[2022-09-12] New Shepard | NS-23

giusto per far presente che sono sul pezzo! :sweat_smile:

impressione mia ma già alla partenza si notava qualcosa di strano? allo zero del countdown il razzo era ancora immobile e ha impiegato qualche secondo in più per staccarsi dalla piattaforma; e oltretutto nemmeno in modo molto perpendicolare alla superficie.

1 Mi Piace

tutto normale al lancio per quello che si vede, un pò come per gli shuttle ci sono dei secondi in cui il motore va a piena potenza e i computer decidono se è tutto nominale. Se ci fosse qualche parametro errato allora ci sarebbe lo spegnimento

ah ok… impressione mia allora… è un po’ che non guardo più lanci di BO perchè erano “monotoni”… a sto giro mi hanno fregato :slight_smile:

3 Mi Piace

due modeste osservazioni/domande:

  1. mi aspetterei che il booster, se anche non si è distrutto venga fatto esplodere dal Range, come al solito.
  2. mi chiedo se quel tipo di accelerazioni è sopportabile da un equipaggio non particolarmente selezionato e/o trained senza subire gravi danni. Spero comunichino almeno l’accelerazione massima. Tra l’altro mi è parso di notare una improvvisa variazione di assetto nel momento della separazione. A distanza può sembrare marginale ma dall’interno può facilmente creare accelerazioni importanti.
2 Mi Piace

Una sequenza di fotogrammi degli istanti dell’anomalia:

7 Mi Piace

Blue Origin conferma l’impatto al suolo del booster:

4 Mi Piace
  1. Credo proprio che in ogni istante in base ad energia e direzione del vettore sappiano precisamente dove va a cadere. Magari basta comandare uno spegnimento del motore se la balistica colloca la caduta in una punto tranquillo e solo in caso di mancato spegnimento terminarlo.
  2. Me lo sono chiesto anche io e mi sono dato un paio di risposte. La prima è che diversamente dalla maggior parte dei caccia qui vanno in quota sdraiati, quindi l’accelerazione non comprime le vertebre e si distribuisce meglio. Inoltre mi è sembrato che il tempo di accensione del motore di sicurezza non fosse proprio limitato anzi. Quindi immagino meno accelerazione per più tempo, al netto che forse la prima frazione è quella più tosta
1 Mi Piace

Ora da un booster solo…

Il primo booster della compagnia, Booster 1, è stato perso durante il volo di aprile 2015. Booster 2 è stato ritirato nell’ottobre 2016 dopo aver eseguito con successo un test del sistema di fuga di lancio al suo quinto e ultimo volo. Booster 3, che ha lanciato la missione di lunedì, è stato il più antico razzo operativo dell’azienda, facendo il suo debutto nel dicembre 2017. La società ha utilizzato il suo nuovo razzo, Booster 4, esclusivamente per i lanci umani. Ha alcune modifiche da Booster 3 per qualificarlo come un razzo umano.

… ma neanche Berger mi dice niente del numero di capsule*


*: wiki me ne da 3 così messe

  • Il 5 ottobre 2016 la capsula RSS Jules Verne è stata ritirata dopo un test di aborto (ha volato i primi cinque voli di NS)

  • Il New Shepard 3 (NS3), che ha spinto solo voli unmanned e s’è schiantato oggi, volava insieme alla capsula RSS H. G. Wells (che chissà se volerà più…)

  • Ultima la RSS First Step (Reusable Space Ship First Step) a volare, sempre, con SN4 e passeggeri


Edit (12 giorni dopo):
M’era sfuggito il tread dedicato

Che però ha bisogno d’un aggiornamento

l’impatto del booster potrebbe essere a circa 1.02km dal pad di lancio

6 Mi Piace

4’39’', Scott Manley

5 Mi Piace

da questo articolo di Jeff Foust, al panel “World Satellite Business Week” un dirigente di Blue Origin ha declinato di rispondere alle domande sull’accaduto dicendo che è troppo presto per trarre conclusioni.
L’unica cosa interessante IMO è la seguente:

“There was no damage that we could see from a payload perspective.”

3 Mi Piace
5 Mi Piace

il link a linkedin non funziona. Neanche dopo avere rimosso la parte dopo il punto interrogativo.

Sarei molto curioso di leggere cosa c’è(ra) scritto. Cercato su google ma non trovo nulla sull’argomento “15 g”. Cercato anche tra i post di James Joyner. Forse l’ha cancellato? In tal caso potrebbe essersi trattato di un errore, di violazione di NDA, “cortese” richiesta da parte di qualcuno…

boh, vedremo i dati ufficiali (spero). Di sicuro sono tanti, anche vedendo che Orion ne fa 7 e la Dragon ne fa 3.5/4

edit: probabilmente il dato di Dragon è 3.3G del booster + i 3.5/4 dei superdraco
la soyuz dovrebbe fare 10G al pad e 14/15 durante il lancio, perciò in linea con New Shepard? Quindi anche per Orion il dato è inteso unicamente come spinta del LAS da sommare al booster?

1 Mi Piace

è possibile che si siano sommate anche vibrazioni ed oscillazioni laterali.

Comunque quando hai un potente motore a razzo sotto al sedere (anzi, sotto al tavolo…) non è mai una passeggiata.

ricordo 10 g per la Soyuz in caso di rientro balistico… per un paio di minuti, credo

1 Mi Piace

I sedili eiettabili possino arrivare anche a più di 20g nel primo secondo di attivazione.

Mi chiedevo se (o in caso negativo perché non) ci siano dei requisiti anche sul “jerk”, (o “jolt”) ovvero sulla derivata dell’accelerazione, in ambito aerospaziale.

Penso che se un essere umano è soggetto ad un cambio di accelerazione graduale, come per esempio in una centrifuga, è una cosa. Se la variazione di accelerazione è istantanea può creare oscillazioni pericolose e non consente di adattarsi, per esempio appoggiando la testa sul sedile.

Nuovo articolo di Marco Carrara pubblicato su AstronautiNEWS.it.

2 Mi Piace

potremmo avere presto notizie sull’incidente da parte di fonti ufficiali, visto che qualcosa si sta muovendo per il prossimo NS-24 tra aprile e giugno di quest’anno