Rocket Lab annuncia il nuovo vettore Neutron

In merito non dicono nulla, se non che avrà la capacità di rifornire la ISS di equipaggio e cargo, di più non si specifica.

2 Mi Piace

Apperò, molto interessante !

Sbaglio o è una novità poco o per nulla attesa ?

2 Mi Piace

RL aveva detto di avere alcune novità, ma non avrei pensato all’annuncio di un vettore nuovo.

Si si qualcosa era nell’aria, ma non certo un vettore di tale portata :astonished:

Piccola curiosità sul fatto che Neutron sarebbe in grado di rifornire la ISS:

Antares, il vettore usato da Northrop Grumman per lanciare la navicella di rifornimento Cygnus, ha come capacità di carico, per l’appunto, circa 8000kg.

Se vogliamo parlare quindi di classe di lanciatore, per avere un’idea delle sue abilità di lancio, si posiziona nella stessa classe dell’ Antares, del Delta III, dell’ Atlas III, dello Zenit-3SL e si avvicina al Falcon 9 v1.0.

7 Mi Piace

4 messaggi sono stati spostati in un nuovo Argomento: Possibili nomi di nuovi lanciatori Rocket Lab

ecco un rendering di Neutron

7 Mi Piace

Quindi lanceranno dal MARS…
Avremmo quindi un confronto diretto e ravvicinatissimo con Antares di NGIS (del tutto comparabile come dimensioni e carico utile).

Ma dove atterrerà? Chiatta o costruiranno un pad?

In questo articolo Beck spiega il ragionamento dietro alla taglia scelta per Neutron (circa 8 tons). Sostiene che spesso i razzi non viaggiano a pieno carico, diminuendo quindi la dimensione del razzo si ottimizza il costo per lancio, invece che il costo per kg:

“The really successful commercial launch vehicles of today are never full,” Beck noted. “So while cost per kilogram is a useful metric, it’s less useful if a rocket is rarely filled up.”

Successivamente, Musk ha dichiarato che questo non è vero per Falcon 9:

7 Mi Piace

Il nome del motore dovrebbe essere Archimede.
https://twitter.com/chloem_private/status/1404833384803848195?s=20

https://www3.wipo.int/branddb/en/showData.jsp?ID=NZTM.1172166

2 Mi Piace

Neutron avrà un suo pad dedicato.

5 Mi Piace

A breve ci saranno ulteriori aggiornamenti più sostanziosi, ma oltre ad avere un nuovo pad, molto probabilmente negli USA, ora Neutron è alto 46 metri e con un fairing da 5 metri di diametro. In precedenza era alto 40 metri (grazie @Martino!) e il fairing era da 4,5 metri di diametro.

Musk ci scherza un po’ su dicendo che sarà prima o poi come un F9.

3 Mi Piace

Non è proprio un lancio, ma è comunque un evento da salvare, ovvero un aggiornamento di Rocket Lab sul loro lanciatore di prossima generazione Neutron:

4 Mi Piace

Sto seguendo la diretta e … beh, tanta roba …
In pratica il secondo stadio è racchiuso in un fairing “fisso” del primo stadio, che si apre e si richiude per il rilascio, prima del rientro a terra.

Beck alza decisamente l’asticella per Rocketlab.

La diretta nel video postato gia da Soltasto, inizia a 8:55 .

6 Mi Piace

I punti principali dal video:

  • Le misure:
    • Altezza: 40 m
    • Diametro alla base: 7 m
    • Diametro ogiva: 5 m
    • Payload in LEO: 8000 kg (riutilizzabile)
    • Massimo payload in LEO: 15000 kg (a perdere)
    • Massa al decollo: 480.000 kg
  • Neutron sarà costruito in fibra di carbonio con parti create in modo del tutto automatizzato per tenere bassi i costi e massimizzare la velocità di produzione;
  • i nuovi motori Archimedes hanno una spinta di 1 Meganewton, 330 secondi di ISP, a METALOX e con tecnologia di tipo gas generator cycle. Sono progettati per essere semplici, riutilizzabili molteplici volte e mai spinti troppo vicini ai limiti strutturali. 7 Archimedes spingeranno il primo stadio;
  • il primo test degli Archimedes è previsto per il 2022
  • il razzo tornerà sempre alla base di lancio, niente ammaraggi su chiatta;
  • niente recupero dell’ogiva
  • le forme del razzo sono state studiate per minimizzare lo stress e le onde d’urto al rientro
  • il secondo stadio è letteralmente “appeso” all’interno del primo stadio. Per questo morivo non si staccano le ogive, che sono richiudibili. Il secondo stadio è di fatto contenuto nel primo.
  • il controllo della traiettoria di rientro sarà fatto con alette canard
  • le gambe di atterraggio sono fisse e fanno anche da superfici aerodinamiche

Varie le frecciatine/confronti diretti con SpaceX, tra cui la battuta: “Quando in Rocketlab diciamo che faremo qualcosa, lo facciamo” (che si applica anche ai BE-4 di Blue Origin).

Lista ambiziosa, non ci resta che osservare il loro percorso.

19 Mi Piace

Il fairing richiudibile è interessantissimo, e non l’avrei mai immaginato (ma per fortuna non è il mio mestiere) per qualcosa di così grosso.

6 Mi Piace

Dato che Neutron non pare raggiungere l’orbita, il secondo stadio “contenuto” nel fairing dovrebbe per forza essere a perdere. Non capisco se farà comunque parte del sistema Neutron, (ma dato che dovrà raggiungere l’orbita, immagino di si) , ma si presume che avrà uno di questi motori, ottimizzato per il vuoto. Comunque é un sistema solo parzialmente riutilizzabile, ma che potrebbe erodere il mercato di F9…

Al momento solo il primo stadio sarà riutilizzabile.

1 Mi Piace

Entro totalmente a gamba tesa (e forse OT): inizialmente la configurazione a “petalo” che racchiude il secondo stadio non mi ha convinto, ma se l’hanno scelta hanno i loro motivi. E anche casi d’uso: che Neutron sia in grado di ripulire alcuni detriti spaziali? Forse, non entra in orbita, ma con qualche modifica si può rendere attuabile?

Chi ha condiviso il tweet lavora in RL (non che sia garanzia di certezza)

Interessantissimo e mai sentito prima, ma mi sembra geniale.

Dato che il secondo stadio non deve resistere allo stress di Max Q, viene esposto solo una volta nel vuoto, e probabilmente il primo stadio fornisce anche supporto strutturale, il rapporto di massa del secondo stadio potrebbe essere molto migliore e il suo costo molto piu’ basso.

Gran parte del delta V e’ fornito dal secondo stadio, un miglioramento di prestazioni e costi di quest’ultimo che per inciso e’ anche la parte spendibile potebbe cambiare molto i razionali.

Non ho approfondito molto ne’ ascoltato ancora il video, ma lo faro’, non mi aspettavo di trovare un’idea cosi’ interessante mai sentita.

Ora mi aspetto che qualcuno proponga un secondo stadio riutilizzabile con le sue fragili piastrelle dello scudo termico tenute al sicuro e protette in una cargo bay del primo stadio.

1 Mi Piace