Associazione ISAA
ForumAstronautico
AstronautiNEWS
AstronautiCAST
AstronautiCON
StratoSpera
ForumAstronautico.it

Lockheed P-791

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Lockheed P-791
« Risposta #20 il: Ven 21/11/2014, 21:34 »
Forse intendevi 100 anni?  :grin:



No,intendevo propio vent'anni,anche se in realtà avrei fatto meglio a scrivere trenta,perchè i primi articoli sul ritorno dei Dirigibili e sulle magnifiche sorti di questo tipo di aeromobile dato per defunto già alla fine degli anni 30,li ho letti nei primi anni 80 su riviste come "Omni" o "Le Scienze".
Parlavo infatti della "seconda era del Dirigibile",periodicamente annunciata come imminente grazie alle nuove tecnologie,e in realtà mai partita (e dubito che mai partirà).
 

Offline Stick

  • 0
Re:Lockheed P-791
« Risposta #21 il: Ven 15/01/2016, 01:06 »
Eh ?!?
Mi spiego meglio.
Gli elicotteri sono oggetti che costano molto, milioni di euro. Sono moderatamente rumorosi e quindi la loro presenza è piu "verificabile" rispetto a un silenzioso dirigibile (che se non alzi il naso al cielo, non lo vedi).
Inoltre donano prestigio, giacchè ogni corpo statale o parastatale, in italia, o ne ha qualcuno, o ne vorrebbe qualcuno. Ad esempio, persino la polizia penitenziaria li avrebbe chiesti, anzichè avvalersi della collaborazione delle unità di altre forze dell'ordine.
Ma, se in campo militare i vincoli sono quantomeno rispettati, in campo civile, specialmente privato, la concorrenza è spietata. Nell'arco alpino ci sono aziende elicotteristiche che non lesinano denunce tra loro, anche per violazioni inventate, pur di mandare gli ispettori ENAC a controllare il concorrente e farlo stare a terra qualche giorno.
Inoltre, in tutta italia, gli amministratri regionali regolano le loro campagne elettorali sul servizio di elisoccorso, dato che sanno che più lo prometono e più voti avranno. Senza contare che una regione senza servizio elisoccorso, in certi ambienti e con certe mentalità, perde prestigio ed efficenza (cosa in raltà non  sempre vera: la piccola Umbria è servita dell'elisoccorso delle Marche, ad esempio).
Infine è chiaro che l'elicottero in sè dona più prestigio di qualsiasi Bentley o Rolls, anche fosse uno striminzito ed economico Robinson: arrivare al lavoro, per un dirigente, sbarcando sul tetto con un elicottero, attira sicuramente di piu l'attenzione che se arrivasse a bordo di una silenziosa limousine che costa il doppio. Ma vuoi mettere?
Anche per l'Expo di milano hanno pensato ad una serie di collegamenti elicotteristici, ovviamente "non per tutti" :)
Persino i vigili urbani di Roma ne avevano chiesto (e ottenuto) uno, di elicottero (gestito dalla Elifriulia, anzichè da aziende locali).
In italia soprattutto, l'elicottero è visto piu come elemento di prestigio, status-symbol, anche se si è un corpo statale o pubblico.

Anche se i dirigibili costassero molto di meno di elicottero (sia nel'acquisto che nel mantenimento) sono sicuro che la polizia, ad esempio, avrebbe grandi remore nel dotarsene, per sorvegliare le città dall'alto, poichè il deterrente, anche e soprattutto psicologico, che puo dare un elicottero (capace anche di raggiungere i 300 km/h) non te lo dà nessuno.

Purtroppo, aggiungerei io (dato che sono un fan del dirigibile, pur amando gli elicotteri)

Direi che l'elicottero, per la versatilita' offerta, trova impiego in molte condizioni, proprio perche' offre capacita' uniche... E' per questo che viene estensamente utilizzato in diversi ruoli, di certo non perche' e' uno status-symbol...

Inoltre un elicottero a media quota con ottimi sensori, garantisce una invisibilita' molto maggiore di un dirigibile di notevoli dimensioni, che difficilmente puo' inserirsi in uno spazio aereo tradizionale insieme agli aeromobili convenzionali...

Mi sembrano argomentazioni totalmente prive di significato quelle riportate... Un dirigibile non costa per nulla meno di un elicottero, basta pensare solo alle infrastrutture necessarie per ospitarlo. La versatilita' del dirigibile e' prossima a zero, se comparata con l'elicottero! 
 

