesto l’invio di Yulia sulla ISS.

https://www.roscosmos.ru/32840/

5 Mi Piace

Dopo questo ennesimo guasto al sistema KURS (lato ISS) si è deciso che verrà sostituito.

8 Mi Piace

Nuovo articolo di Marco Carrara pubblicato su AstronautiNEWS.it.

5 Mi Piace

Dall’esterno non è semplice rendersi conto della portata del progetto Vyzov. Dimitrij Rogozin ha raccolto le esperienze dirette degli operatori cinematografici per mostrarci, in modo genuino e senza filtri, le avventure delle persone dietro le quinte

3 Mi Piace