Offline Stick

  • 0
Re:Lockheed P-791
« Risposta #22 il: Ven 15/01/2016, 01:09 »
Mi spiego meglio.
Inoltre donano prestigio, giacchè ogni corpo statale o parastatale, in italia, o ne ha qualcuno, o ne vorrebbe qualcuno. Ad esempio, persino la polizia penitenziaria li avrebbe chiesti, anzichè avvalersi della collaborazione delle unità di altre forze dell'ordine.
Ma, se in campo militare i vincoli sono quantomeno rispettati, in campo civile, specialmente privato, la concorrenza è spietata. Nell'arco alpino ci sono aziende elicotteristiche che non lesinano denunce tra loro, anche per violazioni inventate, pur di mandare gli ispettori ENAC a controllare il concorrente e farlo stare a terra qualche giorno.

Non capisco questa affermazione, a parte che descrive in maniera decisamente travisata la realtà, come ci sono aziende che si combattono anche sul piano legale (perché in altri settori non avviene??) ci sono molte aziende che fra loro collaborano negli interessi di entrambe... non capisco questa affermazione in questo contesto e cosa dimostrerebbe in ambito elicotteristico... l'unica dimostrazione che vedo io è che la concorrenza è spietata in questo settore visto il mercato disponibile e il gran numero di operatori presenti.

Citazione
Anche per l'Expo di milano hanno pensato ad una serie di collegamenti elicotteristici, ovviamente "non per tutti" :)

Sarebbe l'occasione per provare a rimetterci in pari con il resto del mondo in fatto di collegamenti veloci e utilizzo ottimizzato dello spazio aereo. Milano o l'Italia in generale sfrutta gli spazi aerei e le potenzialità di traffico e quindi introiti in maniera medievale se paragonata a quello che avviene nelle grandi capitali del mondo...

Citazione
Persino i vigili urbani di Roma ne avevano chiesto (e ottenuto) uno, di elicottero (gestito dalla Elifriulia, anzichè da aziende locali).

Appunto, SOLO uno per una città come Roma...

Mah.. vivendola "da dentro" non condivido praticamente nulla di questa visione del mondo elicotteristico ... mi sembra un'analisi molto superficiale e che tiene in secondo piano (o forse anche terzo) gli utilizzi reali che vengono fatti o che potrebbero venir fatti con l'elicottero...

Concordo pienamente con le risposte fornite al post iniziale, che non ha ne' capo ne' coda...
 

Re:Lockheed P-791
« Risposta #23 il: Ven 15/01/2016, 17:14 »
Avevo dimenticato questo post!
Si concordo sul fatto,per altro evidente,che dirigibili ed elicotteri sono mezzi imparagonabili e che l'elicottero è molto più versatile del dirigibile.
Non dimentichiamo inoltre che circa il controllo delle città dall'alto,la tecnologia dei droni sta facendo passi da gigante.
Inoltre,in teoria,se il costo dell'accesso allo spazio si ridurrà,in un futuro più o meno lontano non è impossibile ipotizzare grandi metropoli,come New York,Hong Kong o Londra,che commissionino satelliti di sorveglianza in orbita geostazionaria.
Detto questo,il dirigibile è un mezzo senz'altro affascinante,ma come dicevo in un post più sopra,a fronte di periodici annunci su un presunto prossimo rinascimento di questi aeromobili,il mezzo più leggero dell'aria non decolla (è il caso di dirlo).
Dove potrebbe essere veramente utile il dirigibile del futuro?
Forse tutt'alpiù come trasporto portacontainer,e come areomobile da crociera di lusso.
Nel frattempo però stiamo assistendo alla sperimentazione di nuovi materiali in campo Areonautico che potrebbero ridurre pesi e consumi degli Aerei.
Insomma,mi pare che l'"Aereo del futuro" batterà il "Dirigibile del futuro",e che questi magnifici pachidermi dei cieli continueranno ad esistere nei racconti di fantascienza "steampunk".
 

Re:Lockheed P-791
« Risposta #24 il: Ven 15/01/2016, 18:08 »
Inoltre,in teoria,se il costo dell'accesso allo spazio si ridurrà,in un futuro più o meno lontano non è impossibile ipotizzare grandi metropoli,come New York,Hong Kong o Londra,che commissionino satelliti di sorveglianza in orbita geostazionaria.
Non credo proprio....la GEO si trova a 36.000 km dalla superficie e sull'equatore, mi sembra alquanto difficile!
 

Re:Lockheed P-791
« Risposta #25 il: Sab 16/01/2016, 10:02 »
A mio avvisoun vero un  accesso economico alle missioni ISR potrebbe essere offerto da progetti come lo Zephyr. Hanno la versatilità di un aereo, sono trasportabili e controllabili da una ground control station lontana e molto più economici di un UAV MALE. Per i dirigibili non mi sembra la trovata del secolo, sono abbastanza scettico sulla loro utilità.
 

Offline Mike65

Re:Lockheed P-791
« Risposta #26 il: Sab 16/01/2016, 12:19 »
Si stanno studiando dei droni ad alimentazione solare che possono effettuare missioni di molti mesi, con la possibilità di una buona velocità e carico utile.
 

Re:Lockheed P-791
« Risposta #27 il: Gio 21/01/2016, 11:21 »
Sembra non abbiate capito proprio il mio discorso, vedo.... Peccato
C'è qualcun'altro che lo ha travisato, per caso?  :surprise:
Io ho spiegato in cosa puo essere usato proficuamente un dirigibile (sorveglianza dall'alto di città e arterie autostradali, piu economicamente di un elicottero o di un satellite) fine. Solo per questo compito.
Inoltre conosco molto molto bene la realtà elicotteristica italiana, un pò per lavoro e un pò per passione, quindi quando scrivo quelle cose sulla situazione elicotteristica italiana, io non esprimo un parere ma illustro un dato di fatto, che piaccia o meno.
Siete voi che avete detto che un dirigibile non può (ovviamente) fare un soccorso sanitario (HEMS, HEMST o SAR che sia), non certo io.
Quanto ai costi... un biturbina di classe media di peso (tra le 6 e le 8 ton) costa circa 3/4000 euro al minuto di volo, variabili a seconda del tipo di missione che è chiamato a fare.
Quanto a infrastrutture, in Italia è proibito agli elicotteri di atterrare e decollare da spazi liberi (salvo emergenze e interventi di emergenza) che non siano elisuperfici omologate ENAC e con la costante presenza di personale antincendio durante le manovre. Per certificare un qualsiasi spiazzo come elisuperficie occorre un gestore nominato dal proprietario del terreno, e tutte le certificazioni dell'ENAC, dei VVF e delle autorità locali.
Alla fine come spese credo che se non son piu alte rispetto dirigibili, forse si equivalgono.

Però un dirigibile consuma incredibilmente di meno, inquina di meno (anche acusticamente) e non da fastidio a nessuno. Ed è anche molto piu sicuro (se riempito ad elio e non a idrogeno, ovviamente   :stuck_out_tongue_winking_eye: ).

Io rimango della mia idea e, se voi non avete capito il mio discorso, credo proprio sia un problema vostro  :agree: :beer:
« Ultima modifica: Mer 15/02/2017, 10:58 da david bowman »
Mio Dio! E' pieno di stelle!!
 

Offline albyz85

  • "Space isn't so far - it's only an hour's drive if your car could go straight up."
  • *
  • 16.027
  • Ringraziato: 12 volte
    • https://www.facebook.com/alberto.zampieron
Re:Lockheed P-791
« Risposta #28 il: Gio 21/01/2016, 12:00 »
...un biturbina dio classe media di peso (tra le 6 e le 8 ton) costa circa 3/4000 euro al minuto di volo,

Ehmm... Per ora di volo, non per minuto di volo...

Ah... Non sei l'unico a lavorare in questo settore, per cui, che piaccia o no, le tue sono solo opinioni personali...

Citazione
Quanto a infrastrutture, in italia è proibito agli elicotteri di atterrrare e decolare da spazi liberi (salvo emergenze e interventi di emergenza) che non sianoelisuperfici omologate ENAC e con la costante presenza di personale antincendio durante le manovre. Per certificare un qualsiasi spiazzo come elisuperficie occorre un gestore nominato dal proprietario, e tutte le certificazioni dell'ENAC, dei VVF e delle autorità locali.

Sbagliato, con la nuova regolamentazione già in vigore vengono definiti i PIS (Public Interest Site), ovvero luoghi adatti all'atterraggio di un elicottero per dimensioni ma non equipaggiati con tutti i requisiti richiesti ad un'elisuperficie. Sono utilizzabili a questo scopo campi sportivi, rotonde ecc. a scopo HEMS o qualsiasi utilizzo di pubblica utilità.

Citazione
Io rimango della mia idea e, se voi non avete capito il mio discorso, credo proprio sia un problema vostro

... perché io sono io e voi...  :censored:
Socio ISAA - Tessera n. 002


www.astronautinews.